Buona la prima

lopez

Buona la prima per il Cagliari che regola in rimonta l’Atalanta e si porta a casa i primi 3 punti della stagione. Lo stadio A? ancora il Rocco di Trieste, probabilmente (e finalmente) per l’ultima volta in attesa che i rossoblA? tornino al Sant’Elia giA� per il prossimo impegno casalingo contro la Sampdoria.
Lopez, alla prima da ‘titolare’ in panca, sorprende non schierando Astori (partenza imminente?) e proponendo Cabrera come vice Cossu alle spalle del duo d’attacco Sau – Pinilla.
Quelli che, almeno sulla carta, sono i padroni di casa partono bene soprattutto grazie agli spunti del ninja Nainggolan che dopo quattro minuti impegna Consigli. I bergamaschi soffrono, ma dopo aver avuto un’occasione con Livaja che alza troppo il pallonetto di fronte ad Agazzi, riescono a passare con la zuccata di Stendardo. Neanche un giro di lancetta e Sau con un’assist da prestigiatore smarca Nainggolan che di piattone pareggia immediatamente il conto.
La ripresa inizia ancora sotto il segno di Sau, che per poco non realizza un gol da playstation dribblando in area e toccando sotto quasi a beffare Consigli ormai battuto. Il vantaggio arriva comunque grazie all’altro sardo in campo, Murru, che offre a Matias Cabrera il pallone da depositare in rete che vale il primo gol rossoblu dell’uruguayano dalla faccia d’angelo, alla sua seconda stagione nell’isola.
L’Atalanta ci prova, mette dentro Moralez, ma a parte un forcing sterile e un palo di Livaja ( che verrA� eguagliato pochi minuti dopo da Ibarbo, nel frattempo subentrato a Sau) non produce granchA? ed A? costretta a sventolare bandiera bianca.
Cellino, sigaretta in mano e look alla Kit Carson, se la gode in tribuna con la consapevolezza che aver mantenuto i propri gioielli in rosa puA? portare grandi soddisfazioni.
Gioiscono anche coloro che hanno seguito la squadra ‘in casa’ a piu di mille km di distanza, ancora una volta,non lasciandola mai sola.
E dopo Milano e Firenze sarA� la volta di rientrare a casa e lottare ancora di piA?; gli impagabili cagliaritani lo meritano.

Daniele Serra

About Daniele Serra

View all Posts

Daniele Serra nasce a Cagliari nel 1982 d.C. , sull ’isola più bella del mondo. Nel cassetto (chiusa bene) una triennale in lettere guadagnata con la tesi “Parola di Ultras – un’analisi linguistica degli striscioni delle tifoserie calcistiche italiane”. Ama scrivere, il buon cinema, le corse in riva al mare e con la palestra cerca di mantenere in condizioni accettabili la sua carcassa. Da sempre cagliaritano, nel bene e nel male.