7 abilità per 7 campioni: talenti e virtù dei nuovi top player

È la nuova e promettente generazione del tennis. Era attesa da talmente tanto tempo che la classe precedente, su cui si erano riposte speranze e aspettative, è ormai prossima alla fase calante della propria carriera.
E mentre Federer, Nadal e Djokovic lottano contro le insidie dell’età e mantengono con immensa classe le redini del movimento, una giovane e talentosa batteria di talenti ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per arrivare, un giorno, a prendersi il trono.
Ragazzi con abilità e caratteristiche diverse e particolari, che contribuiranno al mantenimento e alla crescita dello spettacolo nel mondo del tennis.
Viene dunque naturale inquadrare questi giovani campioni come componenti di un’immensa varietà e distinguerli così per la proprie peculiarità.

Il big server
Di tutti i talenti emersi quest’anno, Matteo Berrettini è sicuramente quello col servizio più incisivo. A differenza della maggior parte dei grandi battitori, però, ha a sua disposizione un potente dritto e una buonissima capacità di movimento. Nel palleggio è ancora un gradino sotto a colleghi come Zverev e Medvedev, ma possiede tutte le carte in regola per giocarsi le prime posizioni della classifica.

L’attaccante
Stefanos Tsitsipas è di tutti quello che più ricorda, con le dovute proporzioni, lo stile di gioco di Roger Federer. Lo caratterizzano incisività e solidità nei colpi e soprattutto una naturale predisposizione al gioco di rete. Visto di spalle a molti ricorda Björn Borg: paragoni estetici a parte, il talento del greco è indiscutibile.

L’antipatico
Non se la prenda Daniil Medvedev se, date le sue eccellenti e complementari abilità in ogni aspetto del gioco, la maggior parte degli appassionati lo identifica con il più banale degli stereotipi. Lanci di monetine ai giudici e scenate verso il pubblico non hanno aiutato la sua immagine, ottimamente riscattata dalle superlative prestazioni degli ultimi mesi.

Il picchiatore
Se mettiamo insieme potenza difensiva, incisività nei colpi e nel servizio e brillantezza fisica non può che venirci in mente il figlio d’arte tedesco Alexander Zverev. Ancora giovanissimo, dopo i trionfi alle Finals2018 e le tre precedenti vittorie nei 1000 sembra essere tornato il tostissimo atleta che tutti ricordavamo.

Il terraiolo
Non è sicuramente anziano, ma dei talenti emersi negli ultimi due anni è il meno giovane: Dominic Thiem è ormai considerato il legittimo erede di Rafa Nadal per quanto riguarda il comando sui campi in terra battuta.
Nonostante ciò, non fatica a farsi valere spesso e volentieri anche sul cemento.

Il guerriero
Guardando i match di Andrej Rublev non si può che rimanere impressionati dalla costanza e determinazione con la quale il russo affronta ogni punto. In qualsiasi situazione si trovi, l’avversario non può mai concedersi di rifiatare: la capacità mentale è sicuramente la caratteristica migliore del pur abilissimo ventunenne.

L’esteta
È dotato di un dritto potente e di un rovescio tanto devastante quanto spettacolare: Denis Shapovalov non ha nulla da invidiare ai grandi campioni nè a livello tecnico nè, soprattuto, nella bellezza del gioco. E se prima o dopo Federer, Gasquet e Wawrinka si dovranno ritirare, grazie a Shapo possiamo fin da adesso dormire sogni tranquilli.

Jacopo Brama

About Jacopo Brama

View all Posts

Un lunedì di tanti anni fa, seduto all’ultimo banco di una terza elementare, conobbi la prima pagina della Gazzetta e ne rimasi folgorato. Qualche primavera dopo porto nel cuore lo stesso sogno: trasmettere al mondo sentimenti ed emozioni che solo lo sport sa regalare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.