Il tour dell’Islanda per beneficenza

71_parallelo_logo_NELLA_TERRA_DEI_GHIACCI_BOLLENTI_ridimensionare-300x239Sono sempre piA? numerose le iniziative benefiche che vedono coinvolta la bicicletta, qualunque sia la tipologia, pendenza, altitudine, asperitA� della strada che la vede protagonista.

Barbara De Polli, Mauro Paradisi e Giovanni Martinacci, fedeli al proverbio “non c’A? due senza tre”, si stanno preparando alla loro terza, fantastica, avventurosa cavalcata in sella all’amata mountain bike, stavolta in uno dei paesi piA? belli al mondo, l’Islanda.

Non poteva essere diversamente, viste le riuscite ed indimenticabili imprese ottenute dal terzetto negli anni passati e che fa piacere ricordare: il Giro della Corsica nell’aprile del 2010, 760 chilometri in 7 giorni, e la Giaveno-CapoNord, massacrante Tour di ben 4900 chilometri in 40 giorni, svoltosi tra giugno e luglio del 2011.

Le passate escursioni dei tre ciclisti hanno poi creato i presupposti per la nascita di due spettacolari docu-film, ossia “Oltre il mare” per il tragitto corso e “L’urlo del grande Nord” per il tour che vide i protagonisti partire dell’Italia ed arrivare in Norvegia dopo aver attraversato sulle due ruote la Svizzera, la Germania e la Danimarca.

I due video, proiettati nelle sedi Cai o nelle sale Municipali di alcuni comuni del cuneese e del torinese (Susa, Monasterolo di Savigliano, Giaveno, ecc…), hanno permesso di raccogliere fondi che sono poi stati immediatamente destinati ai Servizi Sociali del Comune di Giaveno per la gioia dei protagonisti e di chi ha contribuito – magari in piccola ma significativa misura – ad aiutare chi A? piA? in difficoltA�.

Sulla scia di questi bei precedenti il terzetto, divenuto nel frattempo un quintetto (grazie all’aggregazione di Anita Zolfini e Daniele Debernardis), affronterA� nel luglio 2013 la terza sfida, stavolta in Islanda, la terra dei ghiacci bollenti, proprio la definizione che diventerA� il titolo del docu-film che nascerA� dai racconti e dalle immagini del viaggio dei 5 ciclisti.

Il 17 luglio 2013 il Gruppo del 71A� Parallelo (questo il loro nome) partirA� alla volta del paese nordico che li ospiterA� per ben 21 giorni tra strade impervie, sterrate, dove la natura la fa da padrona.

Come in passato, sarA� possibile seguire la loro escursione quasi in tempo reale, grazie al sito internet dove si potranno vedere foto e sarA� possibile esprimere commenti o interagire con loro.

Certi che laA�determinazioneA�non mancherA� al quintetto e che l’obiettivo prefissato sarA� raggiunto facendo fronte anche agli scontati imprevisti (sempre in agguato in questi lunghi ed avventurosi tour), non ci resta che augurare ai ciclisti un viaggio da sogno, nell’attesa di poterlo parzialmente “vivere” pure noi, grazie al video che sarA� realizzato nei mesi seguenti.

About Matteo Brama

View all Posts

Veronese, alle soglie dei 50 anni ha 5 amori (Barbara, Jacopo, Joe, l'Inter e L'Hellas) e per non essere da meno pure 5 amanti (la corsa, la bici, la fotografia, la scrittura e lo sport in generale). Sportivamente parlando vanta un paio di record di cui va fiero: maggior numero di sport praticati in vita (ne ha perso il conto) nonché maggior numero di infortuni e fratture (che gli hanno valso il meritato soprannome di Swarosky). Nella sua quarantennale carriera sportiva è stato giocatore, guardalinee, arbitro, dirigente, presidente, allenatore, giornalista-fotografo-scrittore sportivo...Sta seriamente pensando di taroccare la carta d'identità per poter partecipare al corso arbitri e chiudere il cerchio per entrare nel guinness dei primati. E' fondatore e promotore di SportBloggers.