A Bergamo il quarto pareggio, Roma dove sei?

atalanta-roma-gervinho

Torniamo da Bergamo col quarto pareggio consecutivo, ma di positivo ca��A? solo una cosa, la��imbattibilitA� conservata, tutto il resto A? da buttare. La prima cosa da buttare via A? il primo tempo regalato alla�? Atalanta da una Roma messa in campo da Garcia a�?spuntataa�?, poche conclusioni rispetto al solito e addirittura un autogol rischiato da Benatia in scivolata con palla che carambola sul palo. Nel secondo tempo arriva il vantaggio dei bergamaschi su punizione, con palla che rimbalza su un campo al limite del regolamentare per le zolle e le buche che inganna De Sanctis (un poa�� ingenuo comunque). Qui la seconda cosa da buttare, il rigore solare non concesso dalla��arbitro sul tiro di Maicon. Allora con questo fanno 5 i torti arbitrali subiti dalla Roma questa��anno, casualmente dopo le 10 vittorie consecutive ed un primo posto con cinque punti di vantaggio sulla Juventus. Ai cattivi verrebbe da pensare che la cosa sia combinata, ma noi che siamo bravi ed onesti pensiamo che siano solo casualitA�. Certo, senza queste strane casualitA� la Roma avrebbe probabilmente 6 punti in piA? e la Juve 4 in meno, ma sono sempre e solo a�?casualitA�a�?. Di positivo possiamo considerare la��ultima mezzora della squadra giocata nella metA� campo nerazzurra alla��arrembaggio fino al pareggio di Strootman ma A? ben poca cosa rispetto a quello che ci aveva abituato questa squadra fino alla partita precedente. Non capisco la linea della societA� che ha deciso di restare in silenzio in riferimento ai a�?presuntia�? torti arbitrali subiti, ma penso che se Mr. Pallotta vuole fare della AS Roma una squadra di livello internazionale dovrebbe preoccuparsi prima di tutto di farla rispettare a livello nazionale. La��appuntamento ora A? alla��8 dicembre alla��Olimpico con la Fiorentina, sperando in una terna arbitrale alla��altezza stavolta.

 

Steve Gusmann

About Steve Gusmann

View all Posts

Stefano Tiberi nasce a Roma nel 1960 e da quel giorno è giallorosso, a fine anni '70 acquisisce il nome d'arte di Steve Gusmann e comincia a girare l'Italia come dj in discoteche e radio, suona e dipinge da sempre ma non abbandona mai la passione per la Magica!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.