La Sidigas regala alla città la partita contro Reggio Emilia. Al via la campagna abbonamenti.

Tanto tuonò che piovve. E’ partita la campagna abbonamenti della Sidigas per la stagione 2017/2018. Come da indiscrezioni trapelate negli scorsi mesi, c’è stato un piccolo ritocco al costo degli abbonamenti privilegiando come lo scorso anno chi decidesse di optare per la formula GOLD (campionato + coppa) applicando uno consistente sconto. I prezzi sono quelli detta tabella qui sotto riportata:

prezzi biglietti

Gli abbonamenti saranno nominativi e accoppiati obbligatoriamente ad un documento d’identità ed il codice fiscale. Anche per questo campionato ci saranno agevolazioni per i nuclei familiari che acquisteranno più abbonamenti: a seconda che il nucleo sia composto da 3, 4 o 5 persone, si avrà rispettivamente uno sconto del 10, 15 o 20 %, anche su tessere di diversi settori. Il nucleo familiare dovrà essere composto esclusivamente da genitori e figli e, all’atto della sottoscrizione, la parentela dovrà essere dimostrata tramite documenti d’identità, stati di famiglia o simili. Per le aziende, che sottoscriveranno almeno 10 abbonamenti, scatterà lo sconto del 15% su ogni tessera. Per le forze dell’ordine è previsto uno sconto del 10% sul prezzo di ogni singolo abbonamento.

La campagna abbonamenti per il Campionato di serie A e per la Basketball Champions League partirà mercoledì 4 ottobre e si articolerà in due fasi:

  • Gli abbonati della passata stagione potranno esercitare il diritto di prelazione fino a lunedì 9 ottobre (domenica 8 ottobre la biglietteria resterà chiusa al pubblico)
  • Da martedì 10 ottobre inizierà la vendita libera fino a venerdì 13 ottobre.

Le polemiche

Molti tifosi, soprattutto a mezzo social media, hanno stigmatizzato il comportamento della società riguardo la partenza con notevole ritardo della campagna abbonamenti ventilando persino proteste clamorose. I gruppi organizzati fino ad ora, invece, tacciono. Chi scrive sottolinea la mancanza di comunicazione da parte della Società libera, naturalmente, di decidere l’inizio della campagna quando meglio crede. Ovviamente sappiamo che i motivi del ritardo sono importanti e probabilmente vanno taciuti: ma due righe tranquillizzando la piazza sarebbero state la normalità se non l’obbligo. “Scusate per il ritardo ma la campagna abbonamenti non inizierà che successivamente alla prima partita di campionato“. Poche parole che avrebbero evitato il montare di polemiche sterili e stucchevoli degli ultimi giorni. Da questo punto di vista va sottolineato che soltanto pochissime testate giornalistiche hanno prestato spazio a chi fomentava queste questioni. L’importante era assemblare la squadra e questo è stato fatto anche al di là delle più rosee aspettative. Per gli abbonamenti c’è tempo.

Nel frattempo De Cesare regala a tutti i tifosi la partita contro Reggio Emilia. Gesto forse di distensione ma sicuramente di grande signorilità che pochi si aspettavano e nessuno chiedeva. Se qualche pecca nella comunicazione vuol dire stimolare questo tipo di iniziative che ben vengano i lunghi silenzi societari. Naturalmente ci sarà chi si lamenterà degli aumenti di biglietti e abbonamenti. Ma siamo ad Avellino, stiamo in serie A e tutti debbono essere orgogliosi di partecipare allo sforzo che il presidente ha fatto anche quest’anno per allestire un grande roster confermando la miglior coppia allenatore – direttore sportivo del campionato italiano.

Buon campionato e buona Champions League a tutti!

Angelo Michele Santoro

About Angelo Michele Santoro

View all Posts

Nato nel lontano 1975, percorro l’Italia in lungo e in largo più della maglia rosa al Giro. Prima Como, poi Avellino, passando per Modena e Novara ma non disdegnando qualche capatina a Roma. Qualcuno dice che io sia leggermente sovrappeso ma è solo invidia. Sport preferiti: basket e sollevamento forchetta che pratico entrambi da amatore con risultati pessimi da una parte e fin troppo buoni dall’altra. Da 15 anni dico tutte le mattine di andare in ufficio dedicandomi in realtà alla mia passione: guardo gli operai dei cantieri in città. Lettore accanito, giornalista, scrittore prolisso e parlatore logorroico, mi riconosco soltanto un grande difetto. Non finisco mai ciò che iniz...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*