All Time XI – World Cup Special: Inghilterra

England_Football_Association

Inaugurata coi padroni di casa del Brasile, la a�?World Cup Speciala�� di questa rubrica prosegue coi i primi avversari della��Italia di questo Mondiale: la��Inghilterra.

Gli a�?inventoria�? del calcio, che in veritA� cola la Coppa del Mondo non hanno mai avuto un grande feeling, fatta ovviamente eccezione per il trionfo casalingo (e con velenosa coda di polemiche) del 1966, battendo in finale gli odiati tedeschi, grazie anche al a�?gol fantasmaa�? per eccellenza, quello di Hurst che riportA? in vantaggio i Leoni in bianco.

La��Inghilterra a�?all timea�? si schiera col piA? classico dei 4-4-2:

1 a�� Gordon BANKS: Con quel cognome, fu da subito facile il gioco di parole per cui la palla con lui era sempre a�?in bancaa�?, cioA? al sicuro. Guardiano della porta britannica nel vittorioso Mondiale casalingo del 1966, fu protagonista anche quattro anni piA? tardi, quando respinse un gol praticamente fatto di PelA�, esibendosi in quella che A? stata etichettata come la a�?Parata del Secoloa�?. In mezzo, un terzo posto alla��Europeo 1968, per un totale di 73 presenze con la maglia della��Inghilterra. La��istituto di statistiche del calcio IFFHS la��ha giudicato come secondo miglior portiere del XX Secolo, secondo solo al sovietico Lev Yashin, e davanti al nostro Dino Zoff.

2 a�� Gary NEVILLE: Colonna del Manchester United targato Ferguson, con la Nazionale ha giocato 85 partite, prendendo parte a due Mondiali (1998 e 2006) e a tre Europei (1996, 2000 e 2004), giocando praticamente sempre da titolare. In Nazionale, dopo il ritiro dal calcio giocato, ha fatto pure parte dello staff tecnico.

3- Stuart PEARCE: Uno dei giocatori piA? tosti nella storia della Premier League, con la Nazionale ha disputato 78 partite, mettendo a segno anche 5 reti, e prendendo parte a due Europei (1992 e 1996) e al Mondiale italiano del a��90, nel quale la��Inghilterra arrivA? quarta, sconfitta nella a�?finalinaa�? proprio dalla��Italia. Ritiratosi, ha intrapreso la carriera di allenatore, guidando dal 2007 al 2013 la��Under21 inglese, conquistando un secondo (2009) e un terzo (2007) posto alla��Europeo di categoria. Contemporaneamente A? stato anche assistente di Fabio Capello nella Nazionale maggiore, prendendone temporaneamente il posto dopo le dimissioni del tecnico italiano per il a�?caso Terrya�?.

4 a�� Nobby STILES: Mediano tutto sostanza del mitico Manchester United di Sir Matt Busby, dove era legatissimo a Georgie Best, tanto nei Diavoli Rossi quanto nella��Inghilterra era il frangiflutti che copriva le avanzate di Charlton. Con la Nazionale ha disputato anche la��Europeo a��68 e il Mondiale a��70.

5 a�� Billy WRIGHT: 105 presenze (con 3 reti), di cui ben 90 da capitano, la cui fascia ha portato in tutti e tre i Mondiali disputati (1950, 1954 e 1958), A? stato la bandiera del Wolverhampton, e secondo nel Pallone da��Oro 1957. A� scomparso nel 1994.

6 a�� Bobby MOORE: Colonna del West Ham United, PelA� la��ha definito il piA? forte difensore che si sia trovato ad affrontare. Sir Alex Ferguson e Franz Beckenbauer ne hanno parlato come il piA? forte difensore di sempre. Elegante ed intelligente, era il capitano e il cuore dei Leoni campioni del Mondo 1966. Con la Nazionale ha giocato anche i Mondiali del a��62 e quelli del a��70, e la��Europeo del a��68. In bianco ha totalizzato 103 presenze, segnando anche 2 reti. Secondo nella classifica del Pallone da��Oro 1970, A? stato inserito sia nella FIFA World Cup All-Time Team, sia nel Wrold Team of the 20th Century. A� scomparso, a causa di una malattia, nel 1993, a soli 51 anni.

7 a�� David BECKHAM: Uno dei campioni piA? mediatici che la Storia del Calcio abbia conosciuto, ha vinto tutto con Manchester United di Sir Alex Ferguson, prima di giocare con Real Madrid, Los Angeles Galaxy, Milan e PSG. Capitano dal novembre del 2000 fino ai Mondiali 2006, dopo i quali ha ceduto la fascia a John Terry, con la��Inghilterra ha preso parte a tre Mondiali (1998, 2002 e 2006) e a due Europei (2000 e 2004). Con 115 presenze, A? secondo solo al portiere Peter Shilton (125) nella classifica dei piA? presenti di sempre con la maglia della��Inghilterra.

8 a�� Bobby CHARLTON: Bandierissima del Manchster United e cervello della��Inghilterra a��66, con la Nazionale inglese ha giocato 106 partite, realizzando 49 gol (primatista assoluto), e vincendo appunto il Mondiale 1966, anno in cui verrA� premiato con Pallone da��Oro. Con la��Inghilterra ha conquistato anche il terzo posto alla��Europeo 1968, segnando il primo gol nella a�?finalinaa�? contro la��Unione Sovietica. Ha inoltre disputato altri tre Mondiali: 1958, 1962 e 1970.

9 a�� Nigel LOFTHOUSE: Bandiera del Bolton, centravanti dei Leoni nel Mondiale 1954 (nel quale A? andato in rete tre volte: doppietta nel girone iniziale al Belgio, e gol alla��Uruguay campione in carica nei quarti), in bianco ha segnato quasi una rete a partita: 33 presenze e 30 centri.

11 a�� Geoff HURST: La��eroe della finale Mondiale casalinga del 1966, nella quale rifilA? una tripletta alla Germania. Il secondo di quei gol, quello del vantaggio nei supplementari, A? forse il a�?gol fantasmaa�? piA? celebre nella Storia del Calcio. In Nazionale anche alla��Europeo a��68 (terzo posto finale per la��Inghilterra, suo il gol del definitivo 2 a 0 alla��URSS) e al Mondiale a��70, in bianco ha totalizzato 49 presenze con 24 reti. Anche lui, come il capitano Moore, A? stato un a�?totema�? del West Ham United. La sua centralitA� nella vittoria del a��66 mi ha costretto, mio malgrado, a a�?far fuoria�? il mitico Gary Lineker, trascinatore della bella Inghilterra di Italia a��90

11 a�� Stanley MATTHEWS: Il primo grande mito del calcio britannico, nonchA� primissimo Pallone da��Oro della storia (1956) Ala destra (ma qui fa un sacrificioa��) sgusciante e dal dribbling fulminante (lo chiamavano lo a�?Stregone del Dribblinga�?), con la��Inghilterra ha disputato i Campionati del Mondo nel 1950 e nel 1954. Fu assoluto protagonista, venta��anni prima, alla sua seconda partita in Nazionale, nella mitica a�?Battaglia di Highburya�?, nella quale la��Inghilterra battA� per 3 a 2 la��Italia campione del Mondo in carica. Suo la��assist per il primo gol inglese, segnato da Eric Brook. Ha giocato fino ai quaranta��anni, per 33 anni di carriera professionistica. A� scomparso nel 2000, alla��etA� di 85 anni.

C.T. -A�Alf RAMSEY: GiA� in Nazionale come giocatore (32 presenze, e partecipazione al Mondiale 1950), arriva sulla panchina dei Leoni nel 1963, dopo otto anni alla guida della��Ipswich Town. Guida la squadra alla vittoria del Mondiale 1966 e al terzo posto nella��Europeo 1968, vinto dalla��Italia. SarA� poi alla guida della squadra anche al Mondiale 1970, e venendo esonerato quattro anni piA? tardi, dopo aver clamorosamente fallito la qualificazione alla Coppa del Mondo 1974. A� scomparso nel 1999.

A�

Federico Zuliani

Federico Zuliani

About Federico Zuliani

View all Posts

Classe '82, juventino dalla placenta, nonostante la laurea in Scienze Politiche ha ben presto capito che la politica era meglio prenderla in giro che studiarla. Messe quindi da parte le varie ipotesi di riforma del sistema elettorale, ha scelto di dar libero sfogo al proprio umorismo abrasivo col ‘Pagellone’, attraverso cui dà i voti ai protagonisti della politica locale. Del medesimo argomento, di Sport e di tanto altro scrive sul settimanale LegnagoWeek. Collabora inoltre con altre testate cartacee e online, occupandosi di vari temi. Per ovviare allo stress dell’attività giornalistica nell’agone politico, si dedica alla “cultura del cibo”. In seguito a questa passione, ha intrapreso l’attività di food blogger, recensendo ristoranti, discutendo di ricette e litigando coi buchi della cintura. Mangia, prega, ama e impreca a Legnago.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.