Alla Pennetta l’US Open, alla Vinci…i complimenti (7-6, 6-2)

pennetta

Grandissima impresa di Flavia Pennetta che si aggiudica il derby tutto italiano contro l’ avversaria e amica Roberta Vinci in una finale che inorgoglisce l’ Italia!
Finalmente, dopo la vittoria nel 2010 della Schiavone a Parigi, arriva per l’Italia un altro e prestigioso Slam: gli US OPEN.
Incredibile è stato vedere due Italiane nella finalissima! Soprattutto guardando il percorso nel torneo di Flavia e Roberta che hanno battuto nelle semifinali rispettivamente la Halep e in particolare la Williams.
Il match è stato equilibrato per tutto il primo set vinto solo al tie break per 7 – 6 dalla Pennetta, che ha poi preso il largo nel secondo set vincendolo per 6 – 2.
La brindisina è apparsa piu’ in palla soprattutto fisicamente e questo le ha permesso di dominare l’ incontro grazie al suo gioco d’ attacco con un rovescio a due mani che ha fatto la differenza.
Ma onore al merito a Roberta Vinci che si è permessa il lusso di vincere contro la n°1 al mondo, la Williams, dopo una lotta avvincente che ha mostrato un grande carattere della tarantina.
Purtroppo per lei la spesa fisica e psicologica di questa vittoria ha forse condizionato la sua finale dove comunque non ha demeritato.
Grande Pennetta, grandiosa vittoria e grandissime ragazze che avete mostrato tutto il valore del tennis femminile Italiano di gran lunga superiore a quello maschile ancora privo non tanto di talento ma di personalità!
Speriamo che l’annunciato ritiro di Flavia, sia solo una frase detta a caldo… anche se, finire la carriera
da vincenti credo sia il massimo!

Luca Villa

About Luca Villa

View all Posts

Nato sulle rive del Po, classe 1975, dopo l'esperienza nella gloriosa "Folgore", lavora ad oggi con entusiasmo nel settore del riscaldamento. Nel tempo libero la sua passione è il tennis, che segue e pratica a livello dilettantistico dove con rara caparbietà (non molla mai) si toglie qualche soddisfazione, per dare un senso al rincorrere una pallina ed ai litigi con la fidanzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*