Alla Roma il 26A� Trofeo “Dante Ferroli” – Calcio giovanile

Sportbloggers_TrofeoFerroli_Inter-Roma-3965_small

04.05.2015 a�� Calcio
26A� Trofeo Ferroli

La Roma accede alla finale con un rigore di Cappa

Questa��anno si gioca il ventiseiesimo torneo di calcio giovanile a�?cittA� di San Bonifacioa�?, (conosciuto come Trofeo Ferroli, dal nome della��azienda Veronese main sponsor), torneo oramai diventato di fama internazionale. Le squadre partecipanti al torneo, suddivise nei loro gironi sono:

Gruppo A: Vicenza, Inter, Genoa e Altovicentino.
Gruppo B: Juventus, Atalanta, Chievo, Sambonifacese
Gruppo C: Milan, Roma, Hellas Verona, Cittadella

 

La��organizzazione del 26A� Trofeo Ferroli ha visto la partecipazione, per la prima volta, della��Alto Vicentino (societA� di Rino dalle Rive) che ospiterA� le squadre del girone A, dislocate sui campi di Marano, Valdagno e Tissino.

  • La Finale

La finale del torneo si disputa, sul campo di San Bonifacio, Domenica 3 Maggio tra le squadre della Roma (battuta la��Inter in semifinale grazie ad un rigore di Cappa) e la Juventus (battuta la��Hellas Verona ai rigori). Ea�� una finale, una bella finale, che mette di fronte due squadre tecnicamente ad alto livello richiamando, inevitabilmente, le storiche sfide tra le due squadre in serie A. La��inizio si presenta come ogni giocatore sogna, entrata in campo preceduta dalle note della�� inno della UEFA Champions Leaugue, il tutto di fronte ad un numerosissimo (e caldo) pubblico che riempie la tribuna dello stadio Renzo Tizian di San Bonifacio. La��inno nazionale precede un minuto di silenzio, per ricordare il Cav. Dante Ferroli. Inizia la partita e subito si capisce la voglia, per entrambe le squadre, di portarsi a casa il trofeo, tra un equilibrio di gioco che accompagna i ragazzi per tutta la partita. Filippo Bianco, per la Juventus, A? il primo ad aprire le marcature nel primo tempo. Nel secondo tempo ci si aspetta una inevitabile reazione dei giallorossi (che non si fa attendere). La Juventus, perA?, va a segno portandosi, momentaneamente, sul 2-0 con Goh, ipotecando la vittoria. La��arbitro della gara segnala un fallo precedente al goal annullandolo. Si rimane, quindi, sul punteggio di 1-0 per i bianconeri. Ea�� il romanista Meadow, nel finale di gara, a dare speranza ai suoi compagni con un goal che fa esplodere il tifo in tribuna. Ea��, quindi, 1-1 e la partita si riaccende di entusiasmo. Non ca��A? abbastanza tempo per tentare il secondo goal e si va ai calci di rigore. Il portiere giallorosso para un paio di rigori e porta i compagni alla vittoria.

  • IA�riconoscimenti al termine della partita.

PREMIO a�?CAPOCANNONIEREa�? DEL TORNEO: Riccardo Cappa (Roma)
PREMIO a�?MIGLIOR PORTIEREa�?: Gabriele Carletti (Hellas Verona)
PREMIO a�?MIGLIOR CALCIATOREa�?: Moussa Ndiaye (Juventus)
PREMIO a�?MIGLIOR GOAL DEL TORNEOa�?: Andrea Ciuffo (Sambonifacese)
COPPA a�?FAIR PLAYa�? AVIS DI SAN BONIFACIO: FCD Altovicentino

7A� A�Torneo dedicato ad Enrico e Giulio (CittA� di Marano) vincente gruppo A: Fc Inter

Finale 7A� Memorial Mariano Ferrarese a�� Cat. Esordiente: Sambonifacese

ROMA SHOW – Ritornati al Ferroli dopo moltissimo tempo, i giallorossi col favore del pronostico erano riusciti a dare una��idea della propria forza giA� contro il Milan alla��esordio. Cappa e Petruccelli i protagonisti a suon di gol nella fase di qualificazione. Infine, la sconfitta inaspettata contro il Cittadella e lo spareggio contro il Verona di Montecchia: A? lA� che la Roma ha fatto uscire il carattere e la voglia di vincere il trofeo, ancora a secco in bacheca. Contro la��Inter la Roma ha sofferto ma non smettendo di crederci, fino alla fine. Cappa di rigore contro la��Inter e rigori fatali anche contro la Juventus. Una piccola rivincita romanista che farA� piacere soprattutto a tutto la��ambiente giallorosso: una��annata piena di talento, che merita di crescere e migliorare. Ma i presupposti per far bene ci sono, chiedere a chi ha seguito il a�?Ferrolia�? per informazioni.

JUVENTUS PROTAGONISTA a�� La Juventus, pur limitando la propria forza nelle prime due partite di qualificazione, ha sempre dato la��idea di essere formata da individualitA� che vanno al di lA� della media delle altre squadre. Quadrata e compatta dietro, frizzante e senza punti di riferimento. Sbarazzina alla��esordio, chiusa e concreta contro la��Atalanta alla seconda giornata. Micidiale nello spareggio contro il Chievo, ma spesso poco reattiva nel chiudere le partite. Contro il Verona i rigori sono stati benevoli, con la Roma no. Ma la Juventus che pensa al futuro sa giA� quali sono i a�?campionia�? del domani.

HELLAS, MIGLIORE SECONDA. Una giornata intensa al Trofeo Ferroli, limata in mattinata con le semifinaliste uscite dal terzo e ultimo turno delle qualificazioni. In gioco, Inter (prima nel girone A e a punteggio pieno), Juventus e Roma (vittoriose nelle gare-spareggio del girone B e C, rispettivamente con Chievo ed Hellas Verona). A queste si A? unita successivamente anche la squadra gialloblA? di Davide Pellegrini, come miglior seconda del girone C.

Marco Castelletti

About Marco Castelletti

View all Posts

Nato a Verona nel lontano 1973 di fede Hellas Verona, porta sulla pelle la scala a tre pioli. Malato per la tecnologia, devoto a mamma Apple, si avvicina alla fotografia sin da piccolo. Di brand Nikon decide di frequentare corsi fotografici base e avanzati per apprendere al meglio le tecniche fotografiche, oltre che a corsi per apprendere al meglio le potenzialità di programmi come Lightroom e Photoshop. Prova ogni genere fotografico prima di capire che la fotografia sportiva e musicale sono i generi preferiti. Rimane, comunque, affascinato dalla fotografia dove è possibile cogliere l'attimo, un'espressione, un'emozione ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.