Atalanta sempre più su, soffre un tempo ma doma una Lazio sciupona (2-1)

stendardo

E’ stata una bella e dura  partita quella giocata sotto una fitta pioggia nella serata di Bergamo. Un plauso va a mister Reja bravo a ribaltare un risultato che contro una grande del campionato su di un campo pesante ha il sapore di un’impresa. E’ nel secondo tempo che i nerazzurri, sotto di un gol subito in seguito alla magistrale punizione calciata da Biglia, mostrano una reazione caparbia. La squadra che si presenta dopo il riposo appare subito più motivata ed aggressiva. Reja ci mette del suo azzeccando gli innesti di Raimondi e D’Alessandro che creano non pochi problemi ai capitolini. Con le accelerazioni degli esterni i nerazzurri prendono in mano le redini del gioco costringendo la Lazio ad arretrare il raggio d’azione. Omaggio a Cristian Raimondi che ributtato nella mischia al momento giusto si fa trovare preparato risultando determinante per la rimonta atalantina. Papu Gomez come al solito incide sulla partita, suo è il forte tiro che costringe Basta ad una clamorosa autorete dopo un rimpallo degno di un giocatore di flipper. I biancocelesti si scompongono  ed accusano il colpo, la squadra di Reja prende coraggio. Quando ormai la partita sembra volgere al termine sui binari del pareggio con i tifosi bergamaschi soddisfatti, ecco che succede l’imprevisto. D’Alessandro scodella un cross da destra , velo di Raimondi , palla che arriva a Gomez che tutto solo a centro area controlla e piazza magistralmente una palla all’incrocio dei pali con una precisione da cecchino. Lo stadio esplode di gioia , il Papu viene festeggiato e sommerso dai compagni. Prestazione da vera squadra compatta che si merita questa classifica che per le aspettative di inizio campionato inizia ad essere vertiginosa.

 

Paolo Vavassori

About Paolo Vavassori

View all Posts

Nato a Bergamo, classe 1967 (la stessa di Roby Baggio e scusate se è poco). Leggo la stessa anche di Gigi D'Alessio (scusate e basta). Da piccolo gioca a calcio ed è una promessa (con se stesso). Ripiega da subito su sport più statici per passare ben presto allo sport parlato e scritto. Folgorato dalla stella Maradona che conosce di persona (conserva gelosamente una fotografia ricordo dell ' 89 che lo ritrae con il Pibe a ricordo anche della propria capigliatura). Folgorato molto prima dalla Dea Atalanta che segue da sempre e continuerà a seguire (sempre più spesso dal divano di casa). Appassionato di golf e fotografia ha come sogno quello di poter fotografare una partita di serie A da bordo campo con la sua mitica Canon (ma ci stiamo lavorando).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*