Avellino: buona la prima!

10653729_1474878599431064_923584569914634207_n

La squadra biancoverde batte di misura la Pro Vercelli con un goal di Castaldo e guarda con un certo ottimismo alla��imminente futuro.

Buona la prima. PiA? per il risultato che per il giocoa��

La��Avellino centra i suoi primi tre punti stagionali dinanzi al solito strepitoso pubblico del Partenio, battendo di misura e solo nel finale la neo promossa Pro Vercelli, squadra tenace, generosa ordinata e ben organizzata che, in dieci uomini per oltre 50 minuti, A? riuscita ad imbrigliare la manovra biancoverde, alzando un muro che sembrava invalicabile dinanzi alla porta del suo estremo difensore Russo. A scardinare il catino dei piemontesi ci ha pensato il solito generosissimo Gigi Castaldo con un bel guizzo di testa, capitalizzando una delle poche occasioni capitate agli irpini nel corso del secondo tempo.

Infruttuosa fino a quel punto, si era rivelata la mossa di Rastelli di passare dall’equilibrato e collaudato 3-5-2 della prima frazione di gara ad un piA? spregiudicato 4-3-3, sistema di gioco che solo la��inserimento del giovane SoumarA?, al posto di un opaco Zito, aveva vivacizzato con la sua imprevedibilitA� e rapiditA� sull’out di sinistra.

Dunque Avellino poco brillante, ma di piA? probabilmente non si poteva pretendere. Troppo presto per vedere un gioco spumeggiante e soprattutto per poter esprimere dei giudizi, figuriamoci delle sentenze che sanno di bocciatura. Ea��vero alcuni giocatori sono apparsi un poa�� sottotono, ma ci sarA� tempo e modo per rifarsia��

Alcune cose vanno perA? sottolineate: rispetto allo scorso anno questa squadra ha una panchina quantitativamente e qualitativamente piA? forte che darA� al mister maggiori possibilitA� di variare e soprattutto quella serenitA� e tranquillitA� nelle scelte da effettuare che A? venuta meno nel finale della scorsa stagione. In questo difficile e lungo torneo cadetto, sappiamo bene come giochino un ruolo fondamentale la duttilitA�, il carattere, la versatilitA�, la capacitA� di cambiare in corsa, la freschezza atletica, la��esperienza e la pazienzaa�� ebbene, la��Avellino sotto questi punti di vista, puA? dormire sonni tranquilli, perchA? (sperando di non essere smentiti dai fatti, pardon, dai risultati, l’unica vera cosa che conta nel calcio) tutte queste frecce sono nel suo arco, senza contare che il team biancoverde puA? anche contare su uno staff tecnico e dirigenziale di prima��ordine che ha regalato al fotofinish del calcio mercato altri due versatili tasselli a centrocampo (la��ungherese Filkor e il giovane Da��Attilio) a mister Rastelli.

Al trainer di Torre del Greco adesso il compito di plasmare al meglio questa squadra, magari correggendo alcune cosette che poco hanno funzionato alla��esordio in campionato: gli esterni dovrebbero provare a tagliare di piA? verso la porta senza attendere sempre la palla sulla zona larga del campo, KonA? deve partecipare di piA? alla manovra provando a giocare meno spalle alla porta per sfruttare a dovere la sua visione di gioco e le sue qualitA� tecniche, Arini e Schiavon devono cercare di velocizzare e verticalizzare maggiormente le giocate nel mezzo, cosA� come Castaldo, Arrighini, Comi e SoumarA? dovrebbero provare ad aggredire di piA? gli spazi e la profonditA�. In difesa vanno oleati alcuni meccanismi: Ely, Visconti, Petracciuolo e Vergara sono ancora un poa�� grezzi, ma hanno ottime potenzialitA�, cosA� come i vari Pisacane, Chiosa e Fabbro sono delle garanzie. Il reparto portieri con Gomis, Frattali e Bavena almeno sulla carta, sembra affidabilissimo. Dunque fiducia e pazienzaa�� e sotto con il Cittadella!

Il punto sulla B

Ad inaugurare il torneo di serie B 2014/15 sono state la neo promossa Perugia e il retrocesso Bologna, che nella��anticipo serale di venerdA�, in un Curi da��altri tempi, gremito e strabordante di entusiasmo, si sono affrontante a viso aperto dando vita ad una partita intensa e vibrante. Alla fine ad avere la meglio sono stati i padroni di casa vittoriosi per 2 a 1 grazie alle reti di Verre e Falcinelli. Ma se i rossoblA? hanno toppato alla��esordio nel torneo cadetto, non hanno fatto meglio le altre retrocesse dalla A: il Catania e il Livorno hanno infatti pareggiato entrambe tra le mura amiche, rispettivamente con Lanciano e Carpi. Clamorose le vittorie esterne di Ternana e Bari sui campi di Crotone ed Entella, cosA� come le vittorie abbastanza agevoli del neo promosso Frosinone sul Brescia e del Varese sulla��ambizioso Spezia. Sono invece finite in paritA� le gare tra Pescara e Trapani e il monday night tra Modena e Cittadella.

1A? Giornata

Avellino – Pro VercelliA� 1-0

44′ (2T) Castaldo

Catania – Virtus LancianoA� 3-3

24′ (1T) Calaio’ (C)

6′ (2T) Pinato (Rigore) (V)

18′ (2T) Gatto (Rigore) (V)

29′ (2T) Martinho (C)

42′ (2T) Rosina (Rigore) (C)

50′ (2T) Cerri (V)

Crotone – TernanaA� 0-2

43′ (1T) Viola

24′ (2T) Avenatti

Frosinone – BresciaA� 1-0

6′ (2T) Ciofani

Livorno – Carpi 1-1

43′ (1T) Galabinov (L)

13′ (2T) Mbakogu (C)

Modena – CittadellaA� 1-1

28′ (1T) Sgrigna (C)

33′ (2T) Acosty (M)

Perugia – BolognaA� 2-1

19′ (2T) Verre (P)

40′ (2T) Falcinelli (P)

43′ (2T) Cacia (Rigore) (B)

Pescara – TrapaniA� 0-0

Varese – Spezia 2-1

21′ (2T) Corti (V)

30′ (2T) Catellani (S)

33′ (2T) Falcone (Rigore) (V)

Vicenza – LatinaA�A� Rin

Virtus Entella – Bari 0-2

21′ (2T) Caputo

44′ (2T) Galano

Classifica:

3 punti per Bari, Ternana, Perugia, Frosinone ed Avellino

2 punti per il Varese (-1)

1 punto per Catania, Lanciano, Carpi, Livorno, Pescara, Cittadella, Modena e Trapani

0 punti per Latina* Vicenza*, Bologna, Spezia, Brescia, Pro Vercelli, Crotone e Virtus Entella

*Una gara in meno

Nicola Iannaccone

About Nicola Iannaccone

View all Posts

"In una serata primaverile di un lontano aprile del XX sec., nasceva nella ridente e verde Avellino, Nicola Iannaccone, per tutti NIKO… l’insegnante precario, l’archeologo fossilizzato, il giornalista sfaccendato, il fotografo movimentato, l’incallito viaggiatore, l’inguaribile sognatore, l’autista impaziente, il calciatore scalciato, il Gascoigne misurato, il tennista smanettato, lo sportivo attapirato, ma soprattutto il tifoso sfegatato. Di chi? Dei lupi biancoverdi ovviamente, che non hai mai tradito, né abbandonato, al punto da aver fatto richiesta per avere residenza e domicilio presso la curva Sud del Partenio!"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.