Avellino, pari in extremis a Modena

mokulu

I canarini in vantaggio con Belingheri, sciupano in due occasioni il raddoppio e si fanno agguantare al 90esimo da Mokulu. I lupi collezionano il settimo risultato utile consecutivo, restano in zona play off e venerdA� sera si preparano ad affrontare il Cagliari degli ex Rastelli e Pisacane

Settimo risultato utile consecutivo (sei vittorie e un pareggio) per la��Avellino di mister Tesser, che con un guizzo di testa del bomber belga Mokulu al 90esimo agguanta un pari preziosissimo sulla��ostico campo del Modena. I padroni di casa, dopo aver tremato almeno in un paio di occasioni nella prima frazione di gioco (clamorosa traversa di Gavazzi al 3A� minuto) si ritrovano quasi inaspettatamente in vantaggio al 64esimo della ripresa con una rete di Belingheri su bella��assist dalla sinistra di Luppi. I biancoverdi, che fino a quel momento avevano cercato di fare la partita, accusano il colpo e rischiano di capitolare per due volte: clamorosi gli errori sotto misura di Stanco e Nardini in rapida successione. Poi come spesso sta accadendo nella��ultimo periodo Tesser cambia il volto del match inserendo Mokulu e Insigne, che allo scadere confezionano il meritato e definitivo pari: pennellata del calciatore napoletano dalla trequarti e colpo di testa vincente del a�?coloreda�? che sale a quota sette reti in campionato.

La��Avellino con il suo quinto pareggio stagionale, mantiene il settimo posto in classifica restando in piena zona play off e pur non riuscendo nella��impresa di centrare la settima vittoria consecutiva, regala una��altra piccola gioia agli oltre 1200 tifosi giunti al Braglia che quasi si erano rassegnati a dover tornare a casa a mani vuote. E proprio per questo il pareggio rimediato in Emilia ha valore doppio, perchA� diciamoci la veritA�, la��Avellino non ha giocato una gran partita, ma ha avuto il gran merito di crederci fino alla fine e sfruttare la mancanza di cinismo di un Modena sprecone: i lupi specie nella ripresa sono apparsi sfilacciati, stanchi, troppo imprecisi. La difesa ha palesato pericolose amnesie, il centrocampo non A? riuscito a far filtro e smistare il gioco con luciditA�, e la coppia Castaldo-Tavano ancora una volta A? apparsa poco in sintonia e per certi versi finanche a�?spuntataa�?, anche perchA� mal servita. Morale della favola: il punto conquistato A? da��oro, fa morale, rappresenta una��ulteriore iniezione di fiducia per i biancoverdi, che allungano la loro striscia positiva, preservano la continuitA� e soprattutto affronteranno la settimana di lavoro in vista della��anticipo di venerdA� sera contro il Cagliari con maggiore tranquillitA�.

Una gara, quella contro la vicecapolista che si carica da sA�: non solo per il modo in cui si sono lasciati la��attuale trainer dei sardi e la societA� irpina che ha tanta voglia di rivalsa, ma anche per la rivalitA� tra le due tifoserie e la��importanza che riveste il match in chiave promozionea�� appuntamento a venerdA� in un Partenio a�� Lombardi che si preannuncia infuocato ancora piA? del solito!

Nicola Iannaccone

About Nicola Iannaccone

View all Posts

"In una serata primaverile di un lontano aprile del XX sec., nasceva nella ridente e verde Avellino, Nicola Iannaccone, per tutti NIKO… l’insegnante precario, l’archeologo fossilizzato, il giornalista sfaccendato, il fotografo movimentato, l’incallito viaggiatore, l’inguaribile sognatore, l’autista impaziente, il calciatore scalciato, il Gascoigne misurato, il tennista smanettato, lo sportivo attapirato, ma soprattutto il tifoso sfegatato. Di chi? Dei lupi biancoverdi ovviamente, che non hai mai tradito, né abbandonato, al punto da aver fatto richiesta per avere residenza e domicilio presso la curva Sud del Partenio!"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.