Avellino si risolleva, sconfitta una deludente Pistoia (75-70)

Avellino-Pistoia“Can’t belive I missed that dunk” questo il tweet serale di Brad Wanamaker riferendosi alla sua azione ad un minuto dalla fine.

PistoiaA�cade nuovamente in trasferta dopo la vittoria con CantA?A� che faceva pensare ad una voglia di esultare anche su un “parquet straniero”.

La Sidigas ha giocato tre tempi senza supporto del pubblico e reduce da una sconfitta con l’ultima in classifica,A� ma questo non A? bastato alla squadra di coach Moretti per agguantare due punti fondamentali nella diciassettesima giornata di campionato.

Con Washington e Gibson sottotono, un buon Cortese e un instacabile Daniel non sono riusciti a trovare la chiave di lettura giusta per questa che, doveva essere una partita capace di cancellare quella di andata contro la squadra Irpina.

Pochissime belle azioni, tante palle perse e lacune sia in attacco che in difesa, sono state determinanti per la squadra toscana apparsa poco grintosa e molto meno entusiasmante del solito.

Un inizio dell’ultimo quarto che ci illude che Pistoia vuole ancora giocarsela con un parziale di 8-0 e una bomba di Riki Cortese , fino a quella stoppata subita in contrilopiede dal play biancorosso dalla quale Avellino prende la spinta per un finale a proprio favore…seppur forse con uno sconto arbitrale su un probabile antisportivo.

La partita termina 75-70 per i padroni di casa che vincono una partita importante soprattutto per il pubblico; amara domenica invece per Pistoia costretta adA� accettare una sconfitta scomoda in attesa delle due prossime partite casalinghe con due “big” come Sassari e Milano.

Sidigas Avellino – Giorgio Tesi Group Pistoia 75-70A�(21-17 / 43-32 / 59-49)Sidigas Avellino:A�Thomas (17), Biliga, Lakovic (12), Spinelli (0), Ivanov (11), Dragovic (6), Morgillo ne, Cavaliero (13), Hayes (16). All. Francesco VitucciGiorgio Tesi Group Pistoia:A�Daniel (6), Meini (0), Wanamaker (16), Cortese (14), Washington (4), Johnson (18), Gibson (9), Galanda (3), Bozzetto ne, Evotti ne. All. Paolo Moretti

Giulia Carradori Ward

About Giulia Carradori Ward

View all Posts

Nata l' 11 luglio 1982 a Pistoia durante la finale dei mondiali di calcio Italia - Germania non sarei potuta certo che diventare una grossa appassionata di...Pallacanestro. Partita dalla mio paesello toscano, nel quale mi sono sempre sentita un po' stretta, approdo a Roma dove mi laureo nel 2006 in Scienze della Comunicazione dopo una serie di lavori in pub, pizzerie ed organizzazione eventi. Tornata in toscana inizio a collaborare con una testata locale ma tra lo stare e il partire ha nuovamente avuto la meglio la valigia ed un biglietto aereo per Dubai. Galeotto un deserto infinito, spiagge bianche ed un magico odore di spezie decido di rimanere, causa" innamoramento italo-palestinese in corso"( nonché ottime prospettive di lavoro). Sette anni di cambiamenti, di successi privati e professionali, l'apertura di una società di consulenza che insegna agli italiani come" internazionalizzarsi" e poi il rientro in Patria insieme al mio principe azzurro e all'amore della mia vita: mio figlio. 31 anni di curiosità, di amore per qualsiasi forma d'arte, di disordine cronico e di una maniacale voglia di mettere nero su bianco emozioni, sensazioni e pensieri dalle molteplici sfumature. Poi un tweet...e la mamma con la valigia atterra nel mondo degli SportBloggers...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.