Avellino vince in Sicilia facendo ruotare tutti i suoi uomini. MercoledA� la finale di FIBA Europe Cup

Nuova immagineSacripanti ha due obiettivi nella trasferta in terra siciliana. Il primo A? fare riposare il piA? possibile i giocatori. Il secondo portare a casa il risultato.A�E nonostante l’overtimeA�a cui lo costringe Mazzon, il programma di partita riesce perfettamente. Fesenko, escludendo i 5 minuti dell’OT, gioca soltanto 13 minuti e Lawal, invece ne fa quasi 30 alla ricerca di fiato e condizione. Zerini mette a referto 17 minuti di ritrovata qualitA� mentre Leunen, rispetto al consueto utilizzo, si fa una scampagnata in terra sicula. Con la finale d’andata di FIBA EUROPE CUP alle porte (72 ore dalla fine della gara con Capo d’Orlando alla palla a due con i lagunari), Sacripanti fa il ragioniere piA? che l’head coach di una delle teste di serie del campionato italiano. E il risultato portato a casa gli dA� ragione.

MVP

In una partita giocata centellinando le energie e dove la forza della squadra prevale su qualunque velleitA� del singolo, A? difficile trovare un giocatore da collocare un palmo sopra gli altri. Vogliamo perA? premiare la costanza e la caparbietA� di Lollo D’Ercole che A? decisivo nei momenti di maggiore appannamento del reparto esterni. Sostanza ed efficacia le sue caratteristiche peculiari. Davvero un sesto uomo di lusso per Avellino.

I numeri

Avellino domina sotto le plance. 20 rimbalzi raccolti in piA? degli avversari sono piA? che una certezza. Lawal e Fesenko in due ne prendono 24 su un totale di 51. E’ a rimbalzo che si decide la partita. Avellino ha percentuali peggiori di Capo d’Orlando al tiro. Ma, soprattutto da 3, costruisce piA? occasioni grazie ai rimbalzi catturati dai suoi giocatori. Top scorer in casa biancoverde Ariel Filloy, autore di 14 punti e 4 triple su 10 tentativi.

Dietro la lavagna

Quello che piA? entra nell’ottica del “riposiamoci il piA? possibile” dettata da Sacripanti A? Jason Rich. Sbaglia tutto ciA? che c’A? da sbagliare (persino 3 tiri liberi consecutivi su un fallo subito tirando da oltre l’arco). Valutazione -8, 0 su 5 da tre punti, 3 su 10 da due. Pessimo su entrambi i lati del campo e assai nervoso (rischia un tecnico a fine 4A� quarto per una protesta stizzita), A? la brutta controfigura del giocatore ammirato soltanto tre giorni fa. Non c’A? da preoccuparsi. Probabilmente si A? solo preso una pausa nella sua corsa al titolo di miglior realizzatore del campionato.

FIBA EURO CUP

Soltanto tre giorni dall’evento. Tutta la comunitA� avellinese prova a stringersi attorno alla squadra. Finora sono stati venduti oltre 1500 biglietti. La societA� e tutti i tifosi speranoA�nel pienone per mettere pressione agli avversari veneziani. Il giorno di festa e l’occasione storica potrebbero incoraggiare la presenza di chi di solito non frequenta il Paladelmauro. 40 minuti di battaglia per vincere la guerra a campo invertito.

Angelo Michele Santoro

About Angelo Michele Santoro

View all Posts

Nato nel lontano 1975, percorro l’Italia in lungo e in largo più della maglia rosa al Giro. Prima Como, poi Avellino, passando per Modena e Novara ma non disdegnando qualche capatina a Roma. Qualcuno dice che io sia leggermente sovrappeso ma è solo invidia. Sport preferiti: basket e sollevamento forchetta che pratico entrambi da amatore con risultati pessimi da una parte e fin troppo buoni dall’altra. Da 15 anni dico tutte le mattine di andare in ufficio dedicandomi in realtà alla mia passione: guardo gli operai dei cantieri in città. Lettore accanito, giornalista, scrittore prolisso e parlatore logorroico, mi riconosco soltanto un grande difetto. Non finisco mai ciò che iniz...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.