Basket: la sintesi della terza giornata.

Lupo IrpinoCampionato senza dominatori. La terza giornata di serie A ci consegna una classifica cortissima. Nessuna squadra a punteggio pieno e ben 10 squadre in testa con quattro punti. Cenerentole del momento Cremona e Pistoia ancora ferme al palo e in grave difficoltA� tecnica.

Unica sorpresa della giornata la vittoria in trasferta di Milano (77-81) sul campo di Caserta che si giocava la possibilitA� di rimanere solitaria in testa alla classifica e che tanto aveva stupito nelle prime due uscite.

Partita clou del turno il derby del sud tra Avellino e Roma conclusosi con la vittoria di misura degli irpini (84-82). Il match, ad appannaggio di Roma per i primi 15 minuti, ha visto la Sidigas sugli scudi a cavallo della sirena della��intervallo lungo e sempre vicina a chiudere definitivamente la��incontro. Una incredibile serie di triple dalla��arco dei 6.75 riportava sotto Roma nella��ultimo quarto e, anche grazie ad un fallo antisportivo molto dubbio fischiato alla��ala forte irpina Ivanov, tornava definitivamente in partita sbagliando la��ultimo layup del possibile pareggio.

Da segnalare il tabellino di Will Thomas ancora una volta il migliore dei biancoverdi e MVP della giornata con 25 punti realizzati (75% da due punti e 100% da tre), 11 rimbalzi e due stoppate. Questo A? il giocatore che tifosi e giornalai di Avellino avevano messo in croce e che, come GesA? nazareno, aveva la sola colpa di non essere capito. In questo caso, come in quello di 2000 anni fa, sarebbe bastato saper leggere pedigree e statistiche ma A? cosa ardua per chi non sa distinguere un pick-up da un pick&roll. Il giocatore potrA� disputare una stagione grandiosa o pessima, ma giudicarlo da due partite di precampionato, con la squadra a ranghi ridottissimi e senza compagno di reparto era una follia.

Apriamo una piccolissima parentesi che riguarda la��arbitraggio della partita. Non diremo niente dei problemi di fegato che sicuramente avrA� avuto Frank Vitucci al termine dei quattro quarti con un paio di decisioni che chiamare discutibili significherebbe voler un bene dell’anima alla terna composta da Denny Borgioni, Dario Morelli e Dino Seghetti. Non A? di questo che vogliamo parlare, ma della��ammenda di 990,00 euro comminata agli irpini per a�?offese e minacce collettive frequenti anche al termine della garaa�?. Dal nostro punto di osservazione, forse privilegiato perchA� proprio accanto ai tifosi romani, abbiamo potuto sentire per gran parte della partita cori contro Avellino e la��Irpinia. Dal solito a�?pecoraia�? al sempre attuale a�?terremotatia�?. Gli Original Fans, la Curva Sud e tutto il palazzetto di parte biancoverde hanno risposto a questi insulti. Ovviamente non stiamo dicendo che i tifosi irpini siano esenti da colpe, anzi. Facciamo notare perA? che le orecchie per sentire o si hanno sempre o si fa finta di non sentire nulla. O si multano entrambe le societA� o si soprassiede. CosA� farebbe una terna esperta e attenta. CosA� farebbe una terna intelligente.

Angelo Michele Santoro

About Angelo Michele Santoro

View all Posts

Nato nel lontano 1975, percorro l’Italia in lungo e in largo più della maglia rosa al Giro. Prima Como, poi Avellino, passando per Modena e Novara ma non disdegnando qualche capatina a Roma. Qualcuno dice che io sia leggermente sovrappeso ma è solo invidia. Sport preferiti: basket e sollevamento forchetta che pratico entrambi da amatore con risultati pessimi da una parte e fin troppo buoni dall’altra. Da 15 anni dico tutte le mattine di andare in ufficio dedicandomi in realtà alla mia passione: guardo gli operai dei cantieri in città. Lettore accanito, giornalista, scrittore prolisso e parlatore logorroico, mi riconosco soltanto un grande difetto. Non finisco mai ciò che iniz...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.