Basket Serie A: battuta la Mens Sana Siena, continua la striscia vincente dell’Olimpia Milano

armanimontepaschi2014Dopo l’esaltante vittoria in Eurolega contro l’Olympiacos, al Forum di Assago A? il turno della Montepaschi Siena, prima in classifica insieme a Brindisi e Sassari e rivale storica di alcuni dei duelli piA? belli dell’ultima decade di campionato.

Come prevedibile, la partita inizia in maniera un po’ contratta da entrambe le parti, e gli oltre diecimila presenti al sugli spalti assistono ad alcuni minuti con molti errori al tiro, qualche palla persa e scelte di gioco non sempre eccelse da entrambe le parti, come dimostra il risultato sbloccato dopo oltre 2 minuti da un libero di Samardo Samuels e scosso, fino al 10-10 di fine primo quarto, solo da una schiacciata a difesa schierata di Benjamin Ortner. Gli ospiti mettono da subito molta intensitA� con l’ex Marquez Haynes e con il reparto lunghi sotto i tabelloni, e schierano una zona 2-3 dopo ogni canestro subito per (dichiarazioni di coach Marco Crespi) cercare di limitare alcuni isolamenti dei giocatori milanesi.

Il secondo quarto, per certi aspetti e per molti minuti, assomiglia al primo, con le difese a farla da padrone e l’attacco milanese ancora alla ricerca di ritmo e soluzioni. All’inizio contundente di Gani Lawal (gioco a due con Curtis Jerrels e schiacciata) i toscani rispondono con parziale di 6-0, prontamente rintuzzato da Keith Langford e dallo stesso Lawal per il 16-16 dopo 3′, ma dopo il quale Milano produce solo 4 punti in 6 minuti e permette a Siena di allungare fino al 20-29 a poco piA? di un minuto dalla fine, grazie alla fisicitA� di Othello Hunter e alle incursioni di Erick Green. Coach Luca Banchi non ci sta e chiama un time out che evidentemente giova ai bianco-rossi, che infatti producono un contro-parziale di 8-2 nell’ultimo minuto, chiuso da tre punti di Langford, che permette di andare al riposo lungo sul 28-31.

Le prime battute del terzo quarto lasciano giA� intravedere colui che alla fine ne risulterA� il dominatore: David Moss. A? tutto suo, infatti, l’8-0 che apre il confronto e che nasce da una buona circolazione di palla su aiuti e mismatch, e da buone soluzioni di tiro contro la difesa a zona spesso schierata dagli ospiti, come testimoniano anche i bersagli dalla lunga colpiti da NicolA? Melli e dal solito Langford. Siena non molla, un gioco da 3 punti di Tomas Ress tiene il divario a sole 4 lunghezze (44-40) a un minuto abbondante dalla fine, ma una zona messa in campo anche dall’Olimpia negli ultimi secondi del quarto capitalizza due palle perse e falli subiti che portano i padroni di casa sul 50-42 alla sirena finale.

La partita non A? per niente chiusa, e il 6-0 iniziale con cui Haynes e Josh Carter inaugurano l’ultimo quarto basta e avanza a farlo capire ai milanesi, che dopo un time out rientrano riuscendo a impensierire Siena con un coast-to-coast di Langford e con buoni tiri contro la zona, schierata a propria volta in difesa. Il distacco si mantiene sempre intorno ai 5 punti e, nonostante qualche disattenzione a rimbalzo, aumenta a 2 minuti e mezzo dal termine grazie a un 5-0 firmato dal diligente Daniel Hackett e da una tripla di tabella di Langford (alla fine miglior realizzatore con 20 punti) per il 62-53, che viene ulteriormente sigillato da CJ Wallace, autore di un provvidenziale recupero su Ress e di due punti sul ribaltamento di fronte che mettono in ghiaccio la gara. La sirena suona sul 66-56.

Nonostante un inizio a tratti stentato in attacco, credo che la chiave per Milano sia stata non smettere mai di lottare in difesa e a rimbalzo, alternando difese a uomo e a zona e riuscendosi a guadagnare extrapossessi nei momenti determinanti, grazie ai rimbalzi in attacco dei propri lunghi. Nella seconda metA� la fluiditA� nella circolazione di palla e l’organizzazione offensiva hanno fatto la differenza e hanno permesso di capitalizzare gli sforzi fatti in difesa per contenere la fisicitA� di Hunter e l’atletismo di Haynes anche, come detto, ricorrendo alla zona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.