Che fatica Sir!! Vittoria sofferta al tie-break contro Piacenza (2-3)

12469599_10208615587771421_9190910713184746764_o

Ci ha provato la LPR Piacenza a portare a casa la vittoria ieri al PalaBanca contro la Sir Safety Conad Perugia. Davanti a 2645 spettatori però è stata la squadra ospite ad imporsi solo al tie-break. La prestazione della squadra perugina è apparsa molto sotto tono, distratta ed il team guidato di Kovac ha dovuto più volte rincorrere la LPR per poter poi raggiungere il risultato finale. Un primo set che inizia in modo molto equilibrato, dove le squadre sono andate avanti punto a punto fino alla fine. Nella Sir subito protagonista Atanasijevic. Dopo il vantaggio di Piacenza al time out tecnico per 12-10, è Perugia a portarsi +2 sulla squadra di casa, ma il risultato torna in parità sul 21-21 grazie ad un ace di Tavares. La squadra ospite però non sfrutta il set point a disposizione e Piacenza ne approfitta prima con Luburic e poi chiudendo il parziale 26-24 con un muro sull’attacco di Fromm. Nel secondo set Piacenza parte subito forte portandosi sul 3-0 dapprima con un errore di Russell in battuta e poi con un muro sull’attacco perugino. Ma la Sir reagisce bene aiutata anche dal nastro e si riporta in parità e riuscirà a mantenere bene il vantaggio portandosi persino a +6 sulla squadra di casa e riuscendo a chiudere il secondo parziale dopo poco meno di mezz’ora con il solito Atanasijevic. Anche nel terzo set Piacenza parte subito molto bene e dopo un momentaneo pareggio dei conti, Zlatanov e compagni riescono ad ottenere il sorpasso ed a mantenerlo per tutta la durata del set. Il parziale si chiude in 32 minuti grazue al tredicesimo muro messo a segno da Luburic su attacco di Fromm. La squadra di casa si trova perciò nuovamente in vantaggio di un set, ma Perugia non molla. Le squadre partono in equilibrio fino al doppio vantaggio di Perugia grazie anche all’ace di Birarelli che porta Giuliani a chiamare il time out. Dopo il 14-14 è Kaliberda a portare la Sir in vantaggio ma un muro di Luburic su Atanasijevic riaccende le speranze della PRC. L’inarrestabile numero  14 di Perugia però porta a suon di punti il match al tie-break. La squadra ospite si ritrova perciò anche con l’ultima in classifica a lottare al quinto set per portare a casa 2 punti fondamentali. Perugia nell’ultimo parziale riesce a partire con il piede giusto, riesce infatti a portarsi sull’8-5 al cambio campo. Un errore in battuta di Perrin aiuta la squadra avversaria ad avvicinarsi alla vittoria, che arriva grazie ad un ultimo attacco di Magnum Atanasijevic. 2-3 il risultato finale dopo 2 ore e 17 minuti di gioco, che vedono trionfare una squadra guidata dal MVP Aleksandar Atanasijevic con ben 31 punti messi a segno. Ottima comunque anche la prestazione del Bulgaro Zlatanov con 17 punti, di Luburic e di Perrin con 20 punti fatti. Sir Safety Conad Perugia che ora dovrà concentrarsi per il match di Coppa Cev contro la Dinamo Mosca in programma mercoledì 2 Marzo nella capitale Russa. Sir che dovrà in ogni caso raccogliere le idee soprattutto anche in vista del match casalingo con Latina in programma domenica per poter sperare ancora nel quarto posto, attualmente occupato da Verona frutto anche della vittoria maturata contro Trento. Piacenza invece sarà impegnata in trasferta in casa della ostica Molfetta. Match clou della giornata Civitanova contro Trento, in casa dei marchigiani. La diretta concorrente della Sir Safety, Verona, invece ospiterà Monza.

IL TABELLINO

LPR PIACENZA – SIR SAFETY CONAD PERUGIA  2-3

Parziali: 26-24, 19-25, 25-18, 22-25, 11-15
Durata Parziali: 34, 27, 32, 28, 16. Tot.: 2h 17’

LPR PIACENZA: Tavares , Luburic, Tencati , Kohut , Perrin , Zlatanov , Papi (libero), Lampariello (libero), Ter Horst, Coscione, Patriarca. N.E.: Sedlacek, Cottarelli. All. Giuliani, vice all. Camperi.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco , Atanasijevic , Birarelli , Buti , Fromm , Russell , Giovi (libero), Kaliberda , Tzioumakas, Elia, Dimitrov. N.E.: Fanuli (libero), Holt, Franceschini. All. Kovac, vice all. Fontana.

Arbitri: Massimo Florian – Marco Zavater

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*