Cole va via, frattura per N’Diaye ma Avellino ritrova pubblico e vittoria in campionato

Chi era al Paladelmauro oggi, ha assistito ad una di quelle partite che resteranno nella storia del club biancoverde. Una partita difficilissima viste le premesse. Proprietà per ammissione dello stesso De Cesare in difficoltà di liquidità, Cole lasciato libero di andare via, Costello in USA per capire l’entità dell’infortunio, N’Diaye con una frattura che lo terrà lontano dal parquet per circa 4 settimane. Tutto sembrava andare contro la squadra di coach Vucinic apparso, nella conferenza di presentazione della gara, pragmaticamente rassegnato a fare il possibile ma con la coscienza di non poter fare miracoli. Ed invece un piccolo miracolo oggi è avvenuto. Uno di quelli che fanno bene al basket cittadino ma fanno bene anche all’intero movimento. La squadra si è ritrovata sotto la curva con il capitano D’Ercole a fare da portavoce e traduttore. La tifoseria ha chiesto impegno, la squadra ha risposto in campo. N’Diaye, pur infortunato, da bordo campo ha incitato i compagni per 40 minuti. Rotazioni cortissime in casa SIDIGAS. De Cesare ha fatto sentire la sua presenza, ha parlato coi giocatori a fine partita. Ma i 40 minuti saranno storia. Storia di una società che nel settantesimo anno dalla fondazione sta attraversando una delle crisi più profonde ma che ha tutta la voglia di risollevar si grazie alla volontà unica di giocatori, pubblico, staff tecnico e proprietà.

Sassari parte bene con una tripla. Ma il primo minuto resterà l’unico momento del match in cui sarà davanti alla Scandone. Partita equilibrata e giocata più sui nervi e sulla classe dei singoli che sul gioco e sugli schemi. Avellino difende discretamente sotto le plance ma la differenza la fa sulla difesa perimetrale. La mancanza di un pivot titolare e l’uso part time di un ancora non in perfette condizioni Young, costringe Avellino a giocare per lunghi tratti del match con un quintetto basso ma veloce che mette spesso in difficoltà la gestione macchinosa del possesso offensivo sassarese. Avellino sempre avanti per tre quarti, cede un punto solo nell’ultimo ma a risultato praticamente già acquisito (24-22, 23-18, 20-18, 19-20). Finale 86 a 78 con i biancoverdi che si riposizionano al 3° posto a pari merito con Varese e Cremona, dietro le corazzate Milano e Venezia oggettivamente più attrezzate per sopportare il doppio impegno.

MVP

Per una volta la palma di MVP dell’incontro non vogliamo darla a nessun giocatore in particolare. Chi è entrato in campo ha dato tutto ciò che aveva secondo le proprie possibilità.

I numeri

Nichols e Sikes con un complessivo 8 su 10 da tre punti mettono il punto esclamativo sulla prestazione eccezionale da oltre l’arco dei giocatori in canotta biancoverde (55% complessivo). I due, assieme a Green, sono autori di 65 punti sui 78 totali della SIDIGAS. Buoni in prosettiva futura anche i 5 punti di Young, che ha tenuto bene il pari ruolo Cooley che pure ha fatto una buona prestazione con 15 punti in 33 minuti di utilizzo. Buono il plus minus di Filloy (+12) ma oggettivamente pessima la vena realizzativa da due punti (1 su 7 tentativi). Troppi i sette tiri liberi sbagliati dai giocatori di casa contro i solo 3 sbagliati dagli ospiti.

Angelo Michele Santoro

About Angelo Michele Santoro

View all Posts

Nato nel lontano 1975, percorro l’Italia in lungo e in largo più della maglia rosa al Giro. Prima Como, poi Avellino, passando per Modena e Novara ma non disdegnando qualche capatina a Roma. Qualcuno dice che io sia leggermente sovrappeso ma è solo invidia. Sport preferiti: basket e sollevamento forchetta che pratico entrambi da amatore con risultati pessimi da una parte e fin troppo buoni dall’altra. Da 15 anni dico tutte le mattine di andare in ufficio dedicandomi in realtà alla mia passione: guardo gli operai dei cantieri in città. Lettore accanito, giornalista, scrittore prolisso e parlatore logorroico, mi riconosco soltanto un grande difetto. Non finisco mai ciò che iniz...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.