Denis al 93A� regala il pari alla Dea ed avvicina la salvezza (1-1)

Image00002

L’Atalanta agguanta il pareggio a pochi secondi dalla fine. Quarto gol per Denis nelle ultime tre partite che ci mette la testa per il prezioso puntoA� e ci mette poi anche il pugno negli spogliatoi. A quanto pare a termine gara German minacciato di morte da Tonelli davanti al figlio nel sottopassaggio reagisce sferrando un pugno al difensore dell’Empoli. In un giornata segnata dalla violenza anche nel derby di Torino il gesto del capiano nerazzurro e’ quanto mai fuori luogo e da condannare. Ci si aspetta la mano pesante del giudice sportivo che potrebbe addirittura vedere la fine del campionato anticipataA� per l’attaccante argentino.Unica nota positiva della giornata e’ la striscia positiva che si allunga per Reja e porta l’Atalanta a A�A�A�+7 sul Cagliari che dimostra vincendo a Firenze di non mollare. Prossimo turno infrasettimanale si giochera’ mercoledi sera e sarA� scontro diretto con un Cesena agguerrito che si giocherA� il tutto per tutto in questo turno casalingo.Saraa�� Pinilla a dover portare il peso della��attacco nelle ultime gare di campionato anche perchea�� Bianchi pur mostrando sempre il massimo impegno non riesce mai ad essere incisivo sui risultati.Nota positiva della giornata ea�� data dallo spirito della squadra che A�lotta fino alla fine ed agguanta in extremis un pareggio ormai insperato. Molti giocatori sono da segnalare per impegno,ma migliore in campo resta sempre Maximiliano Moralez che mostra sempre giocate di qualitaa�� pur correndo moltissimo e sacrificandosi in fase di copertura. Altra nota positiva il preannunciato gol diA� Papu Gomez che sembra migliorare di prestazione in prestazione.Altro migliore in campo a pari merito con Maxi ea�� Marco Sportiello che salva il risultato A�in svariate occasioni mostrando sempre estrema sicurezza.Prossime gare pertanto saranno decisive ma andranno affrontate con la consapevolezza del valore della squadra e la tranquillitA� del vantaggio in classifica.

Paolo Vavassori

About Paolo Vavassori

View all Posts

Nato a Bergamo, classe 1967 (la stessa di Roby Baggio e scusate se è poco). Leggo la stessa anche di Gigi D'Alessio (scusate e basta). Da piccolo gioca a calcio ed è una promessa (con se stesso). Ripiega da subito su sport più statici per passare ben presto allo sport parlato e scritto. Folgorato dalla stella Maradona che conosce di persona (conserva gelosamente una fotografia ricordo dell ' 89 che lo ritrae con il Pibe a ricordo anche della propria capigliatura). Folgorato molto prima dalla Dea Atalanta che segue da sempre e continuerà a seguire (sempre più spesso dal divano di casa). Appassionato di golf e fotografia ha come sogno quello di poter fotografare una partita di serie A da bordo campo con la sua mitica Canon (ma ci stiamo lavorando).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*