Final Four Coppa Italia A1 femminile: Piacenza vince facile contro Bergamo (3-0)

Campionato fermo e spazio alla Final Four di Coppa Italia di A1 femminile che si A? svolta al PalaVerde di Treviso con protagoniste Bergamo, Busto Arsizio, Modena e Piacenza. I favori del pronostico erano tutti per la RebecchiNordMeccanica che ha rispettato tale previsone e ha trionfato lasciando alle avversarie le briciole.

Ma andiamo con ordine. Nelle semifinali giocate al sabato A? Piacenza a conquistare un posto per la finale di domenica battendo nettamente la Unendo YamamaY Busto Arsizio per 3-0. La squadra di Gianni Caprara impone un ritmo troppo elevato per le lombarde che, pur attraversando un buon periodo di forma, non riescono a opporre resistenza in nessun fondamentale e dopo due set giocato con discreto piglio, ma conclusi comunque con parziali bassi (25-17 e 25-20), nel terzo scompaiono letteralmente dal campo (25-11). Via libera quindi alla RebecchiNordMeccanica che cosA� potrA� difendere il trofeo conquistato lo scorso anno per la prima volta nella propria storia. Qualche rammarico per Carlo Parisi, giunto alla finale un poa�� a sorpresa ribaltando il quarto di finale con la favorita Conegliano, ma contro una Piacenza cosA� concentrata diventa difficile per tutti uscirne vincitori.

La Coppa Italia, manifestazione molto sentita e seguita in Italia nel volley sia maschile che femminile, a volte regala sorprese e nella seconda semifinale la Foppapedretti Bergamo elimina la corazzata Liu Jo Modena al termine di quattro set emozionanti e pieni di pathos. Valentina Diouf trascina le orobiche al successo sulle esperte emiliane per 3-1 (25-23, 17-25, 25-21 e 28-26).

Domenica A? cosA� tempo di finale e la risposta del pubblico trevigiano A? ottima, 3700 presenti al palazzo nonostante la��assenza delle padrone di casa della Imoco Conegliano. Ma la partita che assegna la Coppa Italia non rispetta la grande attesa che la circonda perchA� come 24 ore prima Piacenza non dA� scampo a Bergamo e si impone in maniera nettissima non facendo mai entrare in partita la Foppa. Lucia Bosetti (18) e Meijners (13) sono imprendibili per la difesa bergamasca ma A? tutto la��impianto di gioco piacentino che risulta tecnicamente e tatticamente perfetto tale da rendere il tutto un trionfo (3-0 con parziali di 25-16, 25-13 e 25-17). Per Bergamo una delusione viste le proporzioni del risultato, ma la finale conquistata resta comunque un gran risultato per una squadra con la��etA� media bassissima, con un allenatore Stefano Lavarini preparato che fa crescere davvero le giovani, una societA� tra le piA? sane, serie ed organizzate che puA? e deve guardare al futuro (anche non troppo lontano) con grande ottimismo.

Per Piacenza, invece, arriva la seconda Coppa Italia consecutiva grazie a una Final Four perfetta dominata in lungo e in largo. Un dato su tutti, dei sei set giocati dalle vincitrici in uno solo le avversarie sono arrivate ai 20 punti. Questa statistica non fa che rendere un merito ancora maggiore A�alla RebecchiNordMeccanica che si affaccia alla seconda parte della stagione come squadra da battere sulla strada che porta allo scudetto.

Prima della finale della Coppa Italia di A1 si A? giocato anche per la��assegnazione del trofeo di A2. La formazione toscana de Il Bisonte San Casciano ha battuto la Sanitars Metalleghe Montichiari per 3-2 (25-20, 17-25, 25-21, 15-25, 15-11) iscrivendo cosA� per la prima volta il proprio nome nella��albo da��oro della competizione.

Edoardo Matella

Edoardo Matella

About Edoardo Matella

View all Posts

Sono nato a Novara il 20 febbraio del 1980 e abito ad Omegna (VB), piccolo centro sul lago d'Orta, alto Piemonte. Fin da ragazzo ho coltivato la passione per lo sport e per la pallavolo nello specifico. Inizio presto ad allenare, ritagliandomi una discreta carriera nelle cosiddette "minors" (Omegna, Ornavasso, Verbania, Castelletto Ticino, Domodossola ed Arona) con un paio di esperienze importanti all'Asystel Novara e al Chieri Volley Club alle quali però non sono riuscito a dare seguito. Smessi i panni del coach dall'agosto 2013 sono dirigente con mansioni di Team Manager delle squadre giovanili dell'Omegna Calcio 1906, dove cerco di portare un po' della mia esperienza maturata in tanti anni di sport! Ora provo a dilettarmi nel raccontarvi cosa accade nel campionato di volley di A1 femminile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.