Finale gara 5: Siena ribalta la serie, Milano affonda in casa

othello-hunter-montepaschi-siena-eb13

Siena continua la sua clamorosa striscia di vittorie in questa finale (siamo a 3 consecutive), e ribalta il risultato battendo un’Olimpia stanca e svagata: la Mens Sana si porta sul 3-2 e ora avrA� il matchpoint in casa domani sera.

Cronaca- Milano-Siena, gara 5, la piA? importante, che forse designerA� il vincitore di questo campionato.
Si parte con un Forum completamente esaurito, che crea una cornice splendida caricando la squadra giA� prima della palla a due.

La grande carica sugli spalti non riesce perA? ad arrivare sul rettangolo di gioco, dove Milano parte male e si trova subito sotto 12-3 dopo 4 minuti, con un attacco estremamente imballato e deconcentrato, con l’Armani che non riesce a prendersi tiri puliti, a causa di scarsa circolazione e palle perse.
Siena, al contrario, entra subito in campo forte, con Ress e Carter sugli scudi, e chiude il primo quarto sul 20-15, con Milano che riesce a ricucire lo svantaggio grazie all’aggressivitA� di Hackett, preciso ai liberi ma difettoso al tiro.

Nel secondo quarto i padroni di casa alzano l’intensitA� della gara, grazie all’ingresso in campo dell’idolo del Forum Cerella, che asfissia gli esterni senesi in difesa e trova anche un buon jump dalla media in attacco: milano rimonta sul 20-20, prima che la Mens Sana ritrovi il vantaggio, guidata da un ottimo Carter e un solidissimo Nelson.
Le squadre si rispondono colpo su colpo, in una partita in cui non c’A? un giocatore a farla da padrone, ma attacchi equilibrati che coinvolgono tutti i quintetti in campo, il primo tempo termina 34 a 33 per gli ospiti.

Nel terzo quarto il copione rimane il medesimo, con Milano ad inseguire, e Siena che continua a gestire il minimo vantaggio.
Milano perA? prova a far svoltare la gara, trovando il primo vantaggio con Hackett in penetrazione, ed arrivando fino al massimo vantaggio sul 47-43, con una tripla di un Langford molto ben imbrigliato dalla difesa Senese, anche se poco tutelato dagli arbitri.
Il vantaggio della EA7 perA? non dura, e la Montepaschi si riporta a +5 in chiusura di terzo periodo, con una mostruosa schiacciata di Hunter, che sta giocando una serie finale incredibile.

Proprio Hunter apre il quarto periodo con una schiacciata regale, che dA� il via al parziale di cinque a zero che fa volare immediatamente Siena sul piA? 10, facendo sprofondare la squadra di casa, che non riesce ad avere supporto dai auoi lunghi, e gioca gran parte del secondo tempo senza un’ala grande di ruolo, con un evanescente Gentile ed un Moss sulle ginocchia a dividersi l’onere di marcare Ress e Nelson.
Milano riesce perA? a ricucire lo svantaggio, arriva a meno 4, ma non riesce mai a piazzare la zampata per agguantare il pareggio o portarsi in vantaggio, e soccombe sotto le roboanti schiacciate di un Hunter che sembra posseduto: stoppa, blocca, schiaccia, un giocatore totale.
Il finale recita 68 a 72, Siena sbanca il Forum, dove quest’anno non aveva mai vinto.

L’Olimpia esce tra qualche fischio, con una prestazione molto deludente che potrebbe decidere le sorti dello scudetto, dopo un campionato dominato in lungo e in largo.
Ora la palla passa a Siena, dove questa incredibile Montepaschi cercherA� di onorare al meglio l’ultima partita in casa nella massima serie, almeno per qualche anno.

Siena: 18+ 7 rimbalzi per Hunter, 14 di Josh Carter, 10 per Nelson e Haynes

Milano: 14 Langford, 13 Jerrells , 11 Hackett e Gentile

Federico Meyrat

About Federico Meyrat

View all Posts

Studente milanese, grande appassionato e pessimo giocatore di basket, cerco di raccontare le partite dell'Olimpia Milano, senza dimenticare il Milan e il golf.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.