Finali scudetto: Siena batte Milano e accorcia sul 2-1

Marquez-Haynes1

Partita dai mille volti gara 3 di finale tra la Mens Sana Siena e l’Olimpia Milano: partono forte gli ospiti meneghini (9-2), prima di subire un terrificante parziale di Siena, che conduce un secondo quarto praticamente perfetto chiudendo sul 46-27 il primo tempo. Partita che sembra chiusa, prima di assistere al ritorno di Milano nel terzo quarto, rimonta che viene perA? vanificata da una Mens Sana molto cinica ed aggressiva nel periodo finale.

Cronaca-A�Milano mette subito la testa avanti nel primo quarto, ma A? solamente un fuoco di paglia; Siena mette in campo un’intensitA� mostruosa, grazie anche al sostegno di un Palaestra completamente esaurito e caldissimo, e conclude il primo quarto sul 19-13.

Nel secondo periodo Milano collassa completamente: poca luciditA� in attacco, molte palle perse, e una difesa continuamente bucata in area dalla penetrazioni dei padroni di casa.
Siena gioca un primo tempo favoloso, equilibrando bene soluzioni in penetrazione e tiri dalla lunga, all’intervallo il tabellone recita un impietoso -19 per i milanesi, con un Matt Janning scatenato a quota 8.

Nel terzo quarto, perA?, qualcosa cambia: Milano si scioglie, ritrova la soliditA� in difesa, la precisione a rimbalzo e soprattutto al tiro, e riporta in carreggiata una partita che sembrava assolutamente finita.
Rimonta rabbiosa quella degli ospiti, guidati da Samardo Samules, Hackett e Langford, che segnano 26 dei 32 punti milanesi. Milano c’A? e torna a meno 5 (64-59).

Il quarto periodo si apre con un parziale immediato di 5-0 per siena, che ritrova la doppia cifra di vantaggio e induce Banchi a chiamare un timeout immediato.
La difesa della Mens Sana ricomincia a mordere le caviglie degli ospiti, che risentono dei continui, furiosi, raddoppi senesi, sbagliando tiri aperti, in particolare con l’ex Kangur.
Siena, di contro, in attacco ritrova fluiditA� e aggressivitA�, e sfrutta un parziale di 9-0 interamente segnato da MarQuez Haynes per rimettere decisamente il naso avanti, mentre Milano perde colpi in attacco e perde anche la testa, con un fallo antisportivo fischiato ad un opaco Gentile per un contatto con Janning.

Il finale di partita viene controllato senza patemi da Siena, che guidata da un Nelson solidissimo e da un Hunter stellare sotto i tabelloni chiude addirittura sul +17.
La��85 a 68 finale viene firmato proprio da Othello Hunter, dopo uno splendido picka��n roll con Haynes, con una schiacciata in alley oop che fa esplodere il pubblico senese.

Per Siena 25 e 10 rimbalzi per Hunter, 23 con 4 assist per uno scatenato Haynes,13 con 4 rimbalzi e 3 assist per Janning e 7 piA? 8 rimbalzi per Spencer Nelson.

In casa Olimpia non bastano 14 punti e 4 rimbalzi di un ritrovato Hackett, i 12 di Langford e Samardo Samuels, e gli 11 con 3-5 da tre per jerrells.

Ora Siena avrA� la possibilitA� di riportare sul 2-2 una serie che dopo le due gare a Milano sembrava segnata a favore meneghino, mentre Milano proverA� a riprendersi dalla brutta sconfitta.
Appuntamento fra 48 ore ancora a Siena, per una serie assolutamente bollente.

Federico Meyrat

About Federico Meyrat

View all Posts

Studente milanese, grande appassionato e pessimo giocatore di basket, cerco di raccontare le partite dell'Olimpia Milano, senza dimenticare il Milan e il golf.