Fiorentina, aria di rivoluzione

Image00050

Brutte, o forse buone notizie in casa viola: dopo il pessimo K.O in semifinale col Siviglia è rottura coi tifosi per il tecnico montella, inviso anche a gran parte della squadra. L’aria di rivoluzione è nell’aria da parecchi giorni ,il mercato estivo si avvicina e cominciano già a spuntare vari nomi per la nuova Fiorentina del 2015/2016.

Si,nuova, perché per vincere davvero qualcosa serve rivoluzionare completamente la squadra, e come molti tifosi pensano, è necessario cambiare allenatore. Che Montella lasciasse Firenze non era una novità, già da mesi se ne parlava, ma ultimamente le “voci” si fanno insistentii.

C’è il bisogno di smaltire la rosa e comprare giocatori di un calibro altissimo, ad esempio Mario Gomez sembra ormai alla fine della sua avventura in viola, come anche Aquilani e molti altri giocatori che non danno le giuste certezze per pensare a una Fiorentina vincente. Mancano poche giornate alla fine del campionato e l’Europa League rimane ancora in bilico, ma mancano anche poche settimane all’attessissimo mercato estivo, dove di certo ci sarà da divertirsi, sperando che il nostro Presidente investa piuttosto che vendere come spesso ci ha abituati negli ultimi tempi..

Paolo Vavassori

About Paolo Vavassori

View all Posts

Nato a Bergamo, classe 1967 (la stessa di Roby Baggio e scusate se è poco). Leggo la stessa anche di Gigi D'Alessio (scusate e basta). Da piccolo gioca a calcio ed è una promessa (con se stesso). Ripiega da subito su sport più statici per passare ben presto allo sport parlato e scritto. Folgorato dalla stella Maradona che conosce di persona (conserva gelosamente una fotografia ricordo dell ' 89 che lo ritrae con il Pibe a ricordo anche della propria capigliatura). Folgorato molto prima dalla Dea Atalanta che segue da sempre e continuerà a seguire (sempre più spesso dal divano di casa). Appassionato di golf e fotografia ha come sogno quello di poter fotografare una partita di serie A da bordo campo con la sua mitica Canon (ma ci stiamo lavorando).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*