Fiorentina gol ed errori a go-go, per battere il Palermo serve un poker (4-3)

Image00057

Domeniche così non se ne vedono spesso ,90 minuti di infinite emozioni e gioie incontenibili.Ecco cos’è successo al Franchi in questa giornata di campionato.Ora la viola ricomincia a salire, ma considerando i soliti alti e bassi non è facile dire con certezza se ci resterà.Passano dieci minuti da inizio partita e Mario Gomez trova il gol a porta spalancata, peccato che però la posizione sia irregolare e quindi nessuna gioia per i tifosi e per il tedesco: gol annullato, povero Marione, continua l’astinenza. Grande possesso palla viola, non tantissime le occasioni, poi comunque finalmente il gol arriva con Pasqual che sfrutta il velo da parte di Cuadrado per calciare in porta un missile di sinistro, favoloso il fendente (imparabile) del capitano! Arriva subito dopo il vantaggio un’altra importante occasione stavolta dai piedi di Borja Valero,che filtra attraverso la difesa palermitana e con un po’ di egoismo prova un pallonetto che scheggia la traversa,sulla ribattuta Gomez pasticcia e fa finire la palla sul fondo. Verso la fine del primo tempo capita alla Viola un’ altra occasione d’oro: Gomez riesce a tenere un buon pallone in campo e lo serve a Matias Fernandez,il cileno è girato rispetto alla porta del Palermo e non è difficile per lui scaricare il pallone per l’altro cileno,Pizarro,che prova un piattone che scheggia il palo. Primo tempo che si chiude con un gol e due legni per la Fiorentina.Secondo tempo in discesa per la Viola,dopo numerose occasione Basanta sfrutta una serie di rimpalli ed una uscita goffa di Sorrentino per appoggiare la palla nella porta spalancata,la gioia è veramente tanta per l’argentino, primo gol in campionato per lui! Partita però riaperta inaspettatamente dal Palermo, dopo un contropiede ghiottissimo i rosanero trovano il gol con Quaison che, servito da un bel passaggio di Belotti, a tu per tu con Tatarusanu non può che segnare, 2-1.Passano poco più di due minuti quando Pizarro serve un retropassaggio verso Tatarusanu,c’e anche Marcos Alonso però nei paraggi, i due si guardano e nessuno si muove, a Quaison non par vero di trovarsi da solo davanti al portiere fiorentino, piattone e gol praticamente identico a quello di qualche minuto prima, 2-2 e palla al centro! Ritmi veramente alti,arriva un’altro gol, ora però di nuovo della Fiorentina, passaggio radente in area che arriva davanti a Sorrentino,Cuadrado anticipa tutti e sbatte il pallone in rete, 3-2!Ma non finisce qui,grandissimo protagonista Joaquin che trova un gol pazzesco,lo spagnolo si accentra dalla fascia sinistra, sul limite dell’area calcia e mette sotto il sette un tiro a giro favoloso che scende giusto in tempo.4-2 meritatissimo.Non è finita, c’è un altro gol dei siciliani che riaprano l apartita.Dopo un calcio d’angolo Belotti prova una mezza rovesciata ma finisce a terra,dubbio il calcio di rigore assegnato da Mazzoleni ;il penalty lo batte sempre Belotti,che spiazza Tatarusanu e fa il 4-3,sarà questo il risultato finale. Alti e bassi interminabili per la Viola,oggi l’esito è stato positivo, ma ora serve continuità…Speriamo sia la volta buona…

Alì Viola, avanti così!

Paolo Vavassori

About Paolo Vavassori

View all Posts

Nato a Bergamo, classe 1967 (la stessa di Roby Baggio e scusate se è poco). Leggo la stessa anche di Gigi D'Alessio (scusate e basta). Da piccolo gioca a calcio ed è una promessa (con se stesso). Ripiega da subito su sport più statici per passare ben presto allo sport parlato e scritto. Folgorato dalla stella Maradona che conosce di persona (conserva gelosamente una fotografia ricordo dell ' 89 che lo ritrae con il Pibe a ricordo anche della propria capigliatura). Folgorato molto prima dalla Dea Atalanta che segue da sempre e continuerà a seguire (sempre più spesso dal divano di casa). Appassionato di golf e fotografia ha come sogno quello di poter fotografare una partita di serie A da bordo campo con la sua mitica Canon (ma ci stiamo lavorando).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*