Gentile e Hackett guidano Milano, serie pareggiata

18310630432_c09929e2f2

Milano vince gara 2, riequilibra la serie, non sbaglia nella partita in cui era vietato sbagliare (di nuovo).

In un Mediolanum Forum che raccoglie 11.000 tifosi, l’ Olimpia si riscatta, riesce a controllare e gestire un vantaggio arrivato nel secondo quarto, doma Sassari dopo la pessima gara 1, e ritrova uno stellare Alessandro Gentile.
Doveva scuotersi, Milano, e lo fa non grazie ai nuovi e al loro talento, ma grazie alla vecchia guardia, ad un Moss che trova la miglior prestazione balistica stagionale, a un Melli che sembra aver ritrovato la verve di un anno fa, e grazie all’energia inesauribile di Bruno A�Cerella, che mette a Logan la camicia di forza per una sera.

Cronaca

Nel primo quarto Milano parte molto piA? decisa degli avversari, sia in attacco che in difesa, ed’A? proprio questa maggiore aggressivitA� che permette ai biancorossi di correre in contropiede e trovare punti facili, e di eseguire penetra e scarica perfetti per liberare un preciso Moss dai 6,75.
Milano firma subito un primo allungo grazie al trio Gentile-Hackett-Moss, e continua a difendere in maniera perfetta il proprio canestro, concedendo alla Dinamo solo 11 punti nel primo quarto, di cui 6 arrivati grazie ai liberi.
Di contro l’Olimpia gestisce bene i ritmi, tenendoli bassi e impedendo quindi a Dyson le sue consuete scorribande a tutto campo, e riesce a far circolare bene la palla per trovare i tiratori ed i piccoli taglianti, con Samardo Samuels silenzioso ma letale: 4 punti, 5 rimbalzi e un assist.

Nel secondo periodo arriva perA? la veemente reazione del Banco, che con il suo fromboliere Sosa riesce a riportarsi a contatto, sfruttando il lavoro in difesa di Jeff Brooks e trovando anche un tripla di capitan Vannuzzo.
Milano invece ripropone, senza fortuna, lo scellerato quintetto visto nell’ ultimo, fatale, quarto di gara1.
I risultati, per coach Banchi, sono ancora disastrosi: Ragland perde due palloni, Kleiza sbaglia 3 triple aperte in fila (!!), e Brooks si isola e si intestardisce con 1vs1 improbabili.
Lo sbadamento dell’ EA7 dura metA� quarto, ma A? sufficiente per permettere ad una orgogliosissima Sassari di chiudere a -7 il primo tempo, stesso risultato di gara 1, e stesso copione: Milano controlla, ma non chiude la partita, Sassari resta sempre a contatto in attesa dello scivolone.

Nel terzo periodo parte subito forte la Dinamo con Kadji, ben coadiuvato dal solito Sosa, e la possibilitA� di un sorpasso comincia ad aleggiare nel Forum.
Qui, perA?, viene fuori capitan Gentile, che segna 9 punti praticamente consecutivi nel quarto, mostrando uno strapotere fisico assoluto, questa volta accompagnato ad un tiro dalla media e dalla lunga distanza finalmente affidabile, e milano finisce a +12, grazie anche ad un fallo tecnico fischiato alla panchina Dinamo, quando il presidente Sardara entrava in campo per tranquillizzare un suo giocatore.
Scene da playoffs, anche se decisamente proibite dal regolamento.

Il quarto Q si apre nel segno di Rakim Sanders, ma A? ancora Gentile (che scrive 18 punti nel secondo tempo) ad affossare ogni speranza isolana con 9 punti, Milano deve poi solo amministrare per portare la serie in paritA� prima della doppia trasferta Sassarese.

Milano parsa sicuramente piA? decisa e motivata degli avversari, che sono sempre rimasti a contatto pur senza mai avere una reale chance di portare a casa la partita.
Straripante il duo Italiano Gentile-Hackett, veri trascinatori: il secondo chiude con 13 punti, 7 rimbalzi e 7 assist, il capitano biancorosso con 25 punti.
Ottimo l’impatto di Moss e di Cerella, solido Samuels e utile Elegar, ma dietro di loro il vuoto.
Se coach Banchi vuole vincere la serie dovrA� riuscire a recuperare Kleiza, Rgland e Brooks, mai quanto in questo momento apparsi fuori dalla serie e dai playoff, soprattutto mentalmente.

La Dinamo ha ancora buonissime cose da Sosa e in parte da Sanders, ma viene tradita da un Logan da 0 punti, abilmente annullato da Moss e Cerella.
Si conferma Brooks e risulta preciso A�al tiro Kadji, ma stecca invece un nervosissimo Lawal, mai in partita.

La seire si sposta ora in Sardegna, col fattore campo totalmente saltato, e con le aspettative che si fanno ancora piA? alte, questa A? una finale anticipata.

Federico Meyrat

About Federico Meyrat

View all Posts

Studente milanese, grande appassionato e pessimo giocatore di basket, cerco di raccontare le partite dell'Olimpia Milano, senza dimenticare il Milan e il golf.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.