GP del Mugello, sestina Marquez. Secondo Lorenzo

MotoGp of Italy - RaceLa sesta sinfonia di Marquez vale 150 punti, un risultato grandioso, solo primi posti conditi da altrettante pole position. Il bottino del a�?piccoloa�? diavolo A? impressionante, se prima avevamo dei dubbi riguardo il mondiale, oggi A? impossibile avercene. Marc vincerA�, con molta probabilitA�, il suo secondo mondiale in MotoGP. Complice il suo talento, la sua moto perfetta e degli avversari che stanno ad un grado inferiore dal pilota spagnolo. Il Mugello A? sempre il Mugello, speravamo di vedere un italiano al primo posto, per fortuna Fenati in Moto3 A? riuscito a regalarci questa gioia. Marc A? stato il conquistatore italiano, seguito da un ritrovato Lorenzo in bagarre fino alla��ultimo giro con il connazionale. Il premio di consolazione va a Valentino Rossi, partito decimo dopo delle qualifiche inguardabili a causa di una scelta di gomma errata, arrivato terzo praticamente sfinito si A? dovuto accontentare visto il suo distacco da Jorge e Marc. Felice per un ritrovato Lorenzo, che sembrerebbe aver recuperato la forma fisica della��anno scorso. Il gap con il numero 93 rimane abissale, 83 punti dalla vetta. Per fermare Marquez serve soltanto un suo errore, perchA� al momento nessuno A? in grado di poter competere con il diavoletto spagnolo, speravamo in Valentino ma la��etA� e la moto sembrano non aiutare il pilota di Tavullia che, comunque, rimane a 53 punti dal primo posto in classifica. Saldo al suo secondo posto, non male per un 35 enne dato per bollito ormai da anni. Una buona qualifica di Andre Iannone ci aveva fatto sperare, ha dovuto lasciare il suo secondo posto in griglia concludendo la gara settimo. Le Ducati spingono tanto in qualifica e Andrea ha del talento, manca soltanto una moto degna della sua bravura che, al momento, non ha. Sono tantissimi i limiti della rossa, una moto assolutamente sperimentale con concessioni Open, dobbiamo solo aspettare la��anno prossimo e sperare che qualcosa migliori. I progressi ci sono, ma non bastano ancora per poter competere con Yamaha e Honda. Il prossimo appuntamento A? sempre tra 2 settimane in Spagna, circuito di Catalunya. Sperando di vedere un poa�� di spettacolo ed un primo posto assegnato a qualcun altro ma, probabilmente, non sarA� cosA�.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.