GP del Qatar, Marquez primo e Rossi rimonta!

motogp-qatar-2014-fp3-6_01Ci sono poche certezze alla��inizio di questa stagione che, alla prima gara, vede dominare un Marc Marquez e vede una rimontona della gallina vecchia dalla decima alla seconda posizione. La certezza A? che Marquez fa sul serio, che Valentino ha dimostrato di avere ancora polso e che questa maledetta sabbia africana ha fatto crollare Lorenzo dopo pochi giri. Ea�� stato un week end sofferto, sia per noi tifosissimi del Vale e sia per tutti quelli che volevano vedere le factory alle prime posizioni. Le prove libere si concludono con uno straordinario Espargaro sempre in testa a tutti, con le Honda ufficiali e le Yamaha ufficiali parecchio staccati, sostanzialmente, le libere sono state comandate da questa classe Open che tanto ha fatto discutere, aiutate anche dai test invernali svoltisi proprio a Qatar. Ci ha pensato Marquez a sistemare tutto alla��interno delle qualifiche, piazzandosi primo davanti ad Alvaro Bautista e a Bradley Smith con un Vale in decima posizione. Nessuno pensava potesse salire sul podio, partito decimo e facendo una della sue classiche rimonte che tanto hanno fatto gioire tutti i tifosi del pesarese, ha dimostrato di avere polso, sicuramente aiutato dalla caduta di Jorge al primo giro che ha forzato sicuramente la mano a gomme fredde, come dichiarato da lui stesso. Noi siamo amanti dello spettacolo, delle bagarre e dei sorpassi alla��ultimo giro, ma questo Valentino ancora non basta se si vuole puntare a quel famoso decimo titolo iridato. Lui stesso ammette che deve migliorare le qualifiche, un problema noto, trascinato dalla��anno scorso e complicato da queste Open che riescono a dare tanto in qualifica. Dalla sua parte, Vale, ha una moto che conosce meglio, con un anno di esperienza alle spalle e in grado di poter cambiare il suo stile di guida. Siamo curiosi di vedere ad Austin cosa riuscirA� a fare, con un Jorge ancora piA? furioso e con un Marquez che inizia a imporsi per conquistare il suo secondo titolo in MotoGP, il ragazzo non scherza mica. Nota positiva le Ducati rispettivamente quinta con Dovizioso e sesta con Crutchlow a 12 secondi dal primo, aiutate anche dalle innumerevoli cadute ma il gap A? stato limato leggermente, anche se non basta per tornare competitivi. Ea�� un anno di transizione anche per loro, con una moto in configurazione Open tutta da sperimentare e con un Dalla��Igna in piA? nei box potranno tornare ad essere competitive, magari anche nel corso di questa stagione. Per il resto, possiamo festeggiare per questo secondo posto di Vale, possiamo ammirare la��esuberanza di Marquez e dobbiamo sperare che torni lo spettacolo nelle classe regina, magari con un Lorenzo in piA?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.