GP di Phillip Island. Trionfa Rossi, quante cadute!

5825256-3x2-700x467

Phillip Island è stata, da sempre, una pista ostica. Le basse temperature e gli improvvisi cali termici rendono la scelta delle gomme molto difficile. Una serie di cadute improvvise è stato il risultato della gara di domenica. Marquez, Crutchlow e Iannone hanno dovuto rinunciare ai sogni di gloria! Il neo campione del mondo era solo davanti a tutti, inseguito da Valentino a 4 secondi. Una sicurezza. La chiusura dell’anteriore non ha permesso allo spagnolo di vincere l’ennesima gara in MotoGP, regalando la vittoria a Rossi. Il pilota di Tavullia conquista la seconda vittoria in questo campionato, dopo un week end abbastanza difficile, con una partenza dall’ottava posizione e una rimonta degna del suo passato, come ha abituato i suoi milioni di fans in tutto il mondo.  Secondo posto per Lorenzo e terza posizione per un incredulo Smith. Crutchlow ha sfiorato il podio per poi finire a terra all’ultimo giro. Stessa sorte è toccata a Iannone e Pedrosa, che hanno abbandonato anzitempo la gara. In totale sono 14 i piloti che hanno tagliato il traguardo australiano. Un vero GP delle cadute. La nota lieve di questo week end è il solito Rossi, inarrestabile e con una forza degna di un 23 enne, ha saputo cambiare il proprio stile di guida, competere con i top rider e potrebbe chiudere il mondiale in seconda posizione, vice campione del mondo, a 35 anni. Un bilancio positivo per il pilota italiano che di ritirarsi non ne ha proprio voglia, a beneficio dello spettacolo e dei suoi supporters. In una gara abbastanza anomala da parte di tutti i piloti, anche a causa delle tante cadute, la stella italiana brilla. Il box Yamaha ha fatto grossi passi in avanti nelle ultime gare, con un Lorenzo più competitivo e un ritrovato Rossi, le basi per la prossima stagione sono state già gettate. I bilanci si faranno alla fine di queste due ultime gare restanti, Malesia settimana prossima e Valencia il 7 Novembre. Marquez deve imparare da questi errori, è ancora giovane e ne ha di strada davanti, gli sbagli aiutano a migliorarsi e lui non è uno sprovveduto, saprà farne tesoro. Potrà prendersi la propria rivincita in Malesia, tra una sola settimana.