GP di Sepang. Dodici volte Marquez, eterno Rossi.

Marquez_Rossi_Mar_Podest_skjpg-535x300I campioni si vedono nei momenti di difficoltà, quando c’è bisogno di tirare fuori l’asso dalla manica. Rossi è un campione. L’ha dimostrato, ancora una volta, a Malesia. Nel momento di difficoltà ha tirato fuori la carta vincente con un ennesimo secondo posto alle spalle del solito Marquez. Il week end del pilota di Tavullia è partito malissimo, troppe difficoltà e una qualifica al sesto posto. Nessuno avrebbe scommesso sull’italiano. Jorge già pregustava la vittoria su questo circuito e superare il proprio compagno di squadra nella classifica mondiale. Le cose non sono andate così, Vale è un fenomeno che riesce a sistemare la moto nel Warm Up, poche ore prima dell’inizio della gara. Merito suo e del mago Galbusera. Il risultato è una partenza lampo, alla sua maniera, subito in terza posizione a dar fastidio ai piloti di testa, Lorenzo e Pedrosa. Il pilota Honda è costretto a ritirarsi dopo ben due cadute, la prima ad inizio gara e la seconda verso la fine dei giri. La rimonta di Marquez e la determinazione di Rossi hanno cambiato le carte in tavola. Primo, secondo e terzo Lorenzo, deluso. Marc ha ottenuto un’altra vittoria, la dodicesima in questo campionato. Rossi ha ottenuto un ennesimo secondo posto, consolidando maggiormente la propria posizione di vice campione in classifica generale. Il senza età Valentino non è soltanto 9 titoli mondiali, è sapersi adattare alle varie epoche motociclistiche, raccordo tra passato e futuro. 125, 250, 500 e MotoGP, con stili di guida diversi mettendosi in discussione anche a 35 anni, con la voglia di vincere ancora e riuscendo a stare con i top riders di questo mondiale. Molti nel 2007 lo davano per finito, lui ha voluto ribadire ancora una volta di sentirsi un top, come i suoi colleghi più giovani. Un italiano trionfa e un altro è costretto a tornare a casa, è il caso di Iannone. Colpito duro da Marquez nelle FP2 sul braccio, con la propria Honda. Il dolore era troppo forte per poter gareggiare ed è stato costretto a tornare in Italia, pronto a recuperare per Valencia. Il suo collega, Dovizioso, non se l’è passata bene in gara. Conclude con un ottavo posto, dopo alcuni problemi tecnici. La Ducati è un continuo sali e scendi, ancora poco stabile ma con notevoli passi avanti per il prossimo anno. La prossima gara sarà a Valencia, l’ultima di questo motomondiale. Vinto da Marquez e con un secondo posto ancora in ballo, mantenuto da Rossi. Lorenzo non vorrà farselo sfuggire, non vuole stare dietro Rossi, come accadde nel 2009.