Guarin show, a Bergamo l’Inter travolge la Dea (1-4)

Image00024

Giornata storta per la��Atalanta che finisce con un punteggio pesante. Da salvare in questo pomeriggio tutto da dimenticare un primo tempo in cui i nerazzurri hanno ben giocato guidati da un ispirato Moralez. Dopo appena 55a��a�� di gioco la��arbitro Banti concede un rigore alla��inter per una ingenuitaa�� di Bellini su Guarin. Segna dal dischetto Shaqiri con Sportiello che intuisce e tocca la palla. Primo tempo giocato con grande intensitaa�� con Inter a tratti in difficoltaa��. Maxi Moralez sempre piua�� determinante in questa��Atalanta, corre, serve assist e segna anche il bel gol del pareggio fino a quando a casa di un problema muscolare allo scadere del primo tempo deve dare forfait. In assoluto il migliore in campo ea�� stato Guarin che sigla due splendide reti e si procura il calcio di rigore. A rovinare la partita e la incoraggiante prima ripresa della�� Atalanta ci pensa Benalouane che ad inizio ripresa incappa in 20 secondi di blackout totale. Prima si merita un cartellino gialllo al limite della��arancione per un fallaccio su Palacio, poi sfodera un dito alzato minaccioso in faccia alla��arbitro che non esita un attimo ad estrarre il rosso ( lo spettacolo ringrazia ). Dopo 7 anni sa��interrompe la striscia positica al Comunale contro la��Inter e Mancini si conferma bestia nera atalantina.Mancini che in sala stampa ammette di aver visto una��Inter in affanno per venti minuti dopo il rigore. Da par suo Colantuono non poteva fare molto di piua�� anche se la mossa Denis al posto di Moralez lascia qualche dubbio e perplessitaa��. Prossimo avversario saraa�� la capolista che ospiteraa�� i nerazzurri che giocheranno con parecchie defezioni tra infortunati e squalificati. Sconfitta annunciata?

About Matteo Brama

View all Posts

Veronese, alle soglie dei 50 anni ha 5 amori (Barbara, Jacopo, Joe, l'Inter e L'Hellas) e per non essere da meno pure 5 amanti (la corsa, la bici, la fotografia, la scrittura e lo sport in generale). Sportivamente parlando vanta un paio di record di cui va fiero: maggior numero di sport praticati in vita (ne ha perso il conto) nonché maggior numero di infortuni e fratture (che gli hanno valso il meritato soprannome di Swarosky). Nella sua quarantennale carriera sportiva è stato giocatore, guardalinee, arbitro, dirigente, presidente, allenatore, giornalista-fotografo-scrittore sportivo...Sta seriamente pensando di taroccare la carta d'identità per poter partecipare al corso arbitri e chiudere il cerchio per entrare nel guinness dei primati. E' fondatore e promotore di SportBloggers.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.