IA� Memorial Mario Bubola, un gol di Scapini nella ripresa regala il trofeo alla Virtus Verona nel derby col Legnago ( 0 – 1 )

Image00071Gigi Fresco, mister della Virtus, fa entrare nel finale al posto di Dimas Matteo Scapini, che trova il gol per vincere ilA�1A� Memorial Mario BubolaA�in ricordo del dirigente del Legnago deceduto 24 anni fa e ds della societA� per un ventennio.

Brevi discorsi commemorativi prima della gara di Galeazzo Cinti, ex dirigente del Legnago ai tempi di Bubola e Romano MattA?. In tribuna ex giocatori di quel tempo (Tomizioli, Gemo, Murari, Sbampato) che con Romano MattA?, ex allenatore biancazzurro , hanno valutato le prestazioni dei singoli giudicando il difensore Marco Talin miglior giocatore del torneo.

Presenti due figli di Mario Bubola , Patrizia e Maurizio.

Dopo 8a�? Dimas, ingaggiato da un giorno, serve una palla-gol a ScapiniA�: fiacco il suo rasoterra. Al 19a�? teletiro di Ruffini parato. Il Legnago dimostra personalitA� in difesa e a centrocampo. Al 12a�? al tiro Viviani, fuori di poco. Al 28a�? Fonjock A? superato, ma Dimas grazia Cybulko con un rasoterra fuori . Al 40a�? Valente cerca il gol da fuori, ma il tiro A? parato. Prima del riposo tiri alti di Viviani e Dimas.

Nella ripresa Gigi Fresco cambia alcune pedineA�e la Virtus spreca con Dimas e con Mensah. Poi entra Scapini e trova il gol dopo scambi fra Rizzi e Mensah. Qualche tifoso biancazzurro contesta il fatto che la rete sia stata realizzata da un giocatore sostituito alla fine del primo tempo e poi entrato ancora in campo.

Nelle amichevoli le girandole di sostituzioni anche doppie sono alla��ordine del giorno e non A? il caso di scandalizzarsi piA? di tanto. Il Legnago ha ben impressionato anche se ca��A? da dire che la manovra offensiva deve essere migliorata. Le assenze degli infortunati Zerbato e Bufalo limitano le scelte di mister Leonardo Rossi. La Virtus dopo le amichevoli con il Villafranca (0-2) e il Mantova (2-3) sembra in buona forma , ma Dimas non A? ancora in condizione ottimale.

About Matteo Brama

View all Posts

Veronese, alle soglie dei 50 anni ha 5 amori (Barbara, Jacopo, Joe, l'Inter e L'Hellas) e per non essere da meno pure 5 amanti (la corsa, la bici, la fotografia, la scrittura e lo sport in generale). Sportivamente parlando vanta un paio di record di cui va fiero: maggior numero di sport praticati in vita (ne ha perso il conto) nonché maggior numero di infortuni e fratture (che gli hanno valso il meritato soprannome di Swarosky). Nella sua quarantennale carriera sportiva è stato giocatore, guardalinee, arbitro, dirigente, presidente, allenatore, giornalista-fotografo-scrittore sportivo...Sta seriamente pensando di taroccare la carta d'identità per poter partecipare al corso arbitri e chiudere il cerchio per entrare nel guinness dei primati. E' fondatore e promotore di SportBloggers.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.