Il Crotone sbanca il Partenio

10805843_558847334245859_8279354736670627571_n

I Pitagorici battono la��Avellino con reti di Ciano e Salzano. Nel finale Castaldo si fa parare un rigore scatenando i a�?mugugnia�? dei tifosi. Vincono in trasferta la capolista Carpi (ora a + 4), Ternana e Pescara. Unico successo interno quello del Vicenza sul Brescia. Poi tutti pareggia��

Adesso A? ufficiale: la��Avellino non sa piA? vincere. Nelle ultime quattro partite di campionato (tre delle quali giocate tra le mura amiche del Partenio-Lombardi) i lupi hanno collezionato due soli pareggi, mettendo a segno una sola rete e subendone tre. E pensare che calendario alla mano, in molti avevano addirittura azzardato un poker di vittorie contro le a�?modestea�? Vicenza, Varese, Entella e Crotone. E invece gli uomini di mister Rastelli ne sono usciti ridimensionati e contestatia�� i tifosi biancoverdi infatti, pur senza inscenare una vera e propria contestazione (quella A? stata inscenata ad inzio gara con 15 minuti di silenzio contro la decisione di vietare loro la trasferta di coppa Italia a Bergamo contro l’Atalanta), sui social e nei vari programmi radiofonici e televisivi si sono scagliati contro tutto e tutti. Contro il presidente reo di aver promesso una squadra da posizioni di vertice che invece si sta sciogliendo pian pianino; contro la��allenatore improvvisamente diventato uno sprovveduto, incapace di sapere mettere in campo la squadra e leggere le partite; e contro i calciatori, fino a qualche settimana fa fenomeni, adesso brocchi da sostituire quanto prima nel mercato di riparazione.

La veritA� A? che la��Avellino sta semplicemente attraversando un periodo no; uno di quelli con cui, nel corso di un campionato lungo e faticoso come la serie B, tutti prima o poi devono fare i conti. A maggior ragione se hai fuori per infortunio gli esterni a tua disposizione (Bittante, Regoli, Visconti) un centrocampista del calibro di Schiavon ed hai a mezzo servizio o comunque non al top della condizione pure gente del calibro di Fabbro, Arini, Arrighini, Zito, KonA?, Comia�� Il presidente Taccone, che mai ha promesso la massima serie direttamente, ma magari, e sottolineiamo magari, attraverso la lotteria dei play off (obiettivo minimo stagionale) cerca di buttare acqua sul fuoco e dopo aver giustamente confermato piA? volte tutta la sua stima e incondizionata fiducia nei confronti del tecnico, ha promesso che a gennaio interverrA� sul mercato per aggiustare qualcosina.

Insomma tifosi, squadra e staff tecnico devono solo continuare a fare la loro parte al massimo delle proprie possibilitA�. PerchA� prima o poi il vento cambierA� e in fondo nulla A? compromesso, anzi: gli irpini, pur toppando nelle ultime uscite, sono ottavi in classifica a soli quattro punti dal secondo posto. Se consideriamo che gridano ancora vendetta la rete annullata ingiustamente contro il Vicenza, i pali e le parate strepitose nel match con il Varese, e il rigore sbagliato da Castaldo nel finale del match perso con il Crotone, ecco che la pillola potrebbe sembrare meno amara. Ea�� vero che i biancoverdi non stanno giocando in maniera brillante, che fanno fatica a verticalizzare e velocizzare la manovra e soprattutto a trovare la via della rete, ma A? altrettanto vero che anche la sfortuna ha preso di mira Castaldo e compagni. Infortuni a ripetizione, al primo errore subiscono goal e quando non ca��A? errore ci pensano gli avversari a trovare reti imparabili. Contro il Crotone, la��Avellino si A? ritrovata subito sotto a causa di un bel calcio di punizione della��ex Ciano. Poi dopo aver trovato il pari con Comi, un disimpegno sfortunato e involontario ha servito su un piatto da��argento la rete del definitivo 2 a 1 a Salzano che, solo soletto dal limite, ha indovinato la��angolino alla destra di un incolpevole Gomis. E infine ci ha pensato Castaldo a calciare debolmente e dunque a farsi parare il rigore della��eventuale e tutto sommato meritato pareggio.

Insomma mancano quattro punti a Rastelli e ai suoi uomini che giA� da sabato a Pescara sono chiamati al pronto riscatto. Il compito non sarA� semplice, perchA� di fronte si troveranno una squadra in gran forma e forte ascesa, reduce dal roboante successo ottenuto sul campo della Pro Vercelli per 4 a 0, trascinati da uno scatenato Da Silva, autore di una doppietta. Ma il successo in trasferta degli abruzzesi non A? stato la��unico di giornata: ci aveva giA� pensato venerdA� sera la Ternana con Gavazzi a violare il Matusa di Frosinone, lasciando i ciociari a meno 4 dalla capolista Carpi, capace invece di violare anche il San Nicola di Bari con una rete del solito Mabakogu. A testimoniare la��equilibrio e la��incertezza di questo torneo, una sola vittoria interna (quella del Vicenza sul Brescia) e ben sei pareggi. Di questi, tre sono finiti ad occhiali (Perugia-Latina, Spezia-Cittadella e Modena-Livorno), e gli altri (Varese-Entella, Lanciano-Trapani e Catania-Bologna) tutti con il punteggio finale di 2 a 2.

A�

Risultati e marcatori 17esima giornata serie B:

FROSINONE-TERNANA 0-1 [20′ Gavazzi]

AVELLINO-CROTONE 1-2 [7′ Ciano (C), 25′ Comi (A), 79′ Salzano (C)]

BARI-CARPI 0-1 [53′ Mbakogu]

CATANIA-BOLOGNA 2-2 [4′ Zuculini, 55′ Acquafresca (B), 58′ Cani, 77′ rig. CalaiA? (C.

PERUGIA-LATINA 0-0

PRO VERCELLI-PESCARA 0-4 [32′ Bjarnason, 74′ Politano, 85′ e 91′ Da Silva]

SPEZIA-CITTADELLA 0-0

VARESE-VIRTUS ENTELLA 2-2 [10′ Iacoponi, 17′ Russo (E), 45′ Falcone, 78′ NetoA� (V)]

VIRTUS LANCIANO-TRAPANI 2-2 [5′ aut. Ferrario (T), 37′ e 39′ Thiam (L), 74′ Terlizzi]

MODENA-LIVORNO 0-0

VICENZA-BRESCIA 2-0 [35′A�Moretti, 95′ Sbrissa]

Nicola Iannaccone

About Nicola Iannaccone

View all Posts

"In una serata primaverile di un lontano aprile del XX sec., nasceva nella ridente e verde Avellino, Nicola Iannaccone, per tutti NIKO… l’insegnante precario, l’archeologo fossilizzato, il giornalista sfaccendato, il fotografo movimentato, l’incallito viaggiatore, l’inguaribile sognatore, l’autista impaziente, il calciatore scalciato, il Gascoigne misurato, il tennista smanettato, lo sportivo attapirato, ma soprattutto il tifoso sfegatato. Di chi? Dei lupi biancoverdi ovviamente, che non hai mai tradito, né abbandonato, al punto da aver fatto richiesta per avere residenza e domicilio presso la curva Sud del Partenio!"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.