Il sole sorgerA� di nuovo

radja forza sardegna

Il sole sorgerA� di nuovo, lo ha sempre fatto a casa nostra. Ma il buio purtroppo A? stato tanto, devastante e bastardo. Ea�� dura vedere la tua terra avvolta da fango, acqua e sangue quando sei abituato a vederla con una luce diversa, la luce che la contraddistingue e che la��ha resa nota in tutto il mondo.

La natura a volte A? impietosa, cosA� come a�?la follia, la stupiditA� e la��ingordigia umanaa�?, per usare i termini della��ex governatore Soru, che punta il dito contro partiti, speculatori e regole troppo permissive che fanno in modo che i disastri siano dietro la��angolo. E intanto si contano i morti, le migliaia di sfollati, si fanno minuti di silenzio del cazzo, e i responsabili piangono quanto e spesso piA? di chi ha perso tutto.

Siamo una regione in difficoltA�, abbiamo problemi che ci portiamo avanti da tanto tempo, la nostra insularitA� A? una medaglia con due facce ben distinte. E ora bisogna fare i conti anche con questo disastro, le sue morti assurde e chi non ha piA? una casa perchA� A? sotto il fango: Cleopatra sei una puttana, e non hai neanche tutte le colpe.

Ma ora bisogna guardare avanti, ricostruire. La��Italia, quella della gente vera, come consuetudine si stringe durante queste situazioni tragiche e dA� il suo contributo concreto, perchA� la solidarietA� fortunatamente in queste occasioni viaggia alla stessa velocitA� della rabbia e del dolore. Gli aiuti arrivano da ogni parte, e i social network svolgono una funzione vitale diffondendo, tra gli altri, a�?cinguettiia�� e status dove chi ha la possibilitA� offre posti letto agli sfollati, cibo e tutti i beni di prima necessitA�. Non mancano i sostegni tangibili da parte delle altre regioni italiane e la��UE si sta attivando con il fondo per le catastrofi naturali, giA� utilizzato per Emilia Romagna e Abruzzo. Poi i vari sms, conti correnti, o, semplicemente, per chi come me in Sardegna ci vive, basta raccogliere qualche indumento caldo, prodotti alimentari a lunga scadenza e portarli in uno dei numerosi centri di raccolta.

Anche il mondo dello sport, ovviamente , A? stato scosso da questa tragedia. A partire da chi in Sardegna vive, come i giocatori di Cagliari e Dinamo, le due societA� piA? blasonate, che sicuramente interverranno in maniera concreta.

Poi ci sono i sardi che giocano altrove, e i piu rappresentativi sono sicuramente il campione NBA Gigi Datome e il portiere del Psg Salvatore Sirigu, nati proprio nelle zone piA? devastate. Le loro parole lasciano intravedere chi, da lontano, soffre realmente per la propria terra devastata cosA� come tutti quelli meno fortunati di loro che hanno dovuto lasciarla per cercare fotuna altrove.

Ci siamo sempre rialzati e ci rialzeremo anche questa volta, con la speranza che si lavori concretamente per fare in modo che non succeda di nuovo. Il sole sorgerA� di nuovo, forza Sardegna.

 

Daniele Serra

About Daniele Serra

View all Posts

Daniele Serra nasce a Cagliari nel 1982 d.C. , sull ’isola più bella del mondo. Nel cassetto (chiusa bene) una triennale in lettere guadagnata con la tesi “Parola di Ultras – un’analisi linguistica degli striscioni delle tifoserie calcistiche italiane”. Ama scrivere, il buon cinema, le corse in riva al mare e con la palestra cerca di mantenere in condizioni accettabili la sua carcassa. Da sempre cagliaritano, nel bene e nel male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.