Il Vicenza impatta in casa con l’Entella, 0-0 il finale

 

Image00026

Un Vicenza che era obbligato a vincere per tenere nel mirino il secondo posto dopo la pessima prova fornita a Brescia con conseguente sconfitta per 3-0, e un Entella che ha bisogno di punti per raggiungere la salvezza. Obiettivi diametralmente opposti che hanno dato vita a una partita poco esaltante, con poche occasioni da rete da entrambe le parti.
Sorvolando quindi sul racconto del match nello specifico, vado a raccontare cio` che si respira a Vicenza in questi giorni. Aria di rassegnazione data anche dalla vittoria del Frosinone sul Bologna, che proietta i ciociari al secondo posto a +4 proprio su Vicenza e Bologna. Un Frosinone che e` quindi con un piede in Serie A a 270 minuti dalla fine del campionato cadetto. E` vero, la matematica non ha ancora dato i suoi verdetti, e si sa che il campionato di B e` tutt’altro che una scienza esatta. Pero` il cammino del Vicenza ci vede impegnati con due difficili trasferte a La Spezia e a Livorno, prima del match al Menti proprio contro la squadra laziale, che invece sara` impegnata contro Cittadella in trasferta, e Crotone in casa, avversari almeno sulla carta sicuramente piu` agevoli.

Anche il pubblico del Menti, sebbene numerosissimo come sempre, ha accusato la sconfitta di Brescia, ed e`apparso un po’ sottotono. Effettivamente siamo passati, in pochi giorni, dall’ essere artefici del nostro futuro al dover inseguire. Un duro colpo psicologico che, unito a un vistoso calo fisico e a importanti assenze come quelle di Cocco e Ragusa, hanno complicato di molto i piani del Vicenza.

Ma proprio questi piani dobbiamo ricordare e tenere a mente, perche` ad inizio campionato, a detta di tutti gli esperti, eravamo i maggiori candidati per una retrocessione diretta. E invece questi ragazzi, con voglia, determinazione, carattere e con lo zampino di mister Marino, sono riusciti a regalarci una stagione memorabile; quota salvezza raggiunta a due mesi dalla fine del campionato, play off assicurati, e per i piu` ottimisti siamo ancora in corsa per la promozione diretta. Promozione che tutti noi, chi prima chi dopo, ha sognato o sta ancora sognando, ma se la stiamo sognando e appunto soltanto grazie al miracolo sportivo che sono riusciti a mettere in piedi i nostri ragazzi.
Mettiamo da parte dunque quel pizzico di delusione dopo questi due ultimi risultati, e sosteniamo i ragazzi fino all` ultimo minuto dell’ ultima partita e, qualunque sia la nostra sorte finale, ringraziamoli! FORZA LANE!

Luca Bellotto

About Luca Bellotto

View all Posts

Era il 9 Marzo 1997. Avevo 7 anni. Tifavo la mia squadra del cuore da quando avevo una leggera capacità di intendere e di volere, ma mai l'avevo vista dal vivo. Vincemmo 2-0 contro l'Udinese. Ricordo ancora il tiro dal limite di Jimmy Maini e la girata di testa di Roby Murgita. Da lì, fu ancor più amore, non solo per la squadra, ma anche per il pubblico ribollente del catino del Menti. Ora, 18 anni dopo e con 144 partite all'attivo, in continuo incremento, accolgo con piacere la possibilità di raccontarvi ciò che si prova vivendo il Lanerossi Vicenza da vicino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.