Lazio, scialbo pari contro il Chievo (0-0)

Parolo (Lazio)

Parolo (Lazio)

Pareggio a reti bianche tra Chievo e Lazio. Soddisfazione a metà per i biancocelesti che racimolano un punto, dopo le due sconfitte consecutive contro Empoli e Juventus. Da parte sua, la squadra gialloblu allunga la striscia di  risultati utili sotto la guida di Maran.

TATTICA – Il Chievo schiera il 4-4-2, con la difesa presidiata da Frey e Zukanovic sulle fasce, centrali Gamberini e Cesar (quest’ultimo preferito a Dainelli). In mediana, Birsa e Izco esterni, Hetemaj e Radovanoc in mezzo. Linea avanzata con Paloschi e Meggiorini. Il tecnico biancoceleste opta per il solito 4-3-3: pacchetto arretrato formato dai terzini Basta e Braafheid e dall’inedita coppia centrale De Vrij- Radu. Gonzalez unica novità nel trio di centrocampo, insieme a Parolo e Biglia, fuori Onazi. In attacco la punta Djordjevic e gli esterni Mauri e Candreva.

CRONACA – Nelle battute iniziali, la Lazio prova a pungere con un tiro-cross di Candreva, deviato da Cesar. All’8’Hetemaj, dal limite, scocca un debole radente, facilmente fermato da Marchetti. Sul capovolgimento di fronte, Candreva innesca Djordjevic, la cui conclusione è allontanata in angolo da Gamberini e Frey. Al 12’ cross di Candreva a sinistra per Mauri, a rimorchio Parolo spedisce fuori. Al 20’ Marchetti neutralizza, in presa bassa, un tocco sottomisura di Zukanovic. Il suo omologo Bizzarri para, in due tempi, un tiro di Djordjevic al 28’. Al 35’ Marchetti, di piede, salva in angolo dopo un pericoloso flipper in area. Sugli sviluppi del corner, la schiacciata di testa di Gamberini è oltre la traversa. Al 40’ Bizzarri sventa un tiro di Candreva dal limite. Nella ripresa la Lazio prova ad affacciarsi in area clivense. La formazione di Maran chiude gli spazi, bloccando la costruzione di gioco della Lazio. Felipe Anderson entra al posto di Candreva, e l’equilibrio tecnico-tattico ne risente. Brivido veneto al 17’ con Izco che calcia sull’esterno della rete. Serata di gloria per Bizzarri, ex di turno. In vena di prodezze, il numero uno gialloblu respinge in angolo una bordata di Mauri al 27’, mentre al 31’ allontana con i pugni un cross di Keita dalla bandierina. E, nel finale, mantiene indenne la porta su colpo di testa ravvicinato di De Vrij. La Lazio, proveniente da prestazioni deludenti, perde il contatto con la classifica che conta. Squadra bocciata sul piano della personalità e delle scelte tecniche.

TABELLINI

CHIEVO: Bizzarri 7, Frey 6, Gamberini 6, Cesar 5, Zukanovic 6, Birsa, 6.5 (36’ st Bellomo sv), Radovanovic 5, Hetemaj 6, Izco 6, Paloschi 5 (39’ st Maxi Lopez sv), Meggiorini 5 (23’ st Pellissier sv). In panchina: Bardi, Seculin, Sardo, Dainelli, Biraghi, Cofie, Mangani, Botta, Lazarevic. Allenatore: Maran 6

LAZIO: Marchetti 6, Basta 6, De Vrij 6.5, Radu 6, Braafheid 6, Gonzales 6, Biglia 6.5, Parolo 6.5, Candreva 7 (16’ st Anderson 5), Djordjevic 6 (38’ st Klose sv), Mauri 6 (29’ st Keita sv). In panchina: Berisha, Strakosha, Konko, Novaretti, Cana, Ledesma, Onazi, Ederson. Allenatore: Pioli 6

ARBITRO: Banti di Livorno 6

NOTE. Ammonito Cesar (C). Angoli: 1-13. Recupero: 0’ pt; 4’ st

Fanny Rocca

About Fanny Rocca

View all Posts

Laureata in Dams, indirizzo spettacolo, e giornalista pubblicista dal 2008. Collaboro con un quotidiano locale, seguendo lo sport e, all'occorrenza, eventi di politica e cultura. In passato, addetto stampa di una squadra di basket, militante in C1, e redattrice per siti sportivi on line.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*