Lupi, pari di “qualitA�” a Vercelli

10930131_1533822516870005_3589305858306125845_n

L’Avellino di Rastelli gioca un’ottima partita al Piola, va in vantaggio con Regoli servito da Castaldo, ma si fa recuperare a cinque minuti dalla fine da una discussa rete di Di Roberto.

La��anno nuovo e la ripresa dopo tre settimane di stop non cambiano il leitmotiv della Serie B che anche nella prima di ritorno non fa mancare le sorprese. In attesa dei posticipi di Carpi e Bologna nessuno approfitta del passo falso del Frosinone, 3 a 1 contro un orgogliosissimo Brescia, che attende ancora di conoscer il suo futuro societario. Non lo fa lo Spezia, che soffrendo riesce solo ad impattare per 1 a 1 in casa contro il Varese, e nemmeno la��Avellino, che torna con identico risultato da Vercelli. Raggiunge il quinto posto il Lanciano che rifila tre reti al rinnovato Catania e irrompe in zona play off anche il Pescara che espugna il comunale di Trapani (alla prima sconfitta casalinga stagionale), rifilandolo ai granata un pesante 4 a 2. Non vanno oltre lo zero a zero il Latina e il Bari, che nonostante la dispendiosa campagna di rafforzamento fin qui operata, impattano rispettivamente contro Vicenza ed Entella. Incassa invece tre punti importanti la Ternana, grazie a una doppietta di Bojinov con cui gli umbri battono 2 a 1 il Crotone. Pareggio fra Cittadella e Modena per 1 a 1.

A conti fatti chi al termine di questa giornata recrimina di piA? A? la��Avellino che sul difficile campo del Piola, scortato da oltre 300 calorosi e colorati supporters, comanda il gioco per gran parte del match, si rende pericoloso senza mai subire e soffrire gli avversari, va in vantaggio con una bella azione finalizzata da Regoli, ma splendidamente a�?cucitaa�? da un Castaldo in grande spolvero e subisce la rete del pari di Di Roberto a cinque minuti dal termine sugli sviluppi di un calcio da��angolo discutibile con evidente fallo su Ely. Insomma due punti persi piA? che uno guadagnato per i lupi che con la vittoria avrebbero agguantato il momentaneo secondo posto in solitaria.

Resta perA? la prestazione: Rastelli si A? affidato al collaudato 3-5-2 potendo finalmente contare sui recuperati Visconti e Regoli che hanno dato brio e velocitA� sugli esterni alla manovra irpina. In difesa buone le prove di Ely e Pisacane, ottima quella di Chiosa preciso e puntuale nelle chiusure e nelle uscite.

A centrocampo sopra le righe la prestazione di KonA? che fin quando A? stato in campo ha recuperato palloni in quantitA� industriale facendo ripartire la manovra con luciditA� e precisione. Il cartellino giallo lo ha poi condizionato e bene ha fatto Rastelli a sostituirlo con Arini che ha affiancato i sempre generosi Da��Angelo e Schiavon. In attacco mostruosa la gara di Castaldo, sempre piA? leader indiscusso di questa squadra. Tocca la palla e inventa: dai suoi piedi non solo A? partito la��assist a�?no looka�? per il vantaggio di Regoli, ma una serie di giocate fatte di dribbling, conclusioni, intuizioni geniali, che confermano il suo essere di ben altra categoria. Non giudicabile la prova del neo acquisto Trotta, entrato a pochi minuti dalla fine, al posto di Comi reo di aver sciupato malamente la palla del definitivo ko. Sabato si ritorna in campo: al Partenio arriverA� il Cittadella, ultimo della classe. A dispetto della classifica sarA� una gara insidiosa che i lupi dovranno perA? assolutamente vincere se, come piA? volte ribadito dal presidente Taccone, si vuole puntare a centrare i play off e magari disputarli da protagonisti. E dopo Trotta, Mokulu e Almici non A? detto che il mercato non riservi qualche altra imminente sorpresaa��

Nicola Iannaccone

About Nicola Iannaccone

View all Posts

"In una serata primaverile di un lontano aprile del XX sec., nasceva nella ridente e verde Avellino, Nicola Iannaccone, per tutti NIKO… l’insegnante precario, l’archeologo fossilizzato, il giornalista sfaccendato, il fotografo movimentato, l’incallito viaggiatore, l’inguaribile sognatore, l’autista impaziente, il calciatore scalciato, il Gascoigne misurato, il tennista smanettato, lo sportivo attapirato, ma soprattutto il tifoso sfegatato. Di chi? Dei lupi biancoverdi ovviamente, che non hai mai tradito, né abbandonato, al punto da aver fatto richiesta per avere residenza e domicilio presso la curva Sud del Partenio!"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.