Moratti se ne va, finalmente…

thohir1Non poteva che essere la telenovela Moratti – Thohir a sancire l’esordio della nuova rubrica, A�Controcorrente, che non mancherA� di suscitare polemiche dato che, come dice la parola stessa, l’opinione del blogger autore dell’articolo A? nella stragrande totalitA� dei casi esattamente contraria all’opinione comune. Senza andare molto distante da casa mia, anzi, a dire il vero proprio…in casa mia, mi trovo quale esatto esempio di opinione opposta alla mia quella di mio figlio Jacopo, interista sfegatato, che nel piA? classico dei confronti “pro” versus “contro” non manca di pensarla esattamente come la maggiorparte degli interisti: Lui, dalle pagine del nostro portale, ha sentito la voglia ed il bisogno di salutare e ringraziare con un articolo di stima infinita il buon Presidente (o forse meglio dire il Presidente buono). Della serie “Il mondo A? bello perchA? A? vario”…

Eh sA�, tornando proprio alla bontA� di Moratti, ravviso in questa una delle sue piA? importanti pecche: nel mondo del calcio, giungla per antonomasia, non ti puoi permettere, a questi (alti) livelli, di fare il buon padre di famiglia, non funziona cosA�…Se non hai il pelo sullo stomaco, se non hai il carattere per fare il duro, o ti attorni di uno staff che lo faccia al posto tuo oppure vai a fare il Presidente di una squadra di amatori, dove la tua bontA� e magnanimitA� si sposa perfettamente col pane e salame del dopo partita. Invece nei suoi 18 anni di presidenza il buon Massimo si A? fatto “fregare” ripetutamente, non ha capito che la bontA� e la riconoscenza nel calcio non esistono: Kanu, Eto’o, Ibrahimovic sono solo una minima parte di esempi di calciatori “palancai” attenti solo ai soldi ed ai propri interessi (Il guerriero Stankovic A? la classica unica eccezione alla regola. E laddove invece c’era da valorizzare, esaltare, ringraziare le bandiere dell’Inter, Moratti si permette di usare Beppe Baresi come il piA? sfigato dei tappabuchi, Lele Oriali lo caccia senza motivo, Beppe Bergomi mai nemmeno lo A�nomina o lo ricorda che ne so, togliendo il suo numero di maglia come si sarebbe meritato, Il Walterone Zenga mai preso in considerazione nemmeno per un ballottaggio da allenatore…

Ma continuiamo sui “difetti di Moratti”: con la disponibilitA� economica che aveva (non ultimamente, visto che oramai la cassa piange pure per lui) vogliamo dire che ha operato bene e vinto il giusto in 18 anni? Non scherziamo…Tralasciando il fatto che, per esempio, Milan e Juve hanno vinto il doppio di noi e spendendo forse un terzo di quanto speso da Moratti nell’ugual periodo, con gli allenatori ne ha combinate di cotte e di crude, collezionandone una serie ridicola praticamente imbattibile (Gasperini, Lucescu, Tardelli, Suarez, Bianchi, Lippi, Hogson, Stramaccioni ecc ecc…vi bastano come assaggio ricordo?). Ha avuto la fortuna di vincere un paio di scudetti (il secondo facendo infartuare migliaia di tifosi) ed il Triplete con Mourinho, allenatore bravo ma strapagato e pure sopravvalutato (ed infatti negli ultimi anni sta dimostrando il suo vero valore) che, diciamo la veritA�, faceva comunque giocare l’Inter in un modo tutt’altro che spettacolare. Unica perla A? stata a mio parere la gestione Mancini: pagato il giusto, scudetti a go-go con squadre che non erano le migliori del campionato e soprattutto un gioco spettacolo che non guastava affatto.

Vogliamo parlare dei giocatori? Su una media di una decina di acquisti a stagione, almeno sempre 8 flop: Quaresma, Hakan Sukur, Alvaro Pereira, Gresko (grazie per lo scudetto perso per colpa stua!) sono solo una infinitesima parte delle ciofeche rifilateci, a fronte di una manciata di ottimi acquisti (Ronaldo in primis, Zanetti, Ibrahimovic ed Eto’o) e qualcuno di buono (Cordoba, Figo, Vieri) e poi…nulla piA?

Infine, la cosa che piA? mi fa incazzare, A? che si sente troppo spesso dire dai tifosi intervistati: “Ehhh ci dispiace che vada via, ma lo fa per il bene dell’Inter…” Per il bene dell’Inter? Ma stiamo scherzando? Il signore in questione A? riuscito, vincendo gran poco, a spendere oltre un miardo di euro ed a fare un buco di 400 milioni di euro! Diciamo la veritA�, il signore se ne va perchA? la situazione finanziaria A? insostenibile ed il vergognoso mercato estivo ne A? la riprova, i rinforzi sono stati zero (jolly dell’allenatore valido ed Icardi a parte) per mancanza di ninnoli in cassa. Del resto, in qualsiasi societA� (non pubblica, ovvio, laddove il buco finanziario puA? crescere per anni a dismisura) privata, un dirigente “normale” che gestisce sistematicamente in perdita la societA� che deve condurre quanto durerebbe? Il tempo di prendersi dei gran calci nel culo dai soci!A�In quanto alla sua fede nerazzurra…che stronzata! NA? piA? ne meno della mia, di quella di mio figlio e di mio padre, anche se allo stadio ci andiamo meno di lui…o riusciamo adesso anche a “quantificare” la fede sportiva?

Detto questo, mi rendo perfettamente conto che un minimo di salto nel buio, col nuovo Presidente, lo facciamo. PuA? essere che tra un paio di anni il simpatico Erick si stufi (come giA� successo al ricco Presidente del Malaga) dell’Inter e la mandi a rotoli. Ed io mi prenderA? le mie responsabilitA�, sebbene non ci sarA� comunque la controprova, magari con Moratti sarebbe andata ancora peggio (il trend A? quello, visto che il piatto piange). Ma io non credo. Thohir mi sempre un tycoon ovviamente strapieno di soldi, ma anche con la testa. Le sue societA� guadagnano sistematicamente, ed il buon Erick ha una “visione globale” che, nel 2013, col mondo che A? cosA� cambiato ed evoluto tecnologicamente, A? fondamentale.

Dobbiamo metterci, commercialmente parlando, a livello dei top team mondiali, Real Madrid e Manchester United in primis, magari dico anche umilmente andando a chiedere “consulenza” dal come vendere magliette, gadget in ogni parte del mondo a come gestire uno stadio (provate ad andare a farvi un biglietto a San Siro, ed una volta dentro fateci pure un bel giro nei bagni….).A�Questo con Moratti non lo potremmo mai fare, con l’indonesiano presumibilmente sA�, e pure bene.

Non scordiamolo ragazzi, noi siamo l’Inter, non una squadretta lombarda di quarta serie…Il nostro inno ci dice: “amala, pazza Inter amala”…Ed allora, noi, l’Inter l’amiamo cosA� tanto che non ce ne stufiamo mai e lo vogliamo sempre piA? grande questo amore per lei…In bocca al lupo Erick, facci sognare…e vincere, ne abbiamo bisogno come dell’aria per respirare!

About Matteo Brama

View all Posts

Veronese, alle soglie dei 50 anni ha 5 amori (Barbara, Jacopo, Joe, l'Inter e L'Hellas) e per non essere da meno pure 5 amanti (la corsa, la bici, la fotografia, la scrittura e lo sport in generale). Sportivamente parlando vanta un paio di record di cui va fiero: maggior numero di sport praticati in vita (ne ha perso il conto) nonché maggior numero di infortuni e fratture (che gli hanno valso il meritato soprannome di Swarosky). Nella sua quarantennale carriera sportiva è stato giocatore, guardalinee, arbitro, dirigente, presidente, allenatore, giornalista-fotografo-scrittore sportivo...Sta seriamente pensando di taroccare la carta d'identità per poter partecipare al corso arbitri e chiudere il cerchio per entrare nel guinness dei primati. E' fondatore e promotore di SportBloggers.