Mundaily – Day 10

Non riesce a confermarsi, la Germania. Dopo aver schiantato il Portogallo, i tedeschi rischiano addirittura di perdere contro il Ghana, che nella prima giornata aveva dovuto soccombere ai tutta��altro che quotati USA (allenati da un tedesco, Klinsmann, oltretutto).

Le a�?Stelle Nerea�?, ben messe in campo e con delle individualitA� da tenere da��occhio, hanno reagito bene alla��iniziale vantaggio teutonico (gol del talentino Goetze), pareggiando con AndrA� Ayew (figlio del a�?miticoa�? Abedi PelA�) e andando poi in vantaggio con Asamoah Gyan, la punta di diamante della squadra.

Il CT tedesco Loew, per ritirare su la baracca, ha dovuto affidarsi alla a�?vecchia guardiaa�?, gettando nella mischia sia Schweinsteiger (fuori finora per i postumi di un infortunio), sia soprattutto il laziale Miro Klose. Il quale, dopo una manciata di minuti dalla��ingresso in campo, andava a segno, agguantando il pareggio e segnando il suo gol mondiale numero 15, raggiungendo Ronaldo (quello brasiliano) in testa alla classifica assoluta.

Oggi la sfida tra USA e Portogallo definirA� meglio i destini del girone: gli americani, in caso di vittoria, balzerebbero clamorosamente in testa al gruppo, eliminando i lusitani. I quali, sperano in un CR7 ben piA? pimpante di quello del debutto, per continuare a tenere accesa la fiammella di un passaggio agli ottavi.

Ieri sera, intanto, sa��A? disputata interamente la seconda giornata del girone F; la��Argentina ha deluso ancora, se non peggio che al debutto, ma ha comunque nuovamente portata a casa il bottino pieno, qualificandosi con un turno da��anticipo agli ottavi, sapendo che con un pareggio nella��ultimo match avrA� comunque assicurata la vittoria nel girone.

La SelecciA?n soffre, A? abulica, tatticamente pasticciata, ma ha Leo Messi. Che infatti trova il gioiello da tre punti oltre il 90A�, infliggendo alla��Iran del a�?mago tatticoa�? portoghese Queiroz una��immeritata sconfitta. Tra la��altro ai mediorientali A? stato pure negato un rigore netto, sullo 0 a 0a��

Nella��altro match del gruppo, la Nigeria ha battuto per 1 a 0 la Bosnia, eliminandola. Ora gli africani sono secondi con 4 punti: per avere la certezza del passaggio del turno, basta loro un a�?biscottoa�? con la��Argentina che, come dicevamo prima, con un punto A? sicura del primo posto nel raggruppamento. La��Iran intanto deve darsi da fare per strapazzare i deludenti slavi, ancora a quota zero e quindi giA� eliminati.

Infine stasera, oltre a USA-Portogallo, si giocano le due partite del girone H che andranno a chiudere la seconda giornata dei gironi Mondiali. Il big match A? Belgio-Russia, coi a�?Diavoli Rossia�? che devono essere ben piA? convincenti che al debutto (peraltro vincente) contro la��Algeria. Ma deve darsi da fare anche la squadra di Capello, che sei giorni fa non A? andata oltre la��1 a 1 con la Corea del Sud. Gli asiatici, battendo la��Algeria e sfruttando il risultato della��altro match, potrebbero mettersi nella condizione di essere in ballo per il passaggio del turno alla��ultimo match partendo addirittura in vantaggio, se ad esempio la Russia batte il Belgio. Non male, per una delle Nazionali meno quotate del torneoa��

A�

Federico Zuliani

Federico Zuliani

About Federico Zuliani

View all Posts

Classe '82, juventino dalla placenta, nonostante la laurea in Scienze Politiche ha ben presto capito che la politica era meglio prenderla in giro che studiarla. Messe quindi da parte le varie ipotesi di riforma del sistema elettorale, ha scelto di dar libero sfogo al proprio umorismo abrasivo col ‘Pagellone’, attraverso cui dà i voti ai protagonisti della politica locale. Del medesimo argomento, di Sport e di tanto altro scrive sul settimanale LegnagoWeek. Collabora inoltre con altre testate cartacee e online, occupandosi di vari temi. Per ovviare allo stress dell’attività giornalistica nell’agone politico, si dedica alla “cultura del cibo”. In seguito a questa passione, ha intrapreso l’attività di food blogger, recensendo ristoranti, discutendo di ricette e litigando coi buchi della cintura. Mangia, prega, ama e impreca a Legnago.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.