Pazza Scaligera Verona Basket fa sua gara 5 con Veroli all’overtime ( 92-86) e vola in semifinale

Image00001La Tezenis vince gara 5 in una gara tiratissima per tre quarti gara e che solo nell’ultimo quarto sembrava regalare gloria agli scaligeri con un parziale di 11-2 (Taylor, Carraretto e Boscagin a canestro) A�a 5 minuti dal termine che sembrava spianare la via ad un facile successo. Invece un po’ la paura di vincere, un paio di di palle stupidamente perse ed una gran voglia di Veroli di non mollare regalavano un incredibile finale al match, con i laziali capaci di segnare la bomba del pareggio di Samuels in avvitamento (79-79) a nemmeno un secondo dal termine (0.50 secondi, per la precisione).

L’overtime poteva essere un massacro per il morale cosA� duramente messo alla prova da una vittoria certa gettata al vento, invece l’immediato 8-0 di parziale ridava entusiasmo ai giocatori veneti ed al caldissimo pubblico veronese, al record stagionale coi suoi 4.207 spettatori, che vedeva tra le sue fila anche uno scatenato Mandorlini alzarsi in piedi a gioire nel momento topico del match.

Veroli provava a riaprire il match rosicchiando in un amen 5 degli 8 punti di gap, per presentarsi al minuto finale del supplementare col solito giochetto del fallo sistematico nel tentativo di accorciare a zero il divario.

Ma stavolta le mani dei gladiatori veneti non tremavano, capitan Boscagin, migliore in campo, dirigeva da par suo il suo team a gestire al meglio i tiri liberi, i compagni non si facevano pregare e con un devastante en-plain dalla lunetta allungavano addirittura il divario fino a 6 punti finali, per 95-89 conclusivo. E’ semifinale, nella torcida di Capo d’Orlando serviranno altre gare come questa per portare a casa almeno una vittoria e sperare in una finale sicuramente alla portata degli alfieri gialloblu.

About Matteo Brama

View all Posts

Veronese, alle soglie dei 50 anni ha 5 amori (Barbara, Jacopo, Joe, l'Inter e L'Hellas) e per non essere da meno pure 5 amanti (la corsa, la bici, la fotografia, la scrittura e lo sport in generale). Sportivamente parlando vanta un paio di record di cui va fiero: maggior numero di sport praticati in vita (ne ha perso il conto) nonché maggior numero di infortuni e fratture (che gli hanno valso il meritato soprannome di Swarosky). Nella sua quarantennale carriera sportiva è stato giocatore, guardalinee, arbitro, dirigente, presidente, allenatore, giornalista-fotografo-scrittore sportivo...Sta seriamente pensando di taroccare la carta d'identità per poter partecipare al corso arbitri e chiudere il cerchio per entrare nel guinness dei primati. E' fondatore e promotore di SportBloggers.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.