Playoff Gara 1: Avellino avanti tutta!

La coreografia della Curva Sud

Gara 1 del playoff 2016 senza storia al Paladelmauro dove si affrontavano Pistoia (reduce da un finale di stagione strepitoso) e Avellino. Nonostante le paure della vigilia, dettate soprattutto dalla forza dimostrata dalla compagine toscana nelle ultime uscite di campionato, la Scandone si sbarazza piA? che facilmente dell’avversario mettendo la freccia fin dal primo minuto di gioco. In vantaggio per tutta la partita, il risultato finale A? scontato giA� dopo i primi due quarti. Pistoia non riesce mai ad arginare il gioco di Avellino che dal suo canto difende con mordacia e grandi scivolamenti minimizzando i cambi accettati e massimizzando gli sforzi profusi nella propria metA� campo. Nonostante coach Esposito le provi davvero tutte, i quasi venti punti di differenza allo scadere ci stanno tutti. In conferenza stampa post gara Sacripanti ricorderA� giustamente che ogni partita ha uno svolgimento differente e che Gara 2 proporrA� di certo delle insidie. Ma la Scandone ammirata questa sera A? davvero un gradino piA? in alto per classe, temperamento e tecnica.

Ivan Buva a rimbalzo

Ivan Buva a rimbalzo

Note di colore

1 – La coreografia offerta dagli OF A? un inno alla terra irpina e alla cittA� capoluogo in particolare. Restituisce un minimo di orgoglio campanilistico laddove da inorgoglirsi pareva non essercene motivo. E’ indubbiamente una delle coreografie meglio riuscite degli ultimi anni. Anche se, a memoria, ci sembra di ricordare qualcosa di simile. Davvero bravi.

2 – Niente “sold out” al Paladelmauro. Purtroppo A? questa la nota stonata di tutta la serata. Nelle tribune e in qualche zona dei distinti si notavano, purtroppo alcuni sediolini vuoti. Possibile che neppure una formazione di questo spessore tecnico non riesca a convogliare nuovi tifosi al palazzetto? Sperando che sia colpa solamente dell’orario infelice e della quasi contemporanea partita dell’Avellino Calcio, aspettiamo lunedA� per cambiare idea o farcene definitivamente una ragione.

3 -A�Spettacolare la bambinaA�di Veikalas vestita coi colori biancoverdi. Ancora piA? spettacolare il padre che entra e dopo trenta secondi mette una tripla cancellando le opache ultime prestazioni. Davvero una famiglia speciale. Complimenti.

Giovanni Severini

Giovanni Severini

MVP

Bastiancontrari, ovviamente. Tutti ad indicare Nunnally o Buva, autori entrambi di una prestazione eccellente. Ed invece noi mettiamo lA�, un gradino sopra gli altri tale Giovanni Severini. Da inizio campionato ha praticamente decuplicato il suo minutaggio inanellando ottimi spezzoni di partita. Oggi sacripanti lo tiene in campo per 12 minuti facendolo entrare ufficialmente nelle rotazioni che contano. E’ tempo di diventare grandi. Di limare le imperfezioni ai liberi, per esempio, e di tirare con maggiore convinzione e senza paura di sbagliare. Sbaglia solo chi tentaA�e chi tentaA�vuol dire che ha coraggio.

Per la serie “prestati al basket”

Spiegazione di una interferenzaA�a canestro: “la palla si puA? stoppare soltanto in mano all’avversario. Se il tiro A? partito non si puA? toccare altrimenti A? fallo e ti danno i due punti contro”. S’A? scordato solo il calcio di rigore e l’ammonizione all’ultimo uomo. Ma i playoff sono belli anche per questo.

Il tabellone finale

Il tabellone finale

La gara in cifre

Avellino tira con il 50% dal campo e col 70% dalla linea della caritA�. Prende 42 rimbalzi e smazza 25 assist totali. 93 punti finali.

Pistoia tira con il 45% dal campo e col 75% dalla linea della caritA�. Prende 28 rimbalzi e smazza 15 assist. 76 punti finali

La frase del giorno

A Coach Esposito, novello Rossella O’Hara, non resta che aggrapparsi alla celeberrima frase del film Via col Vento: “Dopotutto, domani A? un altro giorno”. Coach Sacripanti risponderA� con l’ancor piA? famoso “Francamente me ne infischio”? LunedA� lo sapremo.

Angelo Michele Santoro

About Angelo Michele Santoro

View all Posts

Nato nel lontano 1975, percorro l’Italia in lungo e in largo più della maglia rosa al Giro. Prima Como, poi Avellino, passando per Modena e Novara ma non disdegnando qualche capatina a Roma. Qualcuno dice che io sia leggermente sovrappeso ma è solo invidia. Sport preferiti: basket e sollevamento forchetta che pratico entrambi da amatore con risultati pessimi da una parte e fin troppo buoni dall’altra. Da 15 anni dico tutte le mattine di andare in ufficio dedicandomi in realtà alla mia passione: guardo gli operai dei cantieri in città. Lettore accanito, giornalista, scrittore prolisso e parlatore logorroico, mi riconosco soltanto un grande difetto. Non finisco mai ciò che iniz...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.