Basket Liga ACB: il Real Madrid si aggiudica il ClA?sico e continua imbattuto in campionato

realbarca_sportbloggers2La sfida tra Real e Barcellona va in scena, come ormai tradizione, nel mezzo delle vacanze natalizie e vede affrontarsi due squadre al vertice della Liga ACB: i blancos imbattuti al vertice solitario della classifica e i blaugrana in terza posizione, alla ricerca costante di risalire e recuperare i punti lasciati per strada.

La��importanza del match A? sentita da entrambe le squadre in maniera evidente, come dimostrano i primi minuti di studio reciproco, basati su difese concentrate, tensione e pochi spunti rilevanti per il gioco, se si eccettuano gli 11 punti mandati a segno da Rudy Fernandez nei primi dieci minuti, conditi da una difesa attenta sulla punta di diamante avversaria Juan Carlos Navarro, mattatore del derby della��anno scorso con 33 punti segnati.

Limitato dalla difesa dei catalani, il Real Madrid trova la soluzione ai suoi problemi con la��entrata nel secondo quarto del play Sergio Rodriguez, spesso determinante per i suoi in questa prima parte di stagione, e del capitano Felipe Reyes, questa��ultimo autore di 12 punti nella sola seconda frazione. La maggior efficacia in fase di realizzazione dei padroni di casa e la costanza nel serrare i ranghi in difesa permettono ai madridisti di dare il primo break al punteggio della gara, 44-30 al minuto 17 e periodo chiuso sul 48-36 alla sirena di fine secondo quarto.

La pausa di metA� partita sembra giovare al BarA�a, che rientra mettendo in campo un parziale di 0-6 che riporta subito gli ospiti a ridosso dei padroni di casa, per nulla intimoriti con Boroussis (ex Olimpia Milano) e Mirotic (14 per lui alla fine) sugli scudi nel gioco sotto canestro in attacco e nella��arginare i lunghi avversari in difesa. Grazie a un ritrovato Navarro (8 punti per lui nella terza frazione) e al solito Rodriguez, la��andamento del quarto oscilla tra il massimo vantaggio a favore del Real, +18 al minuto 27, e un deciso riavvicinamento sul 76-65 di fine periodo, anche grazie a due triple del greco Kostas Papanikolau, fino ad allora autore di una prova piuttosto incolore.

A? sempre Rodriguez, ottimamente coadiuvato da Llull e Fernandez (18 punti alla fine, miglior marcatore della��incontro), a rintuzzare i tentativi del Barcellona di riportarsi a contatto, grazie a triple e canestri in contropiede nei momenti decisivi della��ultima frazione, che diventa cosA� poco piA? di un contorno al tributo che i tifosi dei blancos rendono alla loro squadra, ancora imbattuta in ACB e in Eurolega. La��incontro si chiude sul 98-84 e incorona il Madrid campione da��inverno, a due sole vittorie di distanza sia dalla miglior partenza di sempre in un campionato spagnolo sia, sommando anche le dieci vittorie consecutive in Eurolega, dalla cifra record di 25 vittorie complessive in gare ufficiali da inizio stagione.

Questo incontro, il ClA?sico con il punteggio piA? alto della storia del campionato spagnolo, conferma quanto si era visto giA� nel resto della stagione: il Real continua il suo stato di grazia, esaltando la qualitA� dei singoli giocatori del proprio roster alla��interno di una coesione di squadra in cui A? evidente il lavoro che coach Pablo Laso sta portando avanti per la terza stagione consecutiva. Alla��interno di questa partita, tutto ciA? A? reso ancora piA? evidente dal punteggio alto (98 punti segnati contro una delle migliori difese della ACB), ma soprattutto da come si sia costruito un break probabilmente decisivo nel secondo quarto arginando il giocatore avversario piA? pericoloso, Navarro, attraverso una staffetta difensiva tra Fernandez e Llull, a riprova di una completezza tecnica che rende i blancos dei seri pretendenti a tutte le competizioni in cui sono impegnati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.