Reggio e quella difesa che si taglia con un grissino. 75 a 91 per Avellino che aggancia Cremona

Con un primo quarto di assolotu livello (12-34) e con un Nichols e un Green devastanti nella metà campo ospite, Avellino chiude il match prima ancora di iniziarlo. Quando la squadra entra in campo concentrata e attenta sui movimenti difensivi e tranquilla nelle scelte offensivi, coach Vucinic ha vita molto facile nel proporre il suo basket fatto di tanta intensità e anche di molto spettacolo. Reggio Emilia rimane annichilita dal potere offensivo degli ospiti e i due nuovi acquisti di Reggio, Ortner e LLompart non riescono ad incidere. L’unico a crederci fino all’ultimo, in casa Grissin Bon è Mussini, bravo in difesa e discreto anche dall’altro lato del campo. Per il resto c’è molto da lavorare per coach Cagnardi.

Reggio Emilia accenna ad un timido tentativo nel secondo e nel quarto periodo ma Avellino aveva messo troppa distanza tra sé e gli emiliani e il gap non è mai stato veramente colmabile. La Scandone aggancia in classifica  al terzo post Cremona sconfitta da Varese di coach Caja in uno dei tanti derby lombardi.

MVP

Green e Nichols meritano a pari merito la palma di migliore giocatore in campo. Le differenze sono minime e i numeri sono impressionanti. Green tira col 70% da due e con il 60% da tre. Nichols replica con il 100% da due e il 75% da tre punti. Green fa 29 punti con 32 di valutazione e Nichols ne mette 19 con una valutazione di 24. Scegliere chi sia il migliore è decisamente impossibile. Menzione speciale per Sabatino, entrato con ottimo piglio e autore di due bellissimi punti.

Dall’infermeria

Buone notizie in casa Scandone. Costello sta meglio e il recupero procede prima del previsto. Campani sta recuperando partita dopo partita. Stasera gioca 10 buoni minuti che gli danno sicuramente fiducia. Mette a referto una stoppata e un +13 di valutazione. Campogrande è ancora out ma viene dato anche lui in costante miglioramento.

Prossima gara

Avellino affronterà mercoledì tra le mura amiche l’ultima del girone di andata di BCL contro la squadra lettone di Ventspils. Da tenere d’occhio il numero 23 Jonathan ARLEDGE ala forte di due metri e 6 centimetri. Green avrà una brutta gatta da pelare. La formazione ospite, penultima in classifica, non dovrebbe essere un avversario molto ostico per gli uomini di coach Vucinic che, da oggi, hanno nel mirino la gara di domenica prossima con la Reyer Venezia. Il banco di prova in questo caso sarà molto più difficile e darà il metro delle reali chances degli avellinesi di incidere nel corso della stagione regolare. Milano pare ancora irraggiungibile e stasera, proprio con Venezia, potrebbe dare il definitivo scossone al campionato.

 

Angelo Michele Santoro

About Angelo Michele Santoro

View all Posts

Nato nel lontano 1975, percorro l’Italia in lungo e in largo più della maglia rosa al Giro. Prima Como, poi Avellino, passando per Modena e Novara ma non disdegnando qualche capatina a Roma. Qualcuno dice che io sia leggermente sovrappeso ma è solo invidia. Sport preferiti: basket e sollevamento forchetta che pratico entrambi da amatore con risultati pessimi da una parte e fin troppo buoni dall’altra. Da 15 anni dico tutte le mattine di andare in ufficio dedicandomi in realtà alla mia passione: guardo gli operai dei cantieri in città. Lettore accanito, giornalista, scrittore prolisso e parlatore logorroico, mi riconosco soltanto un grande difetto. Non finisco mai ciò che iniz...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.