Sassari annichilisce Milano, vola sul 3-1

image

Sassari vince anche gara 4 al Palaserradimigni, si porta sul 3-1 ed avrA� ora un triplo match point per concludere in piA? clamoroso degli upset, facendo terminare la stagione dei campioni in carica.

Partita ancora una volta brutta e nervosa, come tutte gli altri tre match della serie, e la Dinamo dimostra, ancora una volta, di sguazzare in questo clima da battaglia.

Milano cerca di reagire, trova ancora qualche vantaggio che potrebbe dare il la ad una fuga, ma non riesce mai a concretizzare gli sforzi fatti, con il solo, immenso, Gentile a guidare la truppa con un altro ventilo abbondante.
Sassari, di contro, risponde con un ritrovato Logan, il solito utilissimo Sanders e con un incontenibile Lawal, che spazza i tabelloni e l’area con una ferocia ineguagliabile.
Il titolo di MVP va comunque a Jeff Brooks, autentico coltellino svizzero per coach Sacchetti, in gradi di dare punti, rimbalzi, assist e difesa, risultando fondamentale nella lotta con i pariruolo di Milano, che si dimostrano totalmente inadeguati.

Nel primo quarto Milano chiude avanti, sospinta da Gentile e Samules, ma anche da Ragland, lanciato in quintetto base da guardia e sembrato piA? a suo agio quando non deve trattare il pallone, ma concludere.
Per la Dinamo tengono botta, come sempre, Lawal e Sanders, in attesa dell’ormai consueto scivolone Milanese.

Nel secondo periodo MarShon Brooks entra e finalmente si accende, portando i biancorossi a +6, aiutato anche da un Hackett molto aggressivo sotto canestro, ma Sassari ancora una volta non si scompone, e Lawal, nell’inedita veste di penetratore, fa saltare gli accoppiamenti difensivi e tiene gli isolani sul -1 all’intervallo, arrivato con una tripla di Sosa.

Nel terzo periodo gli ospiti partono fortissimo: due schiacciate consecutive in contropiede, e +7 servito.
Il vantaggio non viene perA? sfruttato, e Logan con due triple consecutive riporta la banda di coach Sacchetti a contatto, nonostante le continue giocate di Gentile, che si A? confermato ad altissimi livelli in questi playoff, che lo consacrano come una delle migliori ali d’Europa.
Sassari perA? sembra trovare, per la prima volta in tutta la serie, il suo gioco fatto di contropiede e tiri veloci, e sorpassa con decisione, chiudendo a +3.

Nel quarto periodo non c’A? storia: Milano si ferma, completamente, di schianto, come se avesse finito la benzina.
I giocatori biancorossi rifiutano tiri aperti a ripetizione, e le poche conclusioni prese da qualcuno che non si chiami Gentile sono clamorosamente sbagliate (airball di Moss con metri di spazio in un momento decisivo).
Sassari invece A? sciolta, rilassata e letale: sospinta dal proprio pubblico continua a scavare un solco importante, dominando a rimbalzo d’attacco in tutto il secondo tempo.
Nel finale viene anche espulso Hackett, per una orrenda scenata nei confronti della terna arbitrale, e l’Olimpia perde ancora una volta la testa, per Hackett saranno due partite di squalifica, giuste, se non fosse per il clamoroso abbaglio preso dagli arbitri sul pugno di Sosa in gara 3: la Lega dovrA� fare chiarezza.

Milano perA? si dimostra, ancora una volta, molle e senza idee, tradita da presunti campioni come Kleiza, e da giocatori spariti completamente o in parte nei playoff (Ragland e Brooks rispettivamente).
A questo si aggiunge la stanchezza di Samules, piA? volte eccessivamente spremuto da coach Banchi durante la regular season.
L’olimpia quindi ad un passo dal baratro, Sassari ad un passo dalle porte di un sogno, che potrebbe concretizzarsi nel piA? incredibili dei modi.

L’appuntamento A? per sabato al Forum, gara 6, dove una disastrata Olimpia proverA� a riscattarsi davanti ai propri tifosi, e dove gli eri biancoblu Lawal e Sanders proveranno a uccidere il gigante.

Federico Meyrat

About Federico Meyrat

View all Posts

Studente milanese, grande appassionato e pessimo giocatore di basket, cerco di raccontare le partite dell'Olimpia Milano, senza dimenticare il Milan e il golf.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.