Serie A – Quinta Giornata — Don’t stop the party

under21 (1)_1Dopo aver passato una serata a fare zapping col telecomando, chiedendoci il perchA� di un destino tanto crudele, la Serie A torna per il primo turno infrasettimanale della Stagione.

La��anticipo del martedA� sera A? quello fra Udinese e Genoa. I friulani per confermare ciA? che di buono si A? visto finora, i liguri per dimenticare la��insipido pareggio in casa col Livorno di sabato scorso.

I bianconeri partono forte, riuscendo a rendersi spesso pericolosi con Di Natale. RossoblA? compatti in difesa, la grande esperienza dei vari Antonini e Gamberini fa il resto, tenendo a galla per larga parte del match la squadra di Liverani.

Il risultato non subisce variazioni fino al 79a��, quando un tiro del capitano bianconero fa esplodere il Friuli: il centravanti A�di origini napoletane A? autore di un insidioso tiro dal limite, reso imparabile da una��evidente deviazione di CalaiA?. Il Genoa prova a reagire, ma A? piA? volte anticipato dalla��attenta difesa della squadra di casa.

Il punteggio A�rimane invariato fino alla fine, regalando cosA� alla��Udinese tre punti utili a guadagnare qualche posizione in classifica, aspettando i verdetti che saranno emessi dagli scontri del giorno dopo.

MercoledA� sera sono otto i match a far battere i cuori dei tifosi.

A Bologna, il Milan conquista ancora una volta il pareggio in extremis: passati in vantaggio al 12a�� con Poli, i rossoneri affondano sotto i colpi di Laxalt (per la��interista una doppietta) e Diamanti, per poi riuscire ad agguantare un immeritato pareggio con Robinho e Abate, rispettivamente alla��89a�� e al 91a��.

Curioso notare che senza i gol in extremis, e quindi con una minore differenza reti e due punti in meno, il Milan sarebbe 17esimo in classifica.

Altra partita ad andare in scena A? Chievo-Juventus. Gli scaligeri passano subito in vantaggio con Therau, per essere poi raggiunti da una rete di Quagliarella e passare in svantaggio per colpa di un autogol di Bernardini.

Anche se sotto nel punteggio, i veronesi non mollano, riuscendo a trovare il meritato pareggio con Paloschi, che a pochi minuti dallo scadere insacca con una conclusione nei pressi della��area piccola. Purtroppo per gialloblA?, il gol viene ingiustamente annullato, per colpa di un presunto fuorigioco, dopo che la��arbitro De Marco lo aveva convalidato. Incomprensibile la decisone degli arbitri, poichA� Paloschi era tenuto in gioco da ben tre giocatori avversari. La partita si conclude dunque a favore dei bianconeri.

In quegli stessi istanti, la��altra squadra di Verona era in trasferta a sfidare la��altra squadra di Torino.

La��Hellas riesce a strappare un pareggio rispondendo due volte ai gol di Cerci, al 44a�� con Juanito e al 67a�� con Jorginho. Pareggio risultato giusto per ciA? che A? strato mostrato in campo, ovvero un possesso palla mai troppo pendente da una parte e azioni da��attacco abbondanti in ognuna delle due aree.

A Roma la Lazio ottiene sul Catania una vittoria per niente facile. In vantaggio dopo 4a�� con Ederson, i biancocelesti subiscono il gol del pareggio dopo soli due minuti da Barrientos. Partita vivace, nessuno rinuncia ad attaccare e il bel gioco non lascia a farsi desiderare. Ea�� perA? la squadra della capitale a trovare il gol del 2-1, grazie a una rete di Lulic allo scadere del primo tempo. La partita rimane aperta fino al 94a��, quando la rete Hernanes sancisce la vittoria del match a favore dei laziali.

Il Livorno si conferma sempre piA? alla��altezza delle grandi, ottenendo la��ennesimo risultato utile, stavolta contro il Cagliari. Ea�� proprio la squadra granata a passare in vantaggio al 23a�� minuto con Luci, mantenendo il punteggio invariato per mezza��ora di gioco. Ea�� infatti al 53a�� che i rossoblu riescono a trovare il pareggio: Ibarbo insacca su assist di NenA� e mette a segno di fatto la��ultima rete del match. 1-1 dunque il risultato finale, e Cagliari che non riesce a sfruttare un’altra buona occasione (almeno sulla carta) per immagazzinare punti.

Stesso risultato anche a Napoli, dove il Sassuolo riesce a riscattare la deludente prestazione fornita nel match precendente strappando un grande e meritato pareggio in casa dei partenopei. Partenopei che partono bene, trovando il vantaggio grazie a una conclusione di Dzemaili al 14a��, ma che si vedono essere raggiunti cinque minuti dopo da una rete del promettente e giA� abilissimo Zaza. La squadra di Benitez attacca per provare a tornare in vantaggio, ma la difesa del Sassuolo mostra ottime cose, sfruttando gli errori causati dalle troppe distrazioni degli avversari per ripartire.

Partita ricca di gol quella fra Parma e Atalanta, dove a fine primo tempo i ducali si vedono in vantaggio per 4-2, in virtA? delle reti segnate da Mesbah (19a��), Parolo (28a��), dopo che i bergamaschi erano riusciti a trovare il pareggio, Rosi (35a��) e di nuovo Parolo (40a��). Inutili i gol di Denis e Livaja, con gli emiliani che impongono pesantemente il loro gioco per larga parte del match.

A Genova, Benatia e Strootman regalano una��importante vittoria alla Roma: i giallorossi riescono ad imporsi nel secondo tempo su una spumeggiante Sampdoria, penalizzata in attacco da qualche sbagliata decisione arbitrale.

Roma che giuda solitaria la classifica, in testa a un Campionato cominciato in modo davvero sublime.

La��ultima partita della giornata A? il posticipo del giovedA� fra Inter e Fiorentina. Primo tempo avaro di gol, in cui le due formazioni sono brave a procurarsi numerose palle gol, e verdetto rimandato alla ripresa. Sono i Viola a portarsi in vantaggio al 60a��, grazie ad un calcio di rigore per una spinta di Juan Jesus su Joaquin. In questi casi la decisone dipende anche dal metro di giudizio utilizzato dalla��arbitro, fatto stA� che la Fiorentina trova la��1-0 con il rigore tirato da Pepito Rossi. La��Inter punta sulla��orgoglio e reagisce: trascinata dalle urla e dai canti di uno stadio vivacissimo anche con la Curva chiusa, centra il pareggio con una splendida rovesciata di Cambiasso, e passa in vantaggio con una splendida conclusione alla��incrocio di Jonathan. Ottima comunque la prestazione dei toscani, che confermano ancora una volta di poter puntare seriamente alle prime posizioni.

Ciao Serie A, ci vediamo fra due giorni.

Jacopo Brama

About Jacopo Brama

View all Posts

Un lunedì di tanti anni fa, seduto all’ultimo banco di una terza elementare, conobbi la prima pagina della Gazzetta e ne rimasi folgorato. Qualche primavera dopo porto nel cuore lo stesso sogno: trasmettere al mondo sentimenti ed emozioni che solo lo sport sa regalare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.