Serie B, 27esima giornata: Avellino, la vittoria sfuma ancora in zona Cesarini!

dybala-apertura

Il Pescara del neo tecnico Cosmi strappa un prezioso pari al Partenio. Palermo in fuga e a + 4 sulla��Empoli bloccato dal Siena. Risalgono Latina e Lanciano. Pari e polemiche tra Cesena e Trapani. In coda sconfitta amara per la Reggina.

 

Ancora una volta fatali e stregati i minuti di recupero per la��Avellino di mister Rastelli che per la seconda volta consecutiva in sette giorni, incassa i complimenti degli avversari, ma non i tre punti che sfumano oltre il 90esimo. E se contro il Varese giustamente si era puntato il dito contro una terna arbitrale assolutamente non alla��altezza per decisioni a dir poco discutibili, la��amaro pareggio A�conseguito contro il Pescara A? solo colpa dei biancoverdi, rei di aver commesso quella��unica fatale A�sbavatura in difesa (applicazione errata del fuorigioco) di tutta la gara che ha consentire a Caprari di acciuffare un pari insperato e, ai punti, immeritato.

Un errore dunque che A? costato caro, carissimo, in termini di punti e di morale. PerchA� se i delfini del neo tecnico Cosmi interrompono il trend negativo di ben sei sconfitte consecutive, gli irpini rimandano ancora la��appuntamento con la vittoria in questo girone di ritorno (4 pareggi tutti per 1 a 1 e due sconfitte), scivolano ulteriormente in classifica, vedendosi scavalcati anche dal Latina, e cominciano probabilmente ad avvertire i primi segni di cedimento sotto il profilo mentale e psicologico a causa di questa nuova, frustrante incapacitA� di fare bottino pieno pur meritandolo.

GiA� perchA� anche contro gli abruzzesi, come giA� successo precedentemente a Terni, a Varese e al Partenio contro il Latina, su un campo ai limiti della praticabilitA�, i lupi meritavano la vittoria per cuore, grinta, abnegazione, applicazione, pazienza, mole di gioco e palle goal create.

Ea�� innegabile, la��Avellino gioca bene, forse A? una delle migliori squadre della categoria per come interpreta le partite, produce tanto, ma difficilmente trova la via del goal e quando lo fa, e questo capita ormai da undici gare consecutive, proprio non riesce a mantenere la sua rete inviolata e dunque risulta incapace di raccogliere quanto di buono seminato nel corso delle gare. Equilibri difensivi alterati a causa di assenze e infortuni, mancanza di cinismo nei momenti topici della gara, incapacitA� di chiudere il match, smarrito senso della concretezza, scarsa precisione sotto porta? O semplice sfortuna? Un poa�� di tuttoa��

Di sicuro dopo aver disputato una gara come quella giocata contro il Pescara non puA? salire sul banco degli imputati il tecnico Rastelli, che non solo ha schierato in campo una formazione equilibrata che ha ben interpretato il match, ma ha anche avuto il coraggio di effettuare quel cambio di modulo che in tanti auspicavano, passando ad un camaleontico e piA? offensivo 3-4-1-2, effettuando pure le sostituzioni piA? logiche del momento. E di certo la croce del pari non possono portarla Soncin e Galabinov: il primo ha avuto il solo demerito di entrare a cinque minuti dalla fine, perdendo una sanguinosa palla a centrocampo, senza ovviamente poter incidere in alcun modo sul match (ma stessa identica sorte sarebbe probabilmente toccata al tanto invocato Biancolino); il secondo dopo una��altra gara maestosa (fatta di sostanza, sponde preziose, assist, capacitA� impressionante di far salire la squadra e proteggere la palla, sfortuna per una��occasione rubatagli e sprecata dal compagno di reparto Castaldo a un metro dalla porta) A�ha purtroppo la sola colpa di aver fallito (anche per bravura e prontezza del difensore avversario) il passaggio filtrante decisivo su un contropiede che solo il a�?senno di poia�? avrebbe potuto dirci come e se mai sarebbe stato finalizzatoa��

Insomma inutile e controproducente cercare colpevoli. I lupi devono solo continuare a lavorare sodo e mantenere alta la concentrazione evitando che questo credito con la fortuna si trasformi in elemento di tormento e insoddisfazione. Anche perchA� il calendario non consente troppe riflessioni e presenta subito due trasferte a dir poco insidiose: venerdA� sera si giocherA� sul campo della��Empoli e successivamente a Bari. Dunque, va bene avvertire un senso di amarezza e rammarico per almeno sei punti persi che avrebbero consentito alla��Avellino di vestire il ruolo di protagonista di un torneo che anche nel 27esimo turno ha dimostrato tutta la sua mediocritA�, ma ricordiamoci che per sognare ca��A? ancora tempoa��

 

La��analisi della 27esima giornata

La ventisettesima giornata della serie B ha fatto il pieno di gol ed emozioni su tutti i campi. 31 le reti, 6 i rigori, 5 i cartellini rossi e tanti, come sempre, gli errori arbitrali. In vetta si conferma il Palermo che solo di misura supera un coriaceo Bari per 2 a 1 con reti di Lafferty e Dybala. Successo prezioso perA? quello dei rosanero che si portano a + 4 sulla��inseguitrice Empoli che, pur portandosi in vantaggio con un rigore di Maccarone, non A? riuscita a far suo il derby toscano contro il Siena, impattando sulla��1 a 1. Riprende quota il Lanciano, che con una magia di Mammarella batte la Juve Stabia e conquista nuovamente la terza posizione. Rimpianti e polemiche nel pari per 2 a 2 tra Cesena e Trapani: i siciliani in vantaggio di due reti, grazie alla doppietta del capocannoniere Mancosu, vengono raggiunti da un goal a�?fantasmaa�? convalidato ai padroni di casa. Vince e convince il Latina che demolisce con tre reti il Padova e agguanta la quinta posizione. Pari spettacolare tra Spezia e Ternana: liguri in vantaggio per due volte, ma sempre raggiunti dalle fere che acciuffano il pari definitivo in pieno recupero con una straordinaria sforbiciata della��ex Antenucci. Settimo blitz esterno stagionale del Carpi che espugna per 2 a 0 il Rigamonti di Brescia, facendo finire sulla graticola il tecnico delle rondinelle Bergodi, sempre piA? a rischio esonero. Vince con lo stesso punteggio anche il Modena che frena le aspirazione da��alta classifica del Crotone. In zona play out pari sotto il diluvio tra Cittadella e Novara (2 -2) e sconfitta incredibile e pesante per la Reggina: i calabresi dopo essere stati in vantaggio di due reti, si fanno prima superare dal Varese, al 91esimo pareggiano, ma a pochi istanti dal triplice fischio si fanno superare infilare ancora per il 3 a 4 finale.

 

 

Risultati e marcatori 27esima giornata:

Avellino a�� Pescara: 1-1

[72a�� Fabbro (A); 91a�� Caprari (P)]

Brescia – Carpi: 0-2
[8′ Concas (C); A�34′ Ardemagni (rig. C.)]

Cesena – Trapani: 2-2
[14′; 52′ Mancosu (T); 70′; 81′ Rodriguez (C)]

Cittadella – Novara: 2-2
[72′ Coralli rig. (C); 77′; 79 Sansovini (N. 2 rigori); 94′ Surraco (C)]

Lanciano – Juve Stabia: 1-0
[84′ Mammarella]

Modena – Crotone: 2-0
[45′ Zoboli; 77′ Babacar rig.]

Palermo – Bari: 2-1
[61′ Lafferty (P); 62′ Galano (B); 82′ Dybala (P)]

Reggina – Varese: 3-4
[7′ Dumitru (R); 45′ Di Michele (R); 63′ Bjelanovic (V); 76′ Oduamadi (V); 86′ Calil (V); 91′ Fischnaller (R); 94′ Oduamadi (V)]

Siena – Empoli: 1-1
[67′ Maccarone (E. rig.); 87′ Jorda (S)]

Spezia – Ternana: 2-2
[31′ Giannetti (S); 51′ Antenucci (rig. T); 76′ Ferrari (P); 91′ Antenucci (T)]

Latina – Padova : 3-0
[31′; 63′ Jonhatas; A�69’Viviani]

 

Classifica:

Palermo 50, Empoli 46, Lanciano 44, Cesena 43, Trapani e Latina 42, Avellino 41, Spezia 40, Crotone 39, Carpi* 38, Brescia 37, Siena e Varese 36, Modena e Pescara 35, Ternana 32, Novara 30, Bari 29, Cittadella 22, Reggina 22, Padova* 21, Juve Stabia 15.

*una gara in meno

 

Nicola Iannaccone

About Nicola Iannaccone

View all Posts

"In una serata primaverile di un lontano aprile del XX sec., nasceva nella ridente e verde Avellino, Nicola Iannaccone, per tutti NIKO… l’insegnante precario, l’archeologo fossilizzato, il giornalista sfaccendato, il fotografo movimentato, l’incallito viaggiatore, l’inguaribile sognatore, l’autista impaziente, il calciatore scalciato, il Gascoigne misurato, il tennista smanettato, lo sportivo attapirato, ma soprattutto il tifoso sfegatato. Di chi? Dei lupi biancoverdi ovviamente, che non hai mai tradito, né abbandonato, al punto da aver fatto richiesta per avere residenza e domicilio presso la curva Sud del Partenio!"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.