Serie B a�� 36esima giornata: Tornano a sorridere Trapani e Avelllino

10269553_764544083578548_5735979911822421049_n

Vincono anche Lanciano ed Empoli. Il Palermo vince anche a Latina. Tonfi interni per Cesena, Padova e Reggina. Juve Stabia matematicamente retrocessa in Lega Pro

La Juve Stabia saluta matematicamente la serie B e retrocede in quella che il prossimo anno sarA� la Lega Pro unica. E’ questo il primo verdetto del campionato di serie B 2013/14, quando mancano ancora sei giornate alla fine della regular season. Per la promozione del Palermo bisognerA� invece attendere molto probabilmente il prossimo turno: pura formalitA� il ritorno in massima serie A dei rosanero che possono vantare ben 16 punti di vantaggio sulla piA? diretta inseguitrice. Gli uomini di Iachini hanno dato l’ennesima dimostrazione di forza andando a vincere nettamente (1 a�� 3) anche sul campo dell’ex vicecapolista Latina che si vede scavalcare in graduatoria dall’Empoli. I toscani si sbarazzano dello Spezia con un secco 2 a 0 firmato Rugani-Tavano ed inanellano la loro quarta vittoria consecutiva tra le mura amiche del Castellani, estromettendo momentaneamente dalla zona play off proprio i liguri di Devis Mangia.

Chi invece ormai stabilmente staziona in zona promozione A? il Lanciano, vittorioso a Varese (lombardi alla loro terza sconfitta consecutiva e sempre piA? vicini alla zona play out); resta in lotta per un posto al sole anche il Siena, che pur impattando in casa con il Carpi, mantiene la settima posizione in coabitazione con Trapani e Avellino. I siciliani sono tornati alla vittoria sul proprio campo dopo oltre due mesi di digiuno e quattro sconfitte consecutive, rifilando tre reti alla malcapitata e ufficialmente retrocessa Juve Stabia; gli irpini invece si aggiudicano il match contro il Crotone rilanciandosi in classifica e soprattutto riaccendendo l’entusiasmo dei tifosi.

A differenza delle ultime apparizioni, i biancoverdi sfoderano una prova gagliarda sotto tutti i punti di vista: tecnico, atletico e tattico. Rastelli azzecca uomini e modulo passando ad una difesa a 4 con Pisacane terzino sinistro, Izzo e Peccarisi centrali e Zappacosta sull’out di destra; affida le chiavi del centrocampo al redivivo Togni e schiera Ladriere come rifinitore alle spalle della collaudata coppia Castaldo a�� Galabinov. Risultato? I lupi, complice anche il ritorno di una condizione di forma ottimale di alcuni elementi, tornano ad azzannare come nel girone di andata: corrono, pressano, costruiscono buone trame di gioco, contengono bene i pitagorici concedendo pochissimo agli avanti rossoblA?, creano e sciupano occasioni a raffica. 2 a 0 il risultato finale con reti di Schiavon e Galabinov, al suo dodicesimo centro stagionale.

Cade, e lo fa rumorosamente, il Cesena che viene umiliato dal Brescia trascinato da uno strepitoso Sodinha, autore della prima delle tre reti messe a segno dalle rondinelle. Bisoli, tecnico dei romagnoli, dopo la contestazione di fine gara A? stato riconfermato dalla sua dirigenza, ma la sua posizione resta in bilico… Pesante ai fini della lotta salvezza la sconfitta interna del Padova battuto dal Bari (1-2): i pugliesi salgono a quota 49, a ridosso dell’ultima posizione utile per accedere agli spareggi promozione. Pirotecnico l’anticipo del venerdA� tra Modena e Ternana: accade tutto negli ultimi 20 minuti quando vengono a messo ben sei reti. Quella del definivo pari dei canarini al 98esimo, tre minuti dopo il recupero concesso dal direttore di gara e la rete del momentaneo vantaggio delle fere di Alfageme.

Finisce invece a reti bianche Pescara a�� Novara, con gli adriatici che vedono sempre piA? allontanarsi la zona play off e i piemontesi che restano invischiati in quella play out. Zona che non riuscirA� piA? ad acciuffare la Reggina: gli amaranto perdendo al Granillo anche contro il Cittadella (con rigore fallito in pieno recupero da Gerardi), dicono praticamente addio alla serie cadetta.

 

Risultati e marcatori 36A� turno di Serie B:

Pescara- Novara 0-0

Modena- Ternana 3-3 (Granoche, Miglietta, rig. Antenucci, Bianchi, Alfageme, Mazzarani)
Avellino-Crotone 2-0 (Schiavon, Galabinov)
Cesena-Brescia 0-3 (Sodinha, Budel, Corvia)
Empoli-Spezia 2-0 (Rugani, Tavano)
Latina-Palermo 1-3 (Dybala, Paolucci, Pisano, Lafferty)
Padova-Bari 1-2 (Ceppitelli, rig. Polenta, Cuffa)
Reggina-Cittadella 0-1 (Aut. Bochniewicz)
Siena-Carpi 0-0
Trapani-Juve Stabia 3-0 (Basso, Mancosu, Ciaramitaro)
Varese-Lanciano 0-1 (Mammarella)

 

La classifica: Palermo 75; Empoli 59; Latina 57; Crotone 55; Lanciano 54; Cesena 53; Siena, Trapani, Avellino 52; Spezia 51; Modena 50; Bari, Brescia 49; Pescara 47; Carpi 46; Ternana 45; Varese 43; Novara 40; Cittadella 39; Padova 35; Reggina 28; Juve Stabia 17.

 

Nicola Iannaccone

About Nicola Iannaccone

View all Posts

"In una serata primaverile di un lontano aprile del XX sec., nasceva nella ridente e verde Avellino, Nicola Iannaccone, per tutti NIKO… l’insegnante precario, l’archeologo fossilizzato, il giornalista sfaccendato, il fotografo movimentato, l’incallito viaggiatore, l’inguaribile sognatore, l’autista impaziente, il calciatore scalciato, il Gascoigne misurato, il tennista smanettato, lo sportivo attapirato, ma soprattutto il tifoso sfegatato. Di chi? Dei lupi biancoverdi ovviamente, che non hai mai tradito, né abbandonato, al punto da aver fatto richiesta per avere residenza e domicilio presso la curva Sud del Partenio!"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.