Serie B – 38esimo turno: l’Empoli vede la A. Latina terzo.

10338845_308809655942738_6264584149687442620_n

 

I toscani battono il Crotone e restano a piA? 4 sui pontini, vittoriosi contro la Ternana. L’Avellino batte lo Spezia lo scavalca in classifica e agguanta l’ultimo posto utile per disputare i play off. Tonfo casalingo del Trapani; tre punti preziosi per Cesena, Modena, Bari, Pescara e Carpi.

Avvincente… un solo aggettivo basta per definire il campionato di serie B di questa stagione lunga e appassionante. PerchA� se A? vero che il Palermo ha archiviato con largo anticipo il suo ritorno in massima serie e il duo Juve Stabia – Reggina il loro mesto ritorno in Lega Pro, A? altrettanto vero che, quando mancano soli 360 minuti al termine della regular season, la lotta per la seconda piazza, cosA� come quella per un posto in zona play off e per la salvezza, resta apertissima.

La 38esima giornata si A? aperta con due posticipi: quello andato in scena al Castellani di Empoli dove i padroni di casa battendo il Crotone per 3 a 1 grazie ad uno strepitoso Maccarone (autore di una doppietta) hanno consolidato il loro secondo posto in solitaria mantenendo 4 punti di vantaggio sull’inseguitrice Latina; e quello che ha visto il Padova perdere al 90esimo in casa contro il Cesena. Per i biancoscudati, sterili e poco lucidi, si spalancano le porte della retrocessione, mentre i romagnoli, alla loro seconda vittoria consecutiva, mettono quasi in cassaforte la loro partecipazione ai play off. CosA� come il Latina di mister Breda, che con un’altra prova maiuscola, facilitata dalla doppia espulsione di Miglietta e Russo tra gli umbri, rifila un secco 2 a 0 alla Ternana e sale a quota 61 in classifica, agguantando il terzo posto in solitaria e restando ancora in lotta per il secondo, distante soli quattro punti.

Preziosissima in chiave spareggi promozione la vittoria del Modena trascinato da una doppietta di super Babacar che supera per 3 a 1 il Novara relegando i piemontesi al quart’ultimo posto a tre dal Varese e cinque dalla salvezza diretta. Buono il punto ottenuto dal Lanciano sulla neo promossa Palermo e ottimi i tre punti ottenuti invece dall’Avellino che supera lo Spezia sul campo e in classifica e aggancia l’ottavo posto, l’ultimo utile per accedere ai play off. Rastelli, per fronteggiare il 4-4-2 di Mangia, ha optato per il 4-3-1-2 con la novitA� De Carli in difesa, l’esclusione di Arini a centrocampo e la conferma di Ladriere trequartista alle spalle della coppia Castaldo-Galabinov. Scelte azzeccatissime perchA� i biancoverdi coprono bene tutte le zone del campo giocando un primo tempo sontuoso per intensitA� e carattere: di Galabinov e Schiavon l’uno-due che manda al tappeto gli spezzini che solo nella ripresa provano a creare qualche grattacapo ai lupi, ma trovano sulla loro strada un attento Seculin.

Continua a sognare anche il Bari, alla sua ottava vittoria nelle ultime 11 gare: i galletti si sbarazzano agevolmente della Juve Stabia rifilandole tre reti che portano la firma di Joao Silva e Galano (doppietta). Peccato che la vittoria dei pugliesi sia stata rovinata da alcuni episodi poco piacevoli: prima dell’inizio del match due ragazzi sono stati ustionati dal lancio di una bomba carta nella zona del prefiltraggio e nell’intervallo, in curva Nord, c’A? stata una rissa tra alcuni sostenitori biancorossi continuata poi anche nei corridoi esterni dello stadio.
Tonfo pesante per il Trapani che cade al Provinciale contro il Cittadella (1-2), che conferma il suo momento di forma avendo conquistato ben 16 punti nelle ultime sei partite. Male i siciliani, alla loro sesta sconfitta casalinga, che vedono cosA� allontanarsi il traguardo play off,
Dopo oltre un mese e mezzo di astinenza torna alla vittoria il Pescara che, grazie ad una rete fortunosa di Sforzini, batte il Siena e raggiunge la fatidica quota dei 50 punti. Per i toscani, spenti e abulici, sconfitta senza attenuanti che, se mai ce ne fosse ancora bisogno, conferma la fase calante di Rosina e soci penalizzati da una situazione societaria ben lungi dall’essere chiarita e risolta.

La quinta sconfitta consecutiva incassata contro il Carpi, fa invece sprofondare il Varese al quint’ultimo posto: la posizione del tecnico Stefano Sottili, subentrato a metA� marzo a Carmine Gautieri, A? in bilico e non potrebbe essere altrimenti visto che la sua gestione ha portato solo due vittorie e un pareggio, oltre a sei sconfitte. Inutile infine il pareggio per 1 a 1 maturato al Granillo con la giA� retrocessa Reggina che A? riuscita a bloccare il Brescia: da segnalare incidenti tra le opposte tifoserie prima del match. MartedA� si torna in campo per l’ultimo turno infrasettimanale della stagione che vedrA� numerosi scontri diretti sia in testa che in coda…

Risultati e marcatori 38esimo turno:
Padova – Cesena 0-1
(91′ Cascione rig.)
Empoli – Crotone 3-1
(9′ e 36′ Maccarone (E), 52′ Cataldi (C), 92′ Verdi (E))
Avellino – Spezia 2-0
(29′ Galabinov, 31′ Schiavon)
Bari – Juve Stabia 3-0
(8′ Joao Silva, 70′ e 80′ Galano)
Latina – Ternana 2-0
(66′ Viviani, 93′ Ghezzal)
Modena – Novara 3-1
(13′ e 59′ Babacar (M), 15′ Sansovini (N), 49′ Signori (M))
Palermo – Virtus Lanciano 1-1
(41′ Barreto (P), 48′ Falcinelli (VL))
Pescara – Siena 1-0
(69′ Sforzini)
Reggina – Brescia 1-1
(30′ Fischnaller (R), 78′ Corvia rigore (B))
Trapani – Cittadella 1-2
(12′ Basso rigore (T), 28′ Djuric (C), 57′ Paolucci (C))
Varese – Carpi 0-2
(60′ Mbakogu, 92′ Pesoli rig.)

Classifica:
Palermo 79, Empoli 65, Latina 61, Cesena 59, Crotone 58, Modena e Virtus Lanciano 56, Avellino 55, Bari e Spezia 54, Trapani 53, Siena e Carpi 52, Pescara e Brescia 50, Ternana 45, Cittadella 45, Varese 43, Novara 40, Padova 35, Reggina 26,Juve Stabia 18

A�

Nicola Iannaccone

About Nicola Iannaccone

View all Posts

"In una serata primaverile di un lontano aprile del XX sec., nasceva nella ridente e verde Avellino, Nicola Iannaccone, per tutti NIKO… l’insegnante precario, l’archeologo fossilizzato, il giornalista sfaccendato, il fotografo movimentato, l’incallito viaggiatore, l’inguaribile sognatore, l’autista impaziente, il calciatore scalciato, il Gascoigne misurato, il tennista smanettato, lo sportivo attapirato, ma soprattutto il tifoso sfegatato. Di chi? Dei lupi biancoverdi ovviamente, che non hai mai tradito, né abbandonato, al punto da aver fatto richiesta per avere residenza e domicilio presso la curva Sud del Partenio!"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.