Shaun White…to be continued

Snowboarder-Shaun-White-w-001La leggenda non finisce. Non finisce con una caduta. Non finisce con un quarto posto alle Olimpiadi. Che per uno come lui, A? uno smacco. Uno che ha vinto due ori negli ultimi due Giochi Invernali, A�trionfando in innumerevoli X Games, regalando trick impossibili per poi diventare una delle piA? famose icone sportive degli Stati Uniti, non puA? fermarsi adesso. A? per questo che Shaun White, dopo aver fallito la finale dell’Halfpipe, ha immediatamente reso nota la sua intenzione di tornare a vincere un’oro. A Pyeongchang 2018 il ragazzo di San Diego avrA� 32 anni, molto probabilmente piA? avversari da battere e la voglia di reagire che nei momenti che contano A? salata sempre fuori.

A? saltata fuori dopo che a neanche un anno, superate due operazioni a cuore aperto che aveva messo a rischio la sua vita, ha reagito al meglio, onorando una vita e uno sport che forse ora conosceremmo in modo diverso se quel ragazzino non avesse saputo ribellarsi al destino. A? saltata fuori anche a Sochi, ma non A? bastata. Dopo un 95 pieno ottenuto nelle qualificazioni, nella prima manche della finale A? stato tradito da un trick con cui in realtA� non ha mai avuto molto feeling. Chiude infatti il frontside triplo cork 1440 con metA� tavola sul bordo della rampa, rischiando perfino di spezzarla in due (per quanto sia comunque “estremamente difficile” spaccare uno snowboard in questa maniera). Agli appassionati A? quasi crollato il mondo, soprattutto perchA� la seconda manche ha fruttato all’americano solo (si fa per dire) 90 punti, non sufficienti per salire sul podio.
E uscire di scena per un trick mai cosA� amato non ti puA? proprio andare giA?…

E allora… Waiting for Pyeongchang.
To be continued…

Jacopo Brama

About Jacopo Brama

View all Posts

Un lunedì di tanti anni fa, seduto all’ultimo banco di una terza elementare, conobbi la prima pagina della Gazzetta e ne rimasi folgorato. Qualche primavera dopo porto nel cuore lo stesso sogno: trasmettere al mondo sentimenti ed emozioni che solo lo sport sa regalare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.