Solo Klose

171636880-735653c8-faaf-4b79-868e-3d26ca726f46Altro che ventidue titolari. La tanto decantata rosa extralarge di Lotito si riduce ad un manipolo di uomini la cui assenza comporta gravissimi deficit in termini di gioco e risultati. Rientra Klose e la Lazio ritrova un tiepido sorriso ma soprattutto il gol. Il panzer tedesco, uno dei pochi, se non la��unico a sostenere il tecnico, regala voglia e classe ma soprattutto concretizza e realizza situazioni offensive importanti. Oltre il gol infatti, il Mironazionale si propone, crea e suggerisce facendosi trovare sempre al posto giusto. Tanta classe al servizio di Petkovic che spera di aver cosA� guadagnato quella serenitA� che a Formello manca da tempo. Certo, il Livorno non puA? rappresentare un valido banco di prova, considerato il basso livello tecnico dei toscani ma a questo punto conta solo far punti per allontanarsi dalla zona a rischio. Non solo Klose, ma anche il rientro di Biava ha fatto la sua parte. Un altro di quei pochi titolari che non trova valide alternative nella rosa. Una gara decisa e sicura quella della��esperto centrale biancoceleste che si spera possa confermarsi ai livelli cui ha abituato le platee laziali. Fallite le scommesse estive del mercato, nella prossima sessione invernale necessiterA� perA? A�tornare sul mercato e correre ai ripari. Urgono almeno un centrale difensivo giA� pronto ed una punta esperta che possa sostituire degnamente Klose. La gara con il Livorno ha evidenziato, se ce ne fosse ancora bisogno, che la rosa non ha valide alternative ad esclusione del centrocampo. Una rosa perA? che va nuovamente ad aumentare sensibilmente di numero per via delle tante scommesse perse delle quali il duo Lotito-Tare dovrA� provvedere alle cessioni. Pensare di poter terminare la stagione senza nuovi innesti vorrebbe dire correre pericolosamente sulla��orlo del baratro ben sapendo che Klose giocherA� poco, Biava A? ormai ben oltre la trentacinquina e giocatori come Konko non sono fisicamente affidabili. Senza dimenticare il rebus allenatore. Se da una parte il risultato di ieri A? come una panacea ed un a�?sollievoa�?, non puA? certo far dormire sugli allori. La Lazio deve ancora aggrapparsi a certi calciatori ma il tempo non fa sconti a nessuno. Vittoria che arriva societA� che trovi. Come solitamente accade dopo un risultato positivo, i vertici laziali sono ovunque, pronti a dispensare moniti e dettami finanziari con tanto di autoincensamento. Ma Lotito riesce ad andare ben oltre e cosA� come la mosca chiusa dentro un bicchiere che annaspa e si dimena cercando una via da��uscita ha attaccato di nuovo tutto e tutti, in primis i tifosi rei, di essere andati allo stadio solo per contestare. Effettivamente, nonostante la nota antipatia tra Lazio e Livorno, i supporter biancocelesti, da ogni settore, hanno dedicato gran parte dei cori alla dirigenza, tutti con tenori poco amichevoli. Il presidente ribadisce di avere la��impermeabile, ma che lo dimostrasse allora senza reagire in modo cosA� veemente e fuori luogo anche contro i media dando invece la netta sensazione opposta. Del resto la posizione per il numero uno biancoceleste non A? piA? cosA� solida, i risultati non vengono, come ampiamente prevedibile, la fortuna ha iniziato a girare, il mercato sta risultando un flop, le scommesse perse, amicizie che vanno ma soprattutto uno stadio naufragato prima ancora di salpare. Si ostenta serenitA� ed unitA� ma la fredda dichiarazione di Petkovic nel post partita in luogo della consueta conferenza stampa la dice lunga su quanto invece la��atmosfera continui ad essere tesa. In mezzo ca��A? la Lazio, che rischia le ripercussioni di una gestione al di fuori della norma con risultati non degni della sua storia. Non si chiede la luna, ma solo di riconsegnare la Lazio ai laziali ed ai suoi sentimenti. E la��esclusione di KeitA� rischia di gettare benzina sul fuoco. Prima della sosta la Lazio andrA� a far visita al Verona, probabilmente senza Konko e Dias e solo al Cibali si vedrA� se la vittoria col Livorno sia stato un fuoco di paglia o meno.

Massimiliano Marsili

About Massimiliano Marsili

View all Posts

Romano de Roma, è ormai prossimo alle 50 primavere. Dopo la famiglia, la vita all'aperto è stato da sempre il suo secondo amore. Una vita nello sport con il grande hobby del giornalismo sportivo. Per poco non è diventata la principale attività lavorativa ma la passione non si è mai sopita. Basket e Calcio hanno rappresentato ed in parte tutt'ora lo sono parte della sua vita.... sport praticati a tutti i livelli, giocatore allenatore ed arbitro. Parimenti le esperienze radiofoniche con diverse emittenti e strutture locali e nazionali, sia web che FM. Laziale doc, amante di tutto il movimento biancoceleste che segue in diversi siti e blog. Con grande piacere ed entusiasmo si è lasciato coinvolgere dal progetto di SportBloggers.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.