Stendardo+Gomez, l’Atalanta stende in scioltezza un modesto Frosinone (2-0)

stendardo

L’Atalanta inaugura il nuovo stadio con una buona quanto utilissima vittoria. Il neopromosso Frosinone si mostra notevolmente inferiore ai padroni di casa che dettano il ritmo per tutta la gara. E’ il portiere Leali il migliore in campo degli ospiti ed è grazie alle sue prodezze se la sconfitta non diventa dilagante. Merita sicuramente un 9 in pagella la prestazione dell’estremo difensore della neopromossa suggellata dal rigore parato a Pinilla nel primo tempo quando si era sullo 0-0.

Mister Reja conferma la difesa che aveva fatto bene a Milano lasciando in panchina i neo acquisti Paletta e Toloi. Viene ripagato da una buona prestazione da parte di tutto il reparto difensivo, con Stendardo che regala anche un gol da centravanti vero. La coppia dei due fantasisti Moralez-Gomez regalano giocate pregiate facendo divertire il pubblico risultando spesso imprendibili per questi avversari. Il Papu appare il piu’ concreto dei due in fase di finalizzazione tanto da siglare una bellissima rete con un potentissimo esterno sinistro da fuori area. L’Olandese De Roon si conferma con una buona prestazione mostrando una sicurezza da veterano del calcio italiano ed un’intelligenza tattica notevole. Buonissima anche la prestazione di Dramè molto attento nella fase difensiva (a parte un malinteso con Sportiello) e concreto quando si propone in attacco sfiorando anche un gol con un bel tiro che si stampa sul palo.

Pinilla gioca una partita dove combatte molto, ingaggia un duello infinito con Diakitè, appare spesso nervoso e rimedia anche un cartellino giallo che mette i brividi ai tifosi orfani di Denis che causa infortunio segue la partita dalla tribuna. La prossima settimana ci sarà la pausa per la nazionale che servirà a mister Reja per lavorare sull’inserimento dei nuovi acquisti.

Si giocherà il 13 settembre fuori casa contro il Sassuolo che si trova a bottino pieno dopo le prime due giornate. Vedremo nelle prossime partite contro avversari di caratura superiore se l’Atalanta manterrà quanto di buono fatto nella prestazione casalinga.

Paolo Vavassori

About Paolo Vavassori

View all Posts

Nato a Bergamo, classe 1967 (la stessa di Roby Baggio e scusate se è poco). Leggo la stessa anche di Gigi D'Alessio (scusate e basta). Da piccolo gioca a calcio ed è una promessa (con se stesso). Ripiega da subito su sport più statici per passare ben presto allo sport parlato e scritto. Folgorato dalla stella Maradona che conosce di persona (conserva gelosamente una fotografia ricordo dell ' 89 che lo ritrae con il Pibe a ricordo anche della propria capigliatura). Folgorato molto prima dalla Dea Atalanta che segue da sempre e continuerà a seguire (sempre più spesso dal divano di casa). Appassionato di golf e fotografia ha come sogno quello di poter fotografare una partita di serie A da bordo campo con la sua mitica Canon (ma ci stiamo lavorando).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*