Travolta Pistoia, Avellino con la testa alle F8 di Firenze

P_20180211_184255_PNPartita senza storia al Paladelmauro. Troppa differenza tecnica e troppe assenze tra le fila di Pistoia. Esposito fa ciA? che puA? ma prova a fare una carbonara senza pancetta e senza uova. Il risultato A? una insipida pasta con un filo d’olio. Fesenko e N’Diaye vanno a nozze coi pariruolo avversari. Scrubb, oramai cecchino ineguagliabile, merita il titolo di MVP del mese di gennaio. Filloy e Rich, sottotono da qualche partita, fanno comunque vedere cose molto pregevoli. Fitipaldo sembra fortunatamente in crescita costante anche se oggi, col primo ingresso, ha fatto rivedere qualche giocata imbarazzante tipica di un mesetto fa. Ottima uscita dalla panca anche di Zerini, autore di due triple; Wells si infuria per un fallo non fischiato dagli arbitri e fa uno stupido antisportivo sotto gli occhi della terna. Sacripanti e Oldoini lo rimproverano severamente. Ma quando si accende cosA� A? meglio lasciarlo sbollire. Atteggiamenti fuori dalle righe e grandissimo nervosismo che perA? convoglia in due poderose schiacciate che fanno tremare il palazzetto. Sabatino entra nel garbage time ma Pistoia difende. I compagni lo cercano, lui sbaglia una tripla ma non si scoraggia. Si libera, gliela passano e mette a segno un tiro dai 6.75. A referto i primi 3 punti della stagione per il giovanissimo giocatore di Avellino.

I numeri. Da segnalare il plus minus di Bruno Fitipaldo. Con lui in campo, al netto di qualche fesseria fatta anche oggi, Avellino mette 19 punti in piA? dei propri avversari. Avellino tira con 50% da 3 punti. E’ una percentuale altissima. E’ la chiave di volta di ogni partita. Se gli esterni segnano con costanza, gli avversari non possono collassare sul lungo e si crea spazio. La pallacanestro A? un gioco facile (se la palla entra). Da sottolineare anche i 6 tiri liberi falliti. I 3 sbagliati dai pivot ci stanno. Ma Rich, Fitipaldo e Leunen possono sicuramente fare meglio. Sacripanti ruota tutti gli uomini a disposizione. Nessuno gioca piA? di 20 minuti. Ottimo segnale. 32 assist contro gli 11 di Pistoia danno la cifra della accuratezza con cui i giocatori cercano il compagno libero. Miglior rimbalzista di Avellino Thomas Scrubb. Non stupisce. Se Fesenko avesse la stessa energia sarebbe O’Neill con piA? tecnica e dominerebbe in NBA. Il lungo ucraino tira con il 90% da due punti. Fenomenale. Zerini 100% da tre con due triple realizzate e 6 rimbalzi. In difesa A? poi sempre un leone. Rich fa 19 punti ma ha un misero 40% da due punti. Risultato dei troppi isolamenti che prende ogni volta che decide assieme ai propri compagni che lui A? l’unico terminale offensivo della squadra. Per il resto sembrano passati i piccoli guai fisici.

Ed ora tutti con la testa a Firenze dove alle 18 di giovedA� ci sarA� la palla a due del primo match delle Final Eight 2018. Il popolo avellinese si sta preparando al solito esodo. La squadra c’A?. Bisogna crederci.

Angelo Michele Santoro

About Angelo Michele Santoro

View all Posts

Nato nel lontano 1975, percorro l’Italia in lungo e in largo più della maglia rosa al Giro. Prima Como, poi Avellino, passando per Modena e Novara ma non disdegnando qualche capatina a Roma. Qualcuno dice che io sia leggermente sovrappeso ma è solo invidia. Sport preferiti: basket e sollevamento forchetta che pratico entrambi da amatore con risultati pessimi da una parte e fin troppo buoni dall’altra. Da 15 anni dico tutte le mattine di andare in ufficio dedicandomi in realtà alla mia passione: guardo gli operai dei cantieri in città. Lettore accanito, giornalista, scrittore prolisso e parlatore logorroico, mi riconosco soltanto un grande difetto. Non finisco mai ciò che iniz...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.